Esami Consulenti del Lavoro 2021: modalità semplificate

Sono state rese note le modalità di svolgimento degli esami dei Consulenti del Lavoro per il 2021. Ecco i dettagli.


Esami Consulenti del Lavoro 2021: come verranno svolti gli esami di abilitazione alla professione del Consulente del Lavoro per il 2021? Innanzitutto, a parziale modifica del Decreto Direttoriale n. 3 del 21 gennaio 2021, il Decreto Direttoriale n. 46 del 16 luglio 2021 ha prorogato a venerdì 10 settembre 2021 i termini di scadenza per l’invio delle domande di ammissione.

Inoltre, a causa del perdurare dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, con il Decreto Direttoriale n. 46 del 16 luglio 2021 è stato previsto – anche per la sessione 2021 – che l’esame di Stato per l’esercizio della professione di Consulente del Lavoro sia costituito esclusivamente dalla prova orale. Conseguentemente, le prove orali avranno inizio a decorrere dal 25 ottobre 2021, secondo i calendari adottati dalle singole commissioni. Si ricorda, tra l’altro, che l’accesso alla procedura d’iscrizione avverrà tramite le credenziali SPID o attraverso l’accesso CIE.

Le modalità di svolgimento dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di Consulente del Lavoro sono state fornite dall’INL con la nota n. 5184 del 16 luglio 2021.

Esami Consulenti del Lavoro 2021: presentazione e istruttoria domande di ammissione

L’art. 3 del D.D. n. 46 del 16.07.2021 differisce il termine di presentazione delle domande di ammissione alla data del 10 settembre 2021. Come noto, la domanda di ammissione all’esame di Stato deve essere presentata esclusivamente in modalità telematica.

Al riguardo il MLPS ha messo a disposizione un apposito applicativo accessibile tramite link https://servizi.lavoro.gov.it/abilitazionecdl.

L’applicativo consente al personale abilitato la gestione delle domande e, nello specifico, di:

  • valutare l’ammissibilità dei singoli candidati, registrare l’esito della valutazione o indicare le motivazioni dell’eventuale rigetto;
  • reperire i dati dei candidati per ogni comunicazione/convocazione;
  • esportare in formato Excel e PDF l’elenco dei candidati da convocare;
  • registrare, per ogni candidato ammesso, la presenza in sede di esame e il relativo esito.

L’Ufficio sede d’esame, conclusa la fase di istruttoria delle domande, registrerà l’ammissibilità dei singoli candidati sull’applicativo dedicato. L’eventuale rigetto della domanda di partecipazione, oltre che registrato sull’applicativo con le necessarie motivazioni, dovrà essere oggetto di apposita comunicazione al candidato tramite PEC o, in mancanza, tramite raccomandata A/R.

Leggi anche: come diventare consulente del lavoro

Abilitazione CdL 2021: convocazione candidati per la prova orale

Nella lettera di convocazione i candidati sono informati del luogo, della data e dell’ora della convocazione, delle procedure da seguire e quelle a cui saranno sottoposti per l’accesso alle sedi INL. La convocazione dovrà necessariamente contenere i seguenti elementi:

  • indicazione del giorno e dell’orario di presentazione del candidato;
  • informativa sulla rilevazione della temperatura corporea;
  • informativa sul divieto di accesso per chiunque presenti febbre superiore a 37.5° o che riscontri sintomi associabili a COVID-19;
    • per chiunque negli ultimi 14 giorni abbia avuto contatti stretti con soggetti positivi a COVID-19;
    • abbia avuto contatti stretti con persone che potrebbero essere potenzialmente positivi al COVID-19 o sono in attesa di effettuare tampone di controllo;
    • stia in contatto con familiari o conviventi entrati a loro volta in contatto con una persona positiva a COVID-19;
  • informazione al candidato di presentarsi munito di mascherina in assenza della quale non sarà consentito l’accesso ai locali;
  • informazione al candidato in merito alla necessità di portare con sé una penna non cancellabile;
  • informativa sulle modalità di accesso e i comportamenti da tenere presso la sede dell’Ispettorato;
  • informazione ai candidati sulle modalità di comunicazione dell’esito dell’esame.

Assembramenti

Per evitare assembramenti è opportuno che le convocazioni dei candidati avvengano con orari differenziati, ad intervalli non inferiori a 30 minuti. Inoltre, nel rispetto del protocollo di sicurezza vigente, si dovrà:

  • rendere disponibili prodotti per l’igiene delle mani per candidati e commissione anche in più punti degli spazi dedicati all’attività, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici, raccomandarne e promuoverne l’utilizzo frequente;
  • conservare l’elenco dei soggetti che hanno partecipato all’esame e quello degli uditori per un periodo di 14 giorni, al fine di consentire alle strutture sanitarie competenti di individuare e tracciare eventuali contatti;
  • organizzare gli spazi destinati all’attività in modo da assicurare il distanziamento di almeno un metro tra i presenti, e favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni;
  • procedere alla pulizia del locale al termine di ogni sessione. Particolare riguardo nella pulizia sarà posta per le superfici più frequentemente toccate, ai servizi igienici e alle parti comuni;
  • evitare promiscuità nell’uso delle penne e di altro materiale di cancelleria;
  • rispettare l’obbligo, per gli impianti di condizionamento, di escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria, ove tecnicamente possibile.

Prova orale esame CdL: su cosa vertono le tematiche

La prova orale verterà sulle seguenti materie e gruppi di materie:

  • diritto del lavoro;
  • legislazione sociale;
  • diritto tributario ed elementi di ragioneria, con particolare riguardo alla rilevazione del costo del lavoro e alla formazione del bilancio;
  • elementi di diritto privato, pubblico e penale;
  • ordinamento professionale e deontologia.

Le Commissioni, al fine di accertare l’acquisizione delle competenze, nozioni e abilità richieste per l’esercizio della professione di consulente del lavoro da parte dei candidati, avranno particolare riguardo alle materie per le quali non potranno essere sostenute le prove scritte.

A tal fine predisporranno il set di domande avendo cura di formulare le medesime in numero e modalità tali da poter valutare al meglio la preparazione generale richiesta, assicurando adeguati tempi di esposizione e il necessario approfondimento delle materie che sarebbero state oggetto di prova scritta.

Le prove orali avranno inizio in data 25 ottobre 2021 e proseguiranno secondo i calendari di esame adottati dalle singole Commissioni, in base al numero dei candidati.

Esito esami CdL: come avviene la comunicazione

In merito alle modalità di pubblicazione degli esiti degli esami, gli elenchi predisposti dagli uffici per la necessaria pubblicazione nel sito istituzionale devono risultare privi di qualsiasi dato ulteriore rispetto al nome e cognome del candidato.

L’esito della prova orale andrà comunque comunicato, non oltre il giorno successivo, anche al singolo candidato.