Stipendio doppio per i dipendenti che lavorano di sabato: ecco dove succede e perché

Boom di richieste del mercato degli occhiali e Luxottica ha proposto lo stipendio doppio a chi decide di lavorare anche di sabato.


In questi mesi la crisi energetica, il boom dell’inflazione e l’aumento spropositato dei costi dei beni di prima necessità e delle bollette rappresentano problemi molto concreti per milioni di cittadini e moltissime imprese sparse sul nostro territorio. Ma, a ben vedere, non sembra che tutte le aziende stiano vivendo un momento di difficoltà a livello di conti e bilanci interni, o almeno così è per Luxottica – azienda leader mondiale nel design, produzione e distribuzione di occhiali di fascia alta, di lusso e sportivi.

Anzi, per questo marchio di rilievo internazionale il momento è molto positivo –  contrariamente a tante altre realtà imprenditoriali gravate dal peso della crisi e delle bollette. Tanto che, per il mese di settembre, i vertici aziendali hanno scelto di introdurre una novità sicuramente non sgradita ai dipendenti: lo stipendio doppio per chi lavora di sabato. Ne parleremo di seguito, nel corso di questo articolo.

Stipendio doppio per i dipendenti che lavorano di sabato: il caso Luxottica

Se le ore di straordinario non sono affatto una rarità, a colpire è però l’accoppiata tra le ore di lavoro aggiuntive di sabato e il conseguente versamento di uno stipendio doppio. Ci si potrebbe domandare del perché sia possibile ciò, e soprattutto in un periodo come questo – in cui la generalità delle aziende sta cercando, ove possibile, di contenere i costi.

Leggi anche: calcolo stipendio netto

Ebbene la misura straordinaria di un colosso come Luxottica per il mese di settembre, è di fatto una conseguenza della crescita degli ordini di queste settimane, ma vuole anche rappresentare una concreta misura di contrasto agli effetti dei rincari e del crollo del potere d’acquisto – gravanti sui dipendenti e sulle loro famiglie.

Aumentando le richieste di nuova produzione, inevitabilmente cresce la mole di lavoro per il personale. Ecco allora il perché dell’andamento controcorrente di Luxottica, che ha scelto di tener aperte le proprie fabbriche anche nel giorno che precede la domenica. Il ‘premio’ per chi sceglierà di fare le ore di straordinario al sabato – la scelta sarà del tutto volontaria e rimessa dunque alle valutazioni del singolo lavoratore – sarà costituito così dallo stipendio doppio.

In particolare, la proposta avanzata dalla direzione riguarda i lavoratori dello stabilimento di Agordo, in provincia di Belluno.

Perchè si richiedono questi straordinari di sabato?

Luxottica è stata molto chiara nello spiegare l’opzione dello stipendio doppio per i dipendenti. Nel corso del mese di settembre sono stati proposti quattro sabati di lavoro straordinario oppure due per quanto attiene alle lavorazioni in plastica.

Sulla scorta di quanto indicato negli accordi sindacali, le retribuzioni supplementari possono incrementare del 100% rispetto all’importo base. Non solo. La grande azienda favorirà gli spostamenti dei lavoratori che diranno sì agli straordinari super pagati. I dipendenti infatti saranno agevolati a recarsi in fabbrica, grazie ad un servizio di trasporto gratuito verso la sede di lavoro.

Leggi anche: Straordinari: cosa sono, come funzionano e quanto devono essere pagati

Ecco allora spiegata la scelta dello stipendio doppio da parte di Luxottica, che certamente sostiene il potere d’acquisto dei dipendenti ma che, al contempo, è stata possibile anche e soprattutto grazie alla elevatissima solidità del Gruppo. Infatti – come riportato dalla consueta classifica di Milano Finanza pubblicata alcune settimane fa – la famiglia Del Vecchio, proprietaria di Luxottica, vanta un patrimonio di ben 28,4 miliardi di euro.

Questa somma la colloca nel 2022 al primo posto tra gli imprenditori più facoltosi del nostro paese, una vera e propria leadership se consideriamo che al secondo posto troviamo Patrizio Bertelli e Miuccia Prada, con un patrimonio di ‘soli’ 11,5 miliardi di euro.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email