Riscatto della laurea: cos’è, quanto costa e chi può richiederlo [Guida]

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il riscatto della laurea è un istituto che permette di includere fra la contribuzione utile ai fini pensionistici il periodo del corso di studi

Il riscatto della laurea è un istituto che permette di includere fra la contribuzione utile ai fini pensionistici il periodo del corso di studi (post diploma) a pagamento e a determinate condizioni.

In questo periodo si è tornati a parlare molto di questo argomento soprattutto a seguito della proposta lanciata dal sottosegretario all’economia Baretta sul riscatto della laurea gratuito.

Riscatto della laurea, la guida della Fondazione Studi

Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro ha rilasciato un utile e puntuale approfondimento sul tema del riscatto della laurea.

La Fondazione è andata ad analizzare l’attuale ordinamento previdenziale e ne ha evidenziato caratteristiche, punti di forza e convenienza.

Come riscattare la laurea? Quali sono i vantaggi che si otterrebbero dal riscatto della laurea ai fini pensionistici? Chi può riscattare la laurea? Cosa si può riscattare e quanto costa riscattare la laurea?

A queste e ad altre domande tenta di dare risposta l’Approfondimento del 19 settembre 2017 della Fondazione Studi dei CdL denominato “Il riscatto pensionistico del corso di laurea – Caratteristiche, punti di forza e ipotesi per una sua liberalizzazione”

Per concludere la Fondazione fa anche una riflessione auspicando che nella prossima legge di bilancio 2018 possa trovare spazio anche la proposta del riscatto della laurea gratuito oltre ad una previsione più ampia di questo istituto ed evitare una sorta di “discriminazione generazionale”.

Il riscatto pensionistico del corso di laurea

Caratteristiche, punti di forza e ipotesi per una sua “liberalizzazione”

Nel nostro ordinamento previdenziale, il riscatto del corso di studi è disciplinato in particolare da due articoli del D.lgs. 184/1997, emanato nella cornice delle disposizioni attuative della riforma pensionistica del governo Dini del 1995 e completato a seguito della Legge 247/2007.

La norma novellata del 1997 riordina le disposizioni “sparse” contenute nei diversi provvedimenti che si erano succeduti con la L. 153/1969 e il d.l. 30/1974. In particolare, la prassi regolatoria emanata dall’Istituto è da individuare nelle Circolari n. 162/1997, n.82/2004 e n.29/2008.

Chi può riscattare il corso di laurea?

All’interno del sistema pensionistico INPS, il soggetto che può esercitare il riscatto, nelle modalità disciplinate dalla norma entrata in vigore il 12 luglio 1997, è da individuarsi nei lavoratori dipendenti iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (il Fondo Pensione Lavoratori Dipendenti), ai fondi esclusivi e sostitutivi (come la Gestione ex INPDAP confluita in INPS dal 2012), alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (Artigiani e Commercianti) e alla Gestione separata di cui al comma 26 dell’ art. 2 della Legge 335/1995)

[…]

Continua a leggere la guida al riscatto della laurea sul sito della Fondazione Studi

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti