Riders, sentenza del Tribunale di Milano: non è lavoro subordinato

I riders non possono essere considerati lavoratori subordinati: ecco la decisione dei giudici del Tribunale di Milano che negano la subordinazione.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Mentre il neo ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, si batte per le tutele dei riders e in attesa che venga stipulato il primo CCNL di settore, un’importante sentenza del Tribunale di Milano stabilisce che chi riveste questo ruolo non può essere considerato lavoratore subordinato. È stata pertanto respinta la richiesta di un rider che chiedeva ad una nota azienda del settore, specializzata nelle consegne a domicilio, di essere riconosciuto come “lavoratore dipendente a tempo indeterminato”.

La sentenza ha lasciato il lavoratore con l’amaro in bocca. Attualmente i riders non possono essere considerati alla stregua di un qualsiasi dipendente subordinato; né tantomeno l’azienda ha l’obbligo di convertirlo a tempo indeterminato per non avergli fatto firmare un contratto di lavoro.

Riders, gig economy: chi sono?

Si tratta di quei lavoratori che lavorano come fattorini che consegnano a domicilio principalmente cibo d’asporto, grazie alle opportunità offerte dai siti e applicazioni. Si tratta di impieghi c.d. “on demand”, ossia su richiesta, capostipiti della nuova gig economy.

Si lavora, quindi, solo se vi è necessità e soprattutto senza tutele, né previdenziale né assicurativa; poiché tali lavoratori non sono inquadrabili in nessuno contratto collettivo nazionale del lavoro. Tali figure, infatti, sono nate con l’emergere della crisi, e attualmente parecchie persone stanno sfruttando la nuova tecnologia per riuscire a portare a casa qualche euro.

In considerazione del fatto che il fenomeno dei riders sta crescendo sempre di più, secondo il ministro del lavoro e delle Sviluppo Economico vi è la necessità di regolamentare a tutti gli effetti tali lavoratori con un CCNL ad hoc. Questo dovrà prevedere per l’appunto tutte le tutele e garanzie di un normale lavoratore dipendente subordinato.

CCNL riders: primo contratto in Europa

Proprio in questi giorni il ministro del lavoro ha incontrato gli operatori della gig economy e le parti sociali per discutere sul delicato tema dei riders.

L’intento è quello di istituire il primo contratto collettivo nazionale del lavoro in Europa per tali lavoratori; con l’obiettivo di dare più tutele e garanzie a quelli che, per il titolare dei dicasteri del Lavoro e dello Sviluppo Economico, sono il simbolo di una generazione abbandonata.

L’obiettivo potrebbe essere raggiunto in due modi:

  • presentare una legge in cui il Governo decide autonomamente;
  • oppure coinvolgere tutti gli interessati per trovare un accordo equilibrato.

Riders, sentenza Tribunale di Milano: no al lavoro subordinato

Il rider non è un lavoratore subordinato. A stabilirlo è una recente sentenza del Tribunale di Milano (riportata da Repubblica.it) che ha respinto una causa intentata da un lavoratore contro una società del settore; chiedendo di essere appunto inquadrato come lavoratore dipendente nel periodo di lavoro prestato.

La prestazione lavorativa veniva svolta per mezzo di un’auto e, a detta del legale della società, non vi era l’obbligo di garantire la prestazione; conservando anche la possibilità e libertà di scegliere di effettuare o meno le consegne.

Da qui nasce comunque il problema di regolarizzare i riders. Si tratta di lavoratori che lavorano con mezzi ad alto rischio di incidenti, in alcuni casi anche gravi e senza alcuna tutela assicurativa.

Si sta pensando all’idea di istituire un patentino ad hoc per questa categoria di lavoratori, al fine evitare incidenti scoperti da tutele. Caso emblematico: qualche mese fa un fattorino di ritorno da una consegna, ha perso una gamba in una collisione.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Share.

About Author

Iscritto all'Elenco Pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Calabria mi occupo principalmente della redazione di articoli e approfondimenti giuslavoristici e previdenziali per riviste specializzate online. Collaboro attivamente in uno studio di consulenza del lavoro in Lamezia Terme come praticante CdL.

Altri articoli interessanti

Comments are closed.