Minimali e massimali contributi INPS 2020: importi aggiornati per il calcolo

Forniti, per l’anno 2020, i minimali e massimali di retribuzione ai fini del calcolo dei contributi previdenziali da versare all’INPS.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Ai fini del calcolo dei contributi da versare all’INPS, il datore di lavoro deve rispettare dei minimali e massimali di contribuzione stabiliti annualmente dall’INPS. La soglia minima prende il nome di “retribuzione minima imponibile”, ossia l’importo minimo stabilito dalla contrattazione collettiva nazionale del lavoro. Il reddito da assoggettare a contribuzione deve essere adeguato, se inferiore, al limite minimo di retribuzione giornaliera. Limite, questo, che non può scendere al di sotto del 9,50% dell’importo del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fpld in vigore al 1° gennaio di ciascun anno.

L’importo massimo di retribuzione ai fini del calcolo dei contributi viene invece detta “massimale annuo della base contributiva e pensionabile”.

Con la Circolare n. 9 del 29 gennaio 2020 (che trovate a fondo pagina), l’INPS ha fornito i valori:

  • minimale di retribuzione giornaliera;
  • limite per l’accredito dei contributi obbligatori e figurativi;
  • massimale annuo della base contributiva e pensionabile;
  • per il calcolo delle contribuzioni dovute in materia di previdenza e assistenza sociale per la generalità dei lavoratori dipendenti iscritti alle gestioni private e pubbliche.

Retribuzioni convenzionali in genere: importi 2020

Al fine di determinare il limite minimo di retribuzione giornaliera per le retribuzioni convenzionali in genere, occorre riferirsi all’art. 1 del Dl 402/1981, convertito in Legge 537/1981, che fissa l’importo – per l’anno 2020 – a 27,21 euro.

Mentre per i soci delle cooperative della piccola pesca, la retribuzione convenzionale per l’anno 2020 è fissata in 680 euro mensili (27,21 x 25gg).

Lavoratori a domicilio: importi 2020

Con riferimento ai lavoratori a domicilio, il limite minimo di retribuzione giornaliera varia in relazione all’aumento dell’indice medio del costo della vita, in applicazione dell’art. 22 della L. n. 160/1975.

Pertanto, considerato che il predetto indice è pari – per l’anno 2019 – allo 0,5%, il limite minimo di retribuzione giornaliera, per quest’anno, è pari a 48,98 euro.

Rapporti di lavoro subordinato a tempo parziale: importi 2020

Per i rapporti di lavoro a tempo parziale, i minimali di retribuzione oraria applicabile ai fini contributivi, sono pari a:

  • 7,35 euro (48,98 euro x 6/40), nell’ipotesi di 40 ore settimanali (ipotesi che ricorre, di norma, per i lavoratori iscritti alle gestioni private);
  • 6,80 euro (48,98 x 5/36), nell’ipotesi di 36 ore settimanali (ipotesi che ricorre, di norma, per i lavoratori iscritti alle gestioni pubbliche).

Aliquota aggiuntiva dell’1%: importi 2020

Nel caso in cui il lavoratore percepisce un reddito superiore, per l’anno 2020, a 47.379 (3.948 euro mensili) è dovuta un’aliquota aggiuntiva dell’1%.

Mentre l’aliquota aggiuntiva è prevista esclusivamente per regimi pensionistici che prevedono aliquote contributive a carico del lavoratore, inferiori al 10%.

Massimale annuo della base contributiva e pensionabile: importi 2020

Passando al massimale annuo della base contributiva e pensionabile, per i nuovi iscritti dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per coloro che optano per la pensione con il sistema contributivo, l’importo per l’anno 2020 è pari a 103.055 euro.

Ciò significa che i contributi calcolati e versati oltre tal soglia non potranno essere usati ai fini del calcolo della pensione.

Accredito dei contributi obbligatori e figurativi: importi 2020

Inoltre il limite di retribuzione per l’accredito dei contributi obbligatori e figurativi, fissato nella misura del 40% del trattamento minimo di pensione, in vigore al 1° gennaio dell’anno di riferimento, è pari a 206,23 euro. Mentre il limite annuo è di 10.724 euro (206,23 euro * 52).

Emolumenti che non concorrono a formare il reddito: importi 2020

Non concorrono comunque a formare il reddito di lavoro dipendente le seguenti voci:

  • Buoni pasto cartacei ed elettronici (entro i limiti non tassabili);
  • Fringe benefit;
  • TFR;
  • Indennità di trasferta intera Italia e estero;
  • Indennità di trasferimento Italia ed estero (tetto 1.549,37 euro e 4.648,11 euro);
  • Azioni offerte ai dipendenti (tetto): 2.065,83 euro.

Circolare INPS numero 9 del 29-01-2020

Infine ecco il testo della circolare in oggetto.

download   Circolare INPS numero 9 del 29-01-2020
       » 441,3 KiB - 2.481 download

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.