Lotteria degli scontrini 2021 verso lo stop? Il Governo valuta la sospensione

Il Governo potrebbe valutare di sospendere anche la lotteria scontrini dopo lo stop per 6 mesi del cashback decisa in Cdm. Cosa succederà?


Il Governo Draghi potrebbe presto archiviare anche la lotteria degli scontrini 2021, oltre al discusso meccanismo del cashback di Stato, varato durante il Conte bis. Si tratta di una misura che vale diversi miliardi di euro all’anno. Cifre certamente di rilievo, che starebbero spingendo a considerare concretamente di destinare dette risorse altrove.

Più volte ci siamo già soffermati a parlare della lotteria degli scontrini, indicandone le caratteristiche essenziali e le finalità. Ricordiamo dunque che –  in vigore già dallo scorso febbraio – è inclusa nel piano cashless, introdotto dal precedente Governo, per favorire i pagamenti elettronici via app o carta. Obiettivo evidente è quello di combattere l’evasione fiscale, incentivando gli operatori del commercio e i consumatori a dare luogo ad operazioni tracciabili, e dunque visibili agli occhi del Fisco.

Secondo le ultime indiscrezioni giornalistiche, pare dunque che la squadra di Governo stia pensando di abbandonare (forse temporaneamente) la lotteria degli scontrini. Ecco allora qualche ulteriore dettaglio sulla situazione in probabile mutamento.

LEGGI ANCHE: Decreto Lavoro 2021 approvato: licenziamenti, cashback, cartelle e altro

Lotteria degli scontrini: ecco perchè potrebbe essere abbandonata? Alcuni numeri interessanti

Come già illustrato recentemente su queste pagine, l’Esecutivo guidato dall’ex banchiere centrale ha inteso bloccare ufficialmente il piano cashback e supercashback voluto e avviato dall’ex Premier Giuseppe Conte. Il sì ufficiale trova spazio nell’approvazione del freschissimo decreto Lavoro. Quest’ultimo è  un provvedimento ‘trasversale’ – non il primo del Governo Draghi –  attraverso il quale è stato anche deciso lo stop del bonus cashback. Ciò al fine di dirottare le risorse “risparmiate” verso gli ammortizzatori sociali.

Lo stesso destino potrebbe ora capitare alla lotteria degli scontrini; nella finalità di risparmiare risorse e destinare i fondi ad altri contesti e situazioni di maggior rilievo sociale.

In effetti,  i numeri giocano in qualche modo a favore della linea del Governo, che intenderebbe sospendere anche la lotteria degli scontrini 2021. Se è vero che – in base ai dati ufficiali – il cashback costa circa 1,75 miliardi a semestre, la lotteria degli scontrini 2021 invece pesa 2,5 miliardi di euro all’anno, ossia 208 milioni al mese.  Ambo le misure erano state fermamente volute dal governo Conte-bis all’interno del piano cashless Italia per spingere gli acquirenti a usare strumenti di pagamento elettronici; ora, detti numeri importanti potrebbero davvero essere alla base dell’abbandono di ambo le misure.

Lotteria degli scontrini: come funziona? le caratteristiche essenziali

Il meccanismo della lotteria degli scontrini è ormai attivo da diversi mesi nel paese. Il suo funzionamento è molto semplice: comprando beni e servizi del valore di almeno un euro e pagando con strumenti elettronici sono prodotti biglietti virtuali validi per partecipare alle estrazioni periodiche della lotteria. Sono previsti premi sia per i clienti che per gli esercenti.

Attenzione però: sono comunque esclusi e ‘non conteggiati’ tutti gli acquisti in denaro contante o via web; ma anche quelli per i quali si emette fattura e quelli mirati a detrazione o deduzione fiscale. 

Abbiamo appena detto che per partecipare occorre fare un acquisto del valore di almeno un euro; ciò in quanto ogni scontrino produce un biglietto virtuale per ciascun euro speso, fino a un massimo di mille biglietti per ciascun scontrino di importo corrispondente o al di sopra dei mille euro.

Per partecipare alle estrazioni, il cliente deve semplicemente esibire all’esercente il proprio codice lotteria in fase di acquisto. E’ un codice a barre e alfanumerico, che il cliente può previamente ottenere immettendo il proprio codice fiscale sul Portale ad hoc della lotteria degli scontrini. A seguito dell’estrazione periodica dei biglietti vincenti, il meccanismo prevede che l’Agenzia delle dogane e dei monopoli riesca a risalire dal codice lotteria legato al biglietto vincente,  al codice fiscale del compratore ma anche alla p.  Iva del negoziante.

LEGGI ANCHE: Decreto PA 2021 e riforma delle selezioni nel pubblico impiego. I dettagli

Lotteria degli scontrini 2021 verso lo stop: quando potrebbe scattare la sospensione?

Come abbiamo anticipato, all’interno di Palazzo Chigi l’orientamento che sembra emergere in questi ultimi giorni ci dice che si va verso la sospensione, entro breve tempo, della lotteria degli scontrini. Gli osservatori più attenti hanno già rilevato che la scelta dello stop potrebbe far parte di un piano di largo respiro, finalizzato a frenare i rimborsi da parte del Governo e alle correlate iniziative pubbliche che incentivano detti bonus.

Sembrerebbe insomma che l’Esecutivo intenda ragionare più sul medio e lungo termine invece che continuare a erogare bonus fine a se stessi; dirottando i fondi verso iniziative meritevoli e dalle quali la cittadinanza complessivamente considerata possa trarre un concreto beneficio nel tempo.

Vero è che se questi sono gli elementi noti al momento, non si sa ancora se si tratterà di una sospensione temporanea o piuttosto di un addio. Probabilmente si tratta di un aspetto che sarà valutato più avanti, anche se pare che lo stop alla lotteria degli scontrini 2021 potrebbe arrivare già a luglio, in questi giorni o entro le prossime due o tre settimane.

Concludendo, da rimarcare il fatto che la lotteria degli scontrini non ha mai ingranato veramente. In non pochi ricordano le critiche espresse dal Codacons già lo scorso marzo, che lamentava inefficienze da parte degli esercenti che non avevano ancora il registratore di cassa aggiornato. Ed anche non vi è stato un boom di registrazioni al sito dell’iniziativa.