Assicurazione casalinghe 2018 INAIL, in scadenza il 31 gennaio

L'assicurazione casalinghe INAIL 2018 contro gli infortuni domestici è in scadenza al 31 gennaio. In questo articolo, vi spieghiamo come funziona, chi è obbligato al pagamento, quanto costa e si paga.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’assicurazione casalinghe INAIL, è stata istituita con la legge 493/1999 per regolarizzare un settore molto importante come quello domestico. Si tratta di una assicurazione infortuni per coloro che si occupano della cura della famiglia e della casa gratis e senza alcun vincolo di subordinazione. Per il pagamento del nuovo premio, c’è tempo fino al 31 gennaio 2018.

L’assicurazione infortuni INAIL contro gli infortuni domestici, è obbligatoria per legge per tutti coloro che si occupano della cura della casa e che non svolgono alcun tipo di attività lavorativa. Come per la pensione casalinghe (con cui è correlata) è bene specificare che sebbene si parli di casalinga al femminile, l’assicurazione infortuni domestici è rivolta a entrambi i sessi.

INAIL: assicurazione casalinghe 2018 come funziona

La legge numero 493 del 1999, stabilisce una tutela assicurativa in ambito domestico, ovvero sull’abitazione e sulle relative pertinenze come soffitte, cantine, giardini o balconi in cui si risiede con la propria famiglia. Rientrano nella suddetta tutela, anche le parti comuni come androni e scale e i luoghi tutelati in residenze temporanee per le vacanze sul territorio italiano. Non sono compresi, invece, infortuni in itinere.

Sono quindi soggetti ad una assicurazione contro gli infortuni domestici, i soggetti con i seguenti requisiti:

  • età compresa tra i 68 ed i 65 anni compiuti;
  • svolgono il lavoro senza vincoli di subordinazione;
  • svolgono un lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo, con attenzione alla cura della famiglia e della casa;
  • senza alcuna retribuzione.

Per nucleo familiare, in base ai criteri stabiliti dalla stessa legge numero 493/1999, si intende un legame caratterizzato da vincolo di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela, vincoli affettivi e coabitazione.

INAIL casalinghe, chi è obbligato

Sono obbligati all’iscrizione all’INAIL casalinghe i seguenti soggetti:

  • studenti fuori sede che si occupano della cura della casa in cui vivono;
  • chi ha compiuto la maggiore età in attesa della prima occupazione che si occupa della cura della famiglia;
  • titolari di una pensione e che non hanno superato i 65 anni di età;
  • lavoratori in mobilità o in cassa integrazione guadagni;
  • cittadini stranieri che non hanno una altra occupazione e che si occupano della cura della famiglia e della casa in territorio italiano.
  • chi svolge una attività lavorativa solo in certi periodi dell’anno ovvero lavoratori stagionali o temporanei. In questo caso, l’obbligo di stipula dell’assicurazione infortuni domestici, riguarda solo il periodo in cui non è svolta l’attività lavorativa e ci si occupa della cura della famiglia e della casa a titolo gratuito e in modo abituale.

Sono esclusi invece dall’obbligo di iscrizione all’INAIL casalinga coloro che non presentano i requisiti anagrafici, ovvero non hanno superato i 18 anni o hanno più di 65 anni. Esclusi anche i lavoratori part-time, gli iscritti a corsi di formazione, i lavoratori socialmente utili, i titolare di una borsa lavoro e i religiosi.

Assicurazione casalinghe 2018 INAIL, quanto costa e come si paga

La cosiddetta assicurazione casalinga INAIL è un obbligo di legge. La normativa prevede sanzioni per coloro che presentano i requisiti di legge appena analizzati e non rispettano il pagamento dell’assicurazione all’Inail. Il costo annuale dell’assicurazione domestica è comunque irrisorio. Il costo annuale infatti ammonta a 12,91 euro ed deducibile ai fini fiscali.

Per la prima iscrizione l’assicurazione si paga tramite apposito bollettino postale Td451. Quest’ultimo, deve essere intestato all’Inail Assicurazione infortuni domestici, p.le G.Pastore 6- 00144, Roma e riportare codice fiscale, nome e cognome della casalinga/o per associare in automatico il pagamento. E’ da indicare inoltre anche l’anno del pagamento del premio. Appositi bollettini premarcati si trovano presso gli uffici postali e presso le sedi INAIL territoriali.

Assicurazione casalinghe 2018 INAIL, scadenza 31 gennaio

Se già si è iscritti, invece, il pagamento avviene mediante bollettini PA prestampati inviati dall’INAIL alla fine di ogni anno con gli importi da versare entro il 31 gennaio 2018. Se non hai ancora ricevuto questi moduli, potrai compilare il modello Td451, indicando i dati del pagamento e rispettando sempre la data ultima del 31 gennaio 2018.

Il premio assicurativo può essere altresì pagato online con sistema: Pagamenti pagoPA®

Assicurazione infortuni casalinghe, casi di esonero

Infine vediamo quali sono i casi di esonero dal pagamento dell’assicurazione casalinghe. In particolare è esonerato dal pagamento del suddetto premio assicurativo contro gli infortuni in ambito domestico colui che ha un reddito particolarmente basso. In questi casi il premio è a carico dello Stato:

  • soggetti con reddito lordo fino a 4.648,11 euro annui;
  • che fanno parte di un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo non supera i 9.296,22 euro annui.

Assicurazione infortuni INAIL cosa copre

Ma quali eventi copre l’assicurazione infortuni INAIL casalinghe? Si ha diritto alle prestazioni INAIL in caso di infortunio grave in ambito domestico.

In particolare se dall’infortunio deriva una inabilità permanente riconosciuta pari o superiore al 27% o per la morte. Bisogna comunque sempre aprire una pratica di infortunio domestico.

Opuscolo informativo assicurazione infortuni domestici INAIL Anno 2018

Per ulteriori approfondimenti vi lasciamo alla lettura dell’opuscolo informativo Assicurazione infortuni domestici INAIL 2018 oppure alla consultazione del sito dell’istituto.

Opuscolo INAIL assicurazione casalinga
» 3,6 MiB - 395 hits - 29 gennaio 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in economia e commercio con una tesi in Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, si occupa della redazione di contenuti economici da oltre 4 anni.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.