Progetto Start it up: nuove imprese per cittadini stranieri

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Al via il progetto start up nuove imprese di cittadini stranieri, un percorso di orientamento e formazione per la creazione di impresa di cittadini extracomnitari.

Nel 2012 prenderà il via, in via sperimentale,  il progetto Start it up – Nuove imprese di cittadini stranieri, nato dalla collaborazione tra Ministero del Lavoro  e delle Politiche Sociali  e Unioncamere.

Il progetto ha come fine quello di favorire il percorso di integrazione e di crescita professionale degli immigrati attraverso un percorso di orientamento e di formazione finalizzato ad accrescere le attitudini imprenditoriali e le competenze manageriali di base necessarie per l’avvio e la gestione di un’attività imprenditoriale.

Destinatari 400 immigrati extracomunitari, in possesso di regolare permesso di soggiorno che aspirano ad avviare un’impresa. I fondi a disposizione ammonteranno a 800 mila euro, provenienti dal Fondo delle politiche Migratorie – anno 2010 – del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Obbiettivi

L’obiettivo principale è di favorire l’integrazione economica e sociale degli immigrati, attraverso la realizzazione di un  percorso di orientamento  – formazione  – affiancamento per la redazione del business plan, che promuova l’accrescimento delle attitudini imprenditoriali e permetta ai partecipanti di acquisire quelle competenze manageriali di base necessarie per l’avvio e la gestione di un’attività imprenditoriale.

A questo si aggiungono obiettivi secondari che riguardano:

• le dinamiche partecipative  e concertative degli enti istituzionali e del partenariato economico e sociale affinché siano sensibilizzati a collaborare alla nascita di nuove attività economiche di cittadini stranieri;
• la sensibilizzazione del sistema creditizio attraverso la promozione dello strumento del microcredito a favore di imprenditori immigrati.

Zone interessate dal progetto

Le Camere di Commercio interessate sono quelle di : Ancona, Bari, Bergamo, Catania, Milano, Roma, Torino, Udine, Verona, Vicenza e, sono state individuate sulla base di due caratteristiche molto importanti:

  • la presenza di incentivi regionali alla creazione d’impresa;
  • concentrazione di elevati numeri di extracomunitari regolarmente presenti sul territorio.

Servizi  per gli aspiranti imprenditori e/o imprenditrici immigrati

In ogni Camera di Commercio sono erogati servizi di:

  • orientamento  per supportare gli aspiranti imprenditori e/o imprenditrici nella scelta della business idea e per la valutazione delle proprie attitudini imprenditoriali;
  • seminari info-formativi sull’imprenditorialità  per approfondire le conoscenze dei partecipanti sulle tematiche fondamentali della creazione d’impresa (forma giuridica e adempimenti amministrativi, il mercato di riferimento, aspetti economico-finanziari);
  • la redazione del business plan  per sostenere i futuri imprenditori nella elaborazione concreta dell’idea imprenditoriale, necessaria anche alla richiesta di contributi pubblici e all’accesso al credito.

Le iniziative verranno diffuse a livello territoriale. Le richieste di assistenza dovranno essere presentate entro il 15 marzo 2012.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • stefania

    salve!sono stefania,per piacere ho una domanda:quanti giorni si poa lavorare in un mese quando sei in disoccupazione?grazie.

    • Ciao l'INPS dice che al massimo puoi lavorare per 5 gg di seguito e devi darne avviso all'INPS. Il problema non si pone con i buoni lavoro e il lavoro occasionale accessorio, in quel caso puoi lavorare fino al massimo di 3000 € di reddito.

  • stefania

    ciao.grazie,massima.io,ho finitto adesso un contrattino di 5 giorni.ma no capisco questo messe posso lavorare ancora come extra o un altro contratto meno di 5 giorni?la lege c e come anno scorso o sono cambiamenti?ciao.

    • Gli unici due metodi sono quelli elencati prima da Massima, l'indennità di disoccupazione non è un doppio stipendio 😉 Quindi o lavori o sei disoccupata..