Pensioni estere: INPS comunica nuovi accertamenti

Entro i primi giorni di luglio 2019 (anziché entro i primi giorni di giugno 2018), i soggetti titolari di pensioni estere INPS dovranno far pervenire a Citibank le attestazioni dell’esistenza in vita per gli anni 2017 e 2018. In manca scatterà la sospensione del trattamento pensionistico.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’Istituto previdenziale comunica l’inizio di nuovi accertamenti sulle pensioni estere INPS. Chiama cioè all’appello tutti i pensionati INPS residenti all’estero. Infatti, è stata avviata la seconda fase dell’accertamento dell’esistenza in vita per i pensionati residenti in alcuni Paesi esteri. I Paesi interessati sono Sud America, Centro America, Nord America, Asia, Estremo Oriente, Paesi Scandinavi, Stati dell’Est Europa e Paesi limitrofi. Questi erano stati precedentemente esclusi nella prima fase di controlli.

I pensionati residenti all’estero in questi Paesi dovranno far pervenire a Citibank il modulo di attestazione dell’esistenza in vita. Il modulo dovrà essere inviato entro i primi giorni di luglio 2018 (anziché entro i primi giorni di giugno 2018, come inizialmente previsto). A comunicarlo è l’INPS con il Messaggio n. 1527 del 6 aprile 2018.

Pensioni estere: come provare l’esistenza in vita?

Il gruppo Citibank è il soggetto preposto a verificare ogni anno l’esistenza in vita, l’indirizzo e la residenza del soggetto titolare di pensioni estere. Questo ha reso disponibili diverse modalità per fornire la prova di esistenza in vita:

  • modalità cartacea. In via ordinaria, i pensionati dovranno far pervenire il modulo di attestazione dell’esistenza in vita alla casella postale PO Box 4873, Worthing BN99 3BG, United Kingdom entro il termine indicato nella lettera esplicativa. Lo stesso dovrà essere correttamente compilato, datato, firmato e corredato della documentazione di supporto;
  • tramite portale web predisposto da Citibank. Citibank ha reso disponibile agli operatori di Patronati operanti all’estero la facoltà di utilizzare uno strumento di trasmissione telematica dei moduli di attestazione dell’esistenza in vita. Quest’ultimo potrà caricare direttamente sul sistema informatico di Citibank le copie in formato elettronico dei moduli o certificati di esistenza in vita e dei documenti di supporto;
  • Riscossione personale presso sportelli Western Union. I soggetti che hanno ricevuto da Citibank il modello cartaceo di richiesta di attestazione di esistenza in vita possono riscuotere personalmente agli sportelli Western Union almeno una delle rate. Questa operazione deve avvenire entro il termine di restituzione dell’attestazione indicato nelle lettere esplicative e costituirà valida prova di esistenza in vita. Tale passaggio solleverà il pensionato dall’invio del modulo cartaceo a Citibank.

Pensionati esteri: cosa succede se il pensionato non accerta l’esistenza in vita?

Coloro i quali non attestassero l’esistenza in vita entro i primi giorni di luglio 2018, il pagamento della rata di agosto 2018 avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza e, in caso di mancata riscossione personale entro il giorno 19 agosto, il pagamento della pensione sarà sospeso a partire dalla rata di settembre 2018.

Nei casi in cui non sia possibile disporre il pagamento presso le agenzie Western Union del Paese di residenza, i pagamenti delle pensioni intestate a soggetti che non avranno prodotto la prova di esistenza in vita entro i primi giorni di luglio saranno sospesi a partire dalla rata di agosto 2018.

Pensionati esteri: accertamenti ad hoc dei Patronati abilitati

In attesa che vengano recapitate le comunicazioni personalizzate di attestazione dell’esistenza in vita ai pensionati coinvolti nella seconda fase della verifica, gli operatori di Patronato abilitati da Citibank al “Portale Agenti” generano autonomamente il modulo standard e quello alternativo per la prova di esistenza in vita e caricare direttamente sul sistema informatico di Citibank le copie in formato elettronico dei moduli debitamente completati e sottoscritti dai soggetti interessati e, a seconda dei casi, della documentazione di supporto.

Attestazioni telematiche pensionati residenti all’estero

Riguardo ai pensionati residenti all’estero in uno dei seguenti paesi: Canada, Stati Uniti, Australia e Regno Unito, Citibank accetterà le attestazioni di esistenza in vita prodotte in forma telematica dagli operatori di Patronato. Questi, previa verifica da parte della Banca del possesso della qualifica di testimone accettabile, sono autorizzati ad accedere alle specifiche funzionalità del portale predisposto dalla stessa Citibank.

Pensioni estere: riscossione in contanti

La riscossione in contanti presso gli sportelli Western Union non costituisce una valida prova dell’esistenza in vita. Questo nel caso in cui il pagamento delle rate correnti di pensione sia disposto a favore dei legali rappresentati e procuratori dei pensionati. Inoltre, si ricorda che tale modalità non è consentita nei seguenti casi:

  • qualora il pensionato risulti residente in Italia;
  • nei paesi in cui non sono presenti Agenzie Western Union;
  • nel caso in cui l’importo della pensione mensile in pagamento sia superiore 6.300,00 euro o 7.300,00 dollari statunitensi.

Messaggio INPS numero 1527 del 06-04-2018

Messaggio INPS numero 1527 del 06-04-2018
» 85,9 KiB - 182 hits - 11 aprile 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.