Sospensione contributi INPS: le ultime indicazioni dell’Istituto

La sospensione dei contributi INPS, per il periodo fino al 30 aprile 2020”, comprende tutto; ecco le ultime indicazioni dell'Istituto.

L’INPS ho rilasciato la Circolare 52 del 9 aprile con le ultime indicazioni sulla sospensione dei contributi e degli adempimenti previdenziali. Stop, fino al 30 aprile 2020, agli adempimenti e ai versamenti contributivi INPS concessi ai soggetti iscritti alle diverse Gestioni ed operanti alla data del 2 marzo 2020 nel territorio nazionale.

Possono usufruire della sospensione:

  • datori di lavoro privati;
  • lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, agricoli);
  • committenti e i liberi professionisti obbligati alla Gestione separata.

In particolare, i contributi previdenziali ed assistenziali oggetto di sospensione sono quelli con scadenza legale prevista dal 2 marzo 2020 al 30 aprile 2020.

Per quanto riguarda i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione speciale agricola e alle Gestioni speciali degli artigiani e dei commercianti, compresi i professionisti obbligati alla Gestione separata, nel periodo di sospensione non sono previste scadenze di versamento riferite alla contribuzione corrente.

Con la Circolare l’INPS riepiloga le novità introdotte dall’art. 62 del D.L. n. 18/2020 (cd. “Decreto Cura Italia”).

Sospensione premi INAIL per autonomi

Il co. 2 dell’art. 62 del “Decreto Cura Italia” dispone anche la sospensione:

  • dei versamenti da autoliquidazione relativi ai contributi previdenziali e assistenziali;
  • dei premi per l’assicurazione obbligatoria,

che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2020, esclusivamente per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro conseguiti nel 2019.

Leggi anche: Coronavirus: adempimenti e versamenti dei premi INAIL sospesi

Sospensione versamento dei contributi INPS

Alle imprese interessate dalla sospensione verrà attribuito il codice di autorizzazione “7L”, che assume il nuovo significato di:

  • “Azienda interessata alla sospensione dei contributi a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. D.L. n. 9/2020, Art. 8 e D.L. n. 18/2020, Art. 61”.

Quindi, per i periodi di paga da febbraio 2020 a marzo 2020, ai fini della compilazione del flusso Uniemens, le aziende di cui si tratta inseriranno:

  • nell’elemento <DenunciaAziendale>, <AltrePartiteACredito>, <CausaleACredito> il codice già in uso “N967”, che assume il nuovo significato di “Sospensione contributiva a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. D.L. n. 9/2020, Art. 8 e D.L. n. 18/2020, Art. 61”;
  • nell’elemento <SommeACredito>, l’importo dei contributi sospesi.

Sospensione dei contributi INPS a carico dei dipendenti

La sospensione, come chiarito dall’INPS più volte, riguarda anche la quota a carico dei lavoratori.

Si ricorda, al riguardo, che il datore di lavoro privato o il committente sono responsabili del versamento della quota a carico del lavoratore.

Quindi, nel caso in cui essi usufruiscano della sospensione contributiva, verrà sospesa sia la quota a loro carico sia quella a carico del lavoratore.

Sospese le quote di TFR da versare al Fondo di Tesoreria

La sospensione contributiva, inoltre, si applica anche alle quote di TFR da versare al Fondo di Tesoreria, poiché si tratta di contribuzione previdenziale equiparata a quella obbligatoria.

Pertanto, qualora il datore di lavoro – durante il periodo di sospensione – debba liquidare il TFR, ai fini del calcolo della capienza dovranno essere considerati i contributi esposti “a debito” nella denuncia contributiva non assumendo invece rilievo le partite oggetto di sospensione contributiva.

Circolare INPS numero 52 del 09-04-2020

Di seguito alleghiamo il testo della circolare INPS in oggetto.

download   Circolare INPS numero 52 del 09-04-2020
       » 584,0 KiB - 3.875 download
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679