Bonus sociali 2020: sconti in bolletta per le famiglie in difficoltà

Quali sono gli sconti in bolletta per il 2020: nuovi criteri per accedere a bonus e agevolazioni automatiche

A partire dal 1° gennaio sono diversi gli sconti in bolletta ovvero le agevolazioni a favore delle famiglie in condizioni economico-sociali di disagio. All’introduzione del nuovo sconto sulla tassa per il servizio di raccolta rifiuti (bonus Tari) si affianca il cambiamento della soglia Isee per accedere ai bonus luce acqua e gas e l’allargamento ad alcune agevolazioni anche ai beneficiari del Reddito di Cittadinanza. Si allarga dunque la platea dei soggetti che potranno beneficiare dei bonus sociali.

Quali sono i principali bonus previsti per i cittadini intestatari di un’utenza domestica che versano in condizioni di difficoltà? Ci occuperemo di questo illustrando le novità introdotte dalla manovra 2020.

Sconti in bolletta 2020

Ecco un elenco delle agevolazioni previste per il 2020 partendo dal cosiddetto bonus Tari per terminare con la riproposizione del bonus luce e gas passando per il bonus acqua con allargamento della platea ai beneficiari del reddito di cittadinanza.

Bonus Tari 2020

A partire da quest’anno il meccanismo di sconto previsto già per le bollette di luce acqua e gas si estende anche alla tassa dovuta per il servizio integrato dei rifiuti urbani. Si tratta del bonus Tari 2020, il bonus sociale rivolto a quelle famiglie aventi un modello Isee sotto una determinata sogli.

Si tratta di una delle novità previste dal Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020; grazie alla quale i contribuenti in difficoltà economiche potranno fruire di uno sconto sul totale dell’importo dovuto.

Spetterà ad Arera (Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente) prevedere le regole per l’accesso al bonus tari, sulla base dei criteri fissati con decreto del presidente del consiglio dei ministri, entro il termine di 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto fiscale. Entro il 23 aprile prossimo si dovrebbero conoscere i parametri in base ai quali le famiglie meno abbienti potranno beneficiare dell’agevolazione.

Quel che ad oggi è noto è che per aver diritto al beneficio le famiglie meno abbienti dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • Isee (indicatore della situazione economica) che non sia superiore a 8.265 euro; il limite sale a 20.000 euro in riferimento alle famiglie che hanno almeno 4 figli;
  • essere titolari di reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza

Per poter fare richiesta del beneficio sarà necessario utilizzare l’apposito modulo che dovrà essere depositato presso il Comune di residenza. Il modulo è reperibile presso il sito dell’Arera e dovrà essere consegnato unitamente al documento d’identità.

Leggi anche: Isee precompilato 2020: come accedere alla DSU precompilata online

Bonus acqua 2020

La novità di quest’anno, introdotta dal Decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020, è l’estensione del bonus idrico (ovvero lo sconto applicato per talune famiglie sulla bolletta dell’acqua) anche ai costi per il servizio di fognatura e depurazione.

Ma non è tutto perché con delibera dell’Arera del 14 gennaio il bonus è stato esteso anche ai possessori di reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza. Ne consegue che per quanto riguarda i requisiti per accedere allo sconto sono necessarie le stesse condizioni illustrate per il bonus Tari. L’obiettivo, anche in questo caso, è quello di ridurre la spesa a carico delle famiglie in stato di bisogno.

Il vantaggio conseguito che si traduce in bolletta in uno sconto compreso tra il 20 e 30 per cento, sarà che di fatto 50 litri al giorno per ciascun componente del nucleo familiare saranno gratuiti in quanto corrispondenti ai bisogni essenziali dell’individuo.

Per poter fruire del bonus acqua si dovrà depositare l’apposito modulo compilato (reperibile sul sito dell’Arera) presso il Comune di residenza; insieme al modulo si dovrà allegare il documento di identità e l’attestazione Isee.

Leggi anche: Bonus Acqua 2020: come richiederlo e quali sono i requisiti

Bonus luce e gas 2020: la nuova soglia Isee

Anche per i già collaudati bonus luce e gas ci sono novità a partire dal 1° gennaio 2020. Con la nuova manovra finanziaria viene infatti introdotta una nuova soglia Isee per accedere alle agevolazioni sulle bollette di luce e gas.

A stabilirlo è stata Arera che ha fissato il passaggio della soglia da 8107,5 a 8265 euro; come effetto dell’adeguamento alla variazione dei prezzi al consumo fornita da Istat. Ne è conseguito un allargamento dell’agevolazione a circa 200 mila famiglie che si trovano in condizioni di difficoltà economico sociale.

Oltre ai fattori di tipo economico incidono nel riconoscimento dello sconto anche dei requisiti alternativi, ovvero:

  • il reddito o pensione di cittadinanza
  • oppure la presenza all’interno del nucleo familiare di un soggetto affetto da patologia grave che rende indispensabile l’uso di apparecchiature elettromedicali ai fini del mantenimento in vita.

Bonus sociali: dal 2021 saranno automatici

Si dovrà aspettare il 1° gennaio 2021 affinché i bonus sociali possano applicarsi in modo automatico a favore degli aventi diritto, ovvero i titolari di Isee entro le soglie previste per l’agevolazione.

Spetterà ad Arera, mediante apposito provvedimento e previa consultazione del garante per la privacy, stabilire le modalità di trasmissione delle informazioni necessarie al Sistema Informativo integrato da parte dell’Inps.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679