PMI

Voucher per la digitalizzazione PMI, elenco delle imprese ammissibili

Il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, ha pubblicato l'elenco, diviso per regione delle imprese alle quali risulta assegnabile il Voucher per la digitalizzazione PMI. Al momento non è però indicato l'importo concedibile, si cercano infatti ulteriori fondi per aumentare l'importo dei bonus digitalizzazione.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, ha pubblicato l’elenco, diviso per regione, delle imprese alle quali risulta assegnabile il Voucher per la digitalizzazione PMI conosciuto anche come bonus digitalizzazione.

L’elenco riguarda le aziende che hanno presentato regolare domanda entro i termini previsti dal regolamento. Si tratta di circa 90 mila aziende che dal 15 marzo possono iniziare a sostenere le spese previste nei progetti presentati al MISE tramite domanda di ammissione al bonus digitalizzazione.

Voucher per la digitalizzazione PMI, elenco delle imprese ammissibili

Come comunica il MISE l’elenco, diviso per regioni raggruppa circa 90 mila imprese che risultano ammissibili al bonus digitalizzazione. Tuttavia nell’elenco non è indicato al momento l’importo del voucher concedibile. Questo perchè, come spiega il Ministero nel comunicato stampa, considerato il numero delle domande pervenute e l’importo del fondo, da ripartire per regione, si arriverebbe ad una assegnazione del voucher di molto inferiore a quello richiesto dalla singola impresa.

Per questa ragione il MISE, prima di indicare gli importi assegnati sta verificando la possibilità di integrare la copertura finanziaria dell’intervento, con altri fondi. Il bando infatti non prevedeva un ordine di assegnazione dei fondi in base alla presentazione della domanda. Ma la suddivisione avviene dividendo semplicemente i fondi in base all’ammissibilità delle domande e delle spese sostenute.

Voucher digitalizzazione 2018, al via alle spese

In ogni caso, dal 15 marzo le imprese che sono state iscritte negli elenchi degli ammessi, possono cominciare ad effettuare le spese programmate nei progetti di digitalizzazione e di ammodernamento tecnologico presentati.

Con un successivo decreto del Ministero dello Sviluppo economico si provvederà a pubblicare l’elenco delle imprese ammesse definitivamente al voucher. In questa fase successiva infatti sono previste ulteriori verifiche sulle dichiarazioni rilasciate all’atto della domanda. Quindi solo le PMI che supereranno positivamente anche queste verifiche andranno in un prossimo elenco nel quale sarà indicato anche l’importo del voucher per la digitalizzazione PMI assegnato. L’importo sarà ulteriormente ridefinito sulla base anche di eventuali nuove risorse finanziarie che sarà stato possibile destinare complessivamente all’intervento.

L’elenco delle imprese ammesse in questa prima fase è disponibile nella Scheda informativa sul Voucher per la digitalizzazione delle PMI a questo indirizzo:

Bonus digitalizzazione, spese ammissibili

Il voucher per la digitalizzazione PMI può essere speso per acquisto di software, hardware o servizi per:

  1. efficienza aziendale (ad esempio con acquisto di nuovo software);
  2. modernizzazione dell’organizzazione del lavoro;
  3. e-commerce;
  4. banda larga e ultralarga;
  5. rete internet satellitare;
  6. formazione qualificata nel campo ICT del personale.
Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.