Riduzione dei contributi INPS in edilizia per il 2021: come fare domanda

L’INPS, con un documento di prassi, ha illustrato le modalità operative per fruire della riduzione dei contributi INPS 2021 in edilizia


Confermata anche per il 2021 la riduzione dei contributi INPS pari all’11,50% in favore delle imprese operanti nel settore dell’edilizia (di cui all’articolo 29 del D.L. n. 244/1995). La conferma è arrivata per mezzo del decreto del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali del 30 settembre 2021 (di concerto con il MEF e la Corte dei Conti), che ribadisce l’applicazione dello sgravio contributivo pari all’11,50% anche per quest’anno.

A tal fine, l’INPS con la Circolare n° 181 del 07-12-2021 recepisce la novella normativa e fornisce le indicazioni e le modalità operative per usufruire dell’agevolazione contributiva.

Riduzione contributi INPS edilizia 2021: i requisiti

Per usufruire dell’agevolazione i datori di lavoro del settore edile:

  • devono essere in possesso dei requisiti per il rilascio della certificazione di regolarità contributiva (Durc) anche da parte delle Casse Edili;
  • non devono aver riportato condanne passate in giudicato per le violazioni in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente alla data di applicazione dell’agevolazione;
  • devono rispettare quanto previsto dall’art. 1, comma 1, del decreto legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito con modificazioni dalla legge 7 dicembre 1989, n. 389, in materia di retribuzione imponibile.

Riduzione dei contributi INPS in edilizia per il 2021: come fare domanda

Le istanze finalizzate all’applicazione della riduzione contributiva relativamente all’anno 2021 devono essere inviate esclusivamente, in via telematica, avvalendosi del modulo “Rid-Edil”. Tale modulo è disponibile all’interno del cassetto previdenziale aziende del sito internet dell’Istituto, nella sezione “comunicazioni on-line”, funzionalità “invio nuova comunicazione”.

Successivamente, le domande presentate saranno sottoposte a controllo automatizzato da parte dei sistemi informativi centrali dell’Istituto e definite entro il giorno successivo.

In caso di esito positivo, si aggiorna la posizione contributiva del datore di lavoro al fine di consentire il godimento del beneficio; in tal caso viene attribuito il Codice Autorizzazione “7N” per il periodo 2021. L’esito sarà visualizzabile all’interno del Cassetto previdenziale aziendale. In ogni caso lo sgravio si riferirà al periodo che va da gennaio a dicembre 2021.

Nel caso in cui l’azienda presenti “matricole sospese o cessate”, il datore di lavoro dovrà inoltrare una specifica istanza reperibile sul sito dell’INPS. La sede INPS competente, dopo aver verificato la spettanza del beneficio, attribuirà il codice “7N” relativamente all’ultimo mese in cui la matricola era attiva.

Mentre in caso di operai non più in forza, i datori di lavoro potranno fruire del beneficio valorizzando nella sezione individuale del primo flusso UniEmens utile gli stessi elementi previsti per gli operai ancora in forza.

Circolare n° 181 del 07-12-2021

Alleghiamo infine la circolare INPS in oggetto.

download   Circolare n° 181 del 07-12-2021
       » 337,8 KiB - 529 download
⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti.