Pagamento pensioni febbraio 2022 in anticipo alle Poste: il calendario aggiornato

Nessuna novità rispetto ai mesi precedenti, con la prosecuzione dello stato di emergenza. Anche a febbraio 2022 pagamento pensioni anticipato


Anche per il mese di febbraio il pagamento pensioni è previsto in anticipo alle Poste, con il consueto calendario suddiviso in ordine alfabetico. Infatti, lo stato di emergenza continua almeno fino al 31 marzo 2022, in considerazione dell’instabilità della situazione sul fronte contagi da coronavirus; e a causa della presenza di varianti che non fanno stare tranquilli. Ecco perché anche per il mese prossimo assisteremo allo scaglionamento del servizio di Poste Italiane per quanto attiene al ritiro della pensione.

Perciò il meccanismo è quello dei mesi precedenti: anche per le pensioni di febbraio, tutti i pensionati che si recano solitamente presso gli uffici delle Poste per ritirare l’assegno pensionistico, lo potranno fare in data anteriore ai consueti accrediti su c/c, in base a quanto precisato nel calendario che tra pochissimo tempo sarà ufficializzato dall’INPS. La finalità, facilmente intuibile, è sempre la stessa: facilitare i pensionati nelle operazioni di ritiro della pensione, onde evitare rischi di code ed assembramenti.

Vediamo allora qualche dettaglio sul pagamento delle pensioni di febbraio 2022.

Pagamento pensioni febbraio 2022 in anticipo: le date per il ritiro in Posta

Da notare che per il mese che verrà, come a gennaio, la pensione sarà di ammontare lievemente minore rispetto alle attese. In sostanza, la rivalutazione delle pensioni scatterà soltanto a partire dal primo marzo, perciò tutti i percettori dovranno aspettare ancora alcune settimane.

Leggi anche: Ape sociale 2022 INPS, domanda al via per il riconoscimento dei requisiti

Abbiamo accennato al fatto che il calendario Inps deve essere ancora ufficializzato ma – secondo quanto successo nei mesi scorsi – le date di riferimento per il ritiro della pensione presso gli uffici delle Poste, con tutta probabilità, saranno incluse tra martedì 25 gennaio e lunedì 31 gennaio.

Secondo un meccanismo consolidato e già visto nei mesi passati, i cittadini italiani aventi diritto al pagamento pensioni anticipato  saranno suddivisi in base all’iniziale del proprio cognome. Ecco lo schema:

  • alla A alla B martedì 25 gennaio;
  • dalla C alla D mercoledì 26 gennaio;
  • dalla E alla K giovedì 27 gennaio;
  • da L alla O venerdì 28 gennaio;
  • dalla P alla R sabato 29 gennaio (solo mattina);
  • dalla S alla Z sabato lunedì 31 gennaio.

Pagamento pensioni febbraio 2022, data di accredito in conto corrente

Discorso diverso per quanto attiene all’accredito delle pensioni su conto corrente (Postale e/o Bancario).

Infatti, tutti coloro che ricevono il trattamento tramite accredito su IBAN dovranno aspettare qualche giorno in più, ossia il primo giorno bancabile del mese, ossia martedì 1 febbraio.

Nessuna novità sostanziale all’orizzonte, almeno fino a fine marzo

Non sono previste sostanziali modifiche al meccanismo di ritiro pensioni, perciò il calendario ufficiale Inps non sarà dissimile da quello appena esposto. D’altronde, negli ultimi mesi le varianti del Covid-19 hanno creato numerosi problemi e hanno imposto di mantenere cautela nei contatti interpersonali. Insomma, non si sono ancora presentate le condizioni per variare le disposizioni attuate fino allo scorso mese. Da notare altresì che, in considerazione dell’estensione dello stato di emergenza fino al 31 marzo 2022, anche per marzo è molto probabile che il meccanismo del pagamento pensioni resterà tale e quale.

Per completezza, rimarchiamo altresì che, come già nei mesi precedenti, i primi a ricevere pensione, assegni e prestazioni saranno i titolari di Libretto di Risparmio, Conto BancoPosta, Postepay Evolution.

Non solo. I titolari di carta Libretto, carta Postamat o Postapay Evolution potranno effettuare le operazioni di prelievo contanti presso gli oltre 8mila ATM Postamat, sparsi in tutta Italia. Ciò implica la possibilità di ridurre i tempi di ritiro, in quanto non c’è bisogno di andare agli sportelli, e consente di evitare rischi dal punto di vista sanitario.

Leggi anche: Opzione donna, proroga al 2022: requisiti anagrafici e contributivi, importi. Pronte le istruzioni INPS

Pagamento pensioni febbraio 2022: confermato il ritiro da parte delle forze dell’ordine

Nella cittadinanza c’è piena consapevolezza della necessità di una serie di misure e regole atte ad organizzare razionalmente il pagamento pensioni febbraio, onde evitare flussi consistenti di persone, presso gli uffici postali. Ebbene, non possiamo non ricordare che anche per quanto riguarda il pagamento pensioni febbraio 2022 – oltre al citato calendario per lettera del cognome – a causa della prosecuzione dello stato di emergenza, sarà possibile richiedere il ritiro dell’assegno pensionistico da parte dei Carabinieri. Questi ultimi si occuperanno poi della consegna materiale a casa del pensionato.

L’agevolazione è rivolta ai cittadini di età corrispondente o al di sopra dei 75 anni, che incassano prestazioni pensionistiche presso gli uffici postali, che riscuotono di solito la pensione in contanti e che non hanno già delegato altri soggetti al ritiro del trattamento in questione. La consegna è gratuita.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email