Lavoratori part time e requisiti per la pensione vecchiaia

Per la pensione part time, esistono diversi requisiti per il calcolo del relativo assegno da poter ricevere appena maturati i requisiti di legge.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’età minima per la pensione di vecchiaia è tra i temi più caldi di queste settimane. Il riferimento è in generale a tutte le principali categorie lavorative con prestazione in modalità full time.

E per quelle a tempo ridotto? Cosa può cambiare in termini di pensione part time?

Diritto a pensione per i lavoratori a tempo indeterminato del settore pubblico e privato

Per il confronto del diritto a pensione e dei requisiti minimi per poter presentare tale domanda, è da distinguere in prima battuta il tipo di settore coinvolto. In particolare, esistono due casistiche molto importanti come:

  • Dipendente privato. In questo caso il periodo lavorativo svolto in modalità part-time, è conteggiato come full-time. Tuttavia, è necessario che sia rispettato un minimale Inps e che per il 2017 prevede una cifra attorno ai 10000 euro.
  • Dipendente pubblico. Il periodo lavorativo ad orario ridotto è considerato per intero. Vale a dire che in questo caso non è da far riferimento a nessun minimale Inps.

Analogie per entrambe le casistiche, sull’assegno da poter percepire in pensione. In particolare, l’importo è minore in base alla presenza di un maggior numero di ore lavorate in part-time da parte del lavoratore pubblico o privato in tutta la carriera lavorativa.

Pensione part time, le attuali misure per l’assegno in base alle ore lavorate

La pensione per i lavoratori part time, non incide sull’età minima per poter presentare richiesta, ma può prevedere un importo minore dell’assegno in base alle ore lavorative più basse rispetto al full-time. E’ poi da considerare anche il tipo di sistema contributivo vigente.

Nel caso di scelta del regime lavorativo part-time dal 2011, infatti, e per gli ultimi anni della prestazione da parte del dipendente, il sistema contributivo prevede un minor carico da parte dell’assegno finale per la pensione.

Sempre in materia di pensioni per i lavoratori part time, è anche prevista una misura introdotta dalla precedente legge di Stabilità e in via sperimentale. Si tratta del part time agevolato per i dipendenti privati a tempo indeterminato. Questi ultimi, a pochi anni dal diritto alla pensione della vecchiaia possono richiedere una riduzione del lavoro.

Part time agevolato, la sperimentazione della scorsa Legge di stabilità

Con il part time agevolato, è possibile richiedere una riduzione del proprio orario lavorativo nella misura tra il 40% e il 60%. La richiesta, può essere presentata da tutti coloro che maturano i requisiti per la pensione di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018 con una età minima di 66 anni e sette mesi e relativi requisiti di contribuzione di almeno 20 anni. Non può essere richiesta, invece, da parte dei dipendenti pubblici o da chi è già lavoratore part-time.

La sperimentazione della Legge di stabilità dello scorso anno, prevede a favore di queste categorie la maturazione del 100% dei contributi, al pari del lavoro svolto in modalità full time. Potrà essere richiesta, tuttavia, solo in presenza di un accordo con il datore di lavoro.

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in economia e commercio con una tesi in Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, si occupa della redazione di contenuti economici da oltre 4 anni.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.