Pensioni 2018: nuovo calendario pagamenti, aumenti e servizi online

I pagamenti delle pensioni, possono essere consultati online tramite il servizio dedicato denominato Cedolino Pensioni. Il servizio è raggiungibile da INPS / Pensionati / Cedolino della pensione. Vediamo come accedervi e le ultime novità sulle nuove date del calendario dei pagamenti e gli aumenti per la perequazione.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Cedolino Pensione è il servizio online sul portale dell’Inps messo a disposizione dei pensionati. Tramite il servizio è possibile consultare le principali informazioni sul cedolino delle pensioni e sul modello OBIS/M con i dati sui pagamenti mensili.

Il servizio “Cedolino Pensione” serve anche a verificare l’importo dei pagamenti delle pensioni ogni mese e conoscere le ragioni di eventuali variazioni (aumenti e diminuzioni). E’ possibile inoltre accedere ad altri servizi di consultazione, certificazione e variazione dati.

Area Cedolino Pensione: info su pagamenti pensioni 2018 e altre notizie

L’area Cedolino Pensione è raggiungibile seguendo il percorso INPS / Pensionati / Cedolino della pensione. Tramite questo servizio, fra le altre cose, è possibile vedere le date dei pagamenti delle pensioni e le principali informazioni al riguardo. Si tratta, di una area dedicata molto utile, in quanto contiene dettagli su:

  • Cedolino della pensione. Il documento può essere consultato direttamente online ed è utile anche per verificare gli importi mensili liquidati all’Inps.
  • Variazione dell’Istituto di credito. E’ una delle funzioni più importanti per modificare in modo immediato i dati forniti per il pagamento delle pensioni e relativo accredito.
  • Modello OBIS/M, ogni nuovo anno, l’Inps si occupa di rilasciare questo importante modello per riassumere le principali informazioni sui pagamenti delle pensioni.

In particolare, sono riportati gli importi mensili lordi delle rate di Gennaio e della tredicesima e gli importi mensili netti. Nel modello OBIS/M, sono riportate anche le informazioni su eventuali aumenti degli importi delle pensioni calcolate all’inizio di un nuovo anno ovvero la perequazione automatica.

Perequazione automatica delle pensioni 2018

Rispetto alla perequazione automatica delle pensioni, è da approfondire ulteriormente la tematica in vista di importanti novità nel nuovo anno. Dal 2018, infatti, si è avuto un aumento delle pensioni dell’1,1% a seguito dello sblocco delle perequazioni su tali importi. Con la circolare Inps numero 186 del 21 dicembre 2017, l’INPS ha comunicato gli aumenti dei trattamenti pensionistici come la pensione minima, l’assegno sociale, la pensione sociale, il trattamento minimo e l’indennità di accompagnamento.

L’aumento dovuto alla perequazione automatica delle pensioni in base al costo della vita, porterà ad aumenti delle pensioni minime da 501,89 a 507,42 euro al mese. Per l’assegno di due volte il trattamento minimo, l’aumento sarà di 11 euro mensili, mentre per i trattamenti superiori ai 3.111 euro al mese, gli aumenti saranno di 14,9 euro al mese.

Il nuovo calendario per il pagamento pensioni 2018

E’ infine utile dettagliare il nuovo calendario con le date di pagamento delle pensioni. La Legge di Bilancio 2018, ha infatti previsto che i pagamenti saranno eseguiti a partire dal secondo giorno bancabile. Il 3 gennaio 2018, sono arrivati i primi pagamenti con diversi problemi tecnici a seguito di una poca informazione da parte dei pensionati rispetto alla nuova data.

Cosa cambia nel nuovo anno? La novità più importante è che a seguito dei meccanismi di uniformità sui tempi dell’Inps vi è uno slittamento di 24 ore per l’erogazione delle varie prestazioni pensionistiche. Il secondo giorno bancabile, è il principio che sarà applicato ai pagamenti pensioni. A Febbraio 2018, la data del pagamento cadrà il giorno 2. Solo a partire da questa data, quindi, i pensionati potranno ritirare la pensione in Banca o alle Poste.

Rispetto alle prossime date in calendario, sarà sempre da seguire questo principio e laddove la stessa ricada in un festivo, il pagamento sarà in automatico spostato al primo giorno utile lavorativo. In merito, ti ricordiamo che per le Poste Italiane, è prevista una apertura anche il sabato mattina, mentre le Banche sono chiuse nel fine settimana.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in economia e commercio con una tesi in Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, si occupa della redazione di contenuti economici da oltre 4 anni.

Altri articoli interessanti