Interpelli al Ministero del Lavoro del 5 novembre 2015

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Interpelli al Ministero del Lavoro del 5 novembre 2015 su esonero contributivo triennale e rinuncia alla retribuzione e contribuzione nel settore calcistico

Sono stati pubblicati recentemente gli ultimi Interpelli al Ministero del Lavoro a cui ha risposto come da legge la Direzione Generale per l’attività ispettiva.

Il diritto di interpello consiste nella facoltà da parte di organismi associativi a rilevanza nazionale degli enti territoriali, enti pubblici nazionali, nonché organizzazioni sindacali e dei datori di lavoro maggiormente rappresentative sul piano nazionale e consigli nazionali degli ordini professionali, di inoltrare alla Direzione generale per l’Attività Ispettiva quesiti di ordine generale sull’applicazione delle normative di competenza del Ministero del Lavoro.

Gli interpelli risalgono al 5 novembre scorso, sono stati posti da ANCL e ANISA e riguardano rispettivamente il  settore calcistico ovvero la rinuncia alla retribuzione e contribuzione e l’esonero contributivo triennale rispetto alle operazioni societarie.

Interpello numero 25/2015 del 05/11/2015

Destinatario: ANISA
Istanza: esonero contributivo e operazioni societarie

L’Associazione Nazionale delle Imprese di Sorveglianza Antincendio – A.N.I.S.A. ha avanzato istanza di interpello al fine di conoscere il parere di questa Direzione generale in merito alla corretta interpretazione dell’art. 1, comma 118, L. n. 190/2014, concernente l’esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate nel corso dell’anno 2015.

Interpello numero 26/2015 del 05/11/2015

Destinatario: ANCL
Istanza: settore calcistico – rinuncia alla retribuzione e contribuzione

L’Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro ha avanzato istanza di interpello al fine di conoscere il parere di questa Direzione generale in ordine alla ipotesi in cui, in ambito sportivo professionistico, “calciatori e tecnici rinuncino a stipendi già maturati e non ancora corrisposti per svincolarsi in tempi rapidi dalla società e trovare ingaggio altrove”.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti