Dati per la dichiarazione precompilata 2018, nuove specifiche tecniche

Nuove specifiche tecniche per la comunicazione dei dati per dichiarazione precompilata 2018 dei bonifici per ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica, delle spese condominiali, delle spese sanitarie rimborsate ed infine dei contributi di previdenza complementare.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’Agenzia delle Entrate ha approvato nuove specifiche tecniche sui dati per la dichiarazione precompilata 2018. Tra le nuove specifiche tecniche troviamo la comunicazione dei dati dei bonifici per ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica, delle spese condominiali, delle spese sanitarie rimborsate ed infine dei contributi di previdenza complementare.

Con i provvedimenti del 6 febbraio 2018, il Fisco interviene aggiungendo o modificando i dati che andranno a confluire nella dichiarazione precompilata 2018. Come anticipato sopra il provvedimento interviene su:

  • come eseguire le comunicazioni all’anagrafe tributaria sulle principali spese da poter portare a detrazione. In merito, si potranno utilizzare anche le precedenti comunicazioni fornite in materia dal provvedimento numero 19969 del 27 gennaio 2018. Per le specifiche tecniche, invece, è da fare riferimento all’allegato 1 del nuovo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.
  • Le modalità di trasmissione dei dati fiscali. Sono previste ulteriori modifiche rispetto al precedente provvedimento di Gennaio dell’Agenzia delle Entrate.
  • Modifiche sulle ricevuta della dichiarazione precompilata. Si prevede un caso specifico nel caso di invio di dati errati.

L’Agenzia delle Entrate, ha anche inserito 3 importanti allegati su specifiche tecniche, modalità di compilazione e allegato ricevuta telematica, a supporto di un corretto adempimento da parte degli utenti sui dati della dichiarazione precompilata 2018 redditi 2017. Allegati e provvedimenti sono disponibili online sul sito dell’Agenzia.

Comunicazioni anagrafe tributaria, novità sulle specifiche tecniche da rispettare

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto nell’allegato 1 del provvedimento del 06 febbraio 2018, le specifiche tecniche da rispettare per le comunicazioni all’anagrafe tributaria. Si tratta, di un file che contiene le informazioni sulle spese dei condomini su lavori in parti comuni e da utilizzare solo a partire dalle dichiarazioni del reddito percepito nel 2017. In particolare, saranno presenti tali dati:

  • Record di testa,per identificare il soggetto obbligato alla dichiarazione, l’anno di riferimento (ovvero il 2017) e la tipologia di invio.
  • Il record di dettaglio, si prosegue indicando le informazioni sulle spese eseguite dai condomini per i lavori sulle parti comuni.
  • Un record di coda, dove si riportano i medesimi dati del record di testa. Ne fanno eccezione, i dati sul tipo di record.

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, interviene anche sul termine delle trasmissioni e con una ulteriore modifica rispetto al precedente provvedimento di Gennaio. In particolare nel caso di trasmissioni di codici fiscali non validi, è il soggetto obbligato ai fini fiscali che provvede ad un invio sostitutivo della comunicazione e alla correzione dei dati. Si stabilisce, un termine entro i 5 giorni successivi ad una segnalazione di errore dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Modifiche alle ricevute della dichiarazione precompilata 2018

L’Agenzia delle Entrate, interviene anche rispetto ad una modifica delle ricevute della dichiarazione precompilata dei redditi. In merito, si stabilisce che il file viene accolto anche nel caso di codici fiscali non validi nella trasmissione. La ricevuta, infatti, conterrà tali dati per dare la possibilità al soggetto obbligato alla suddetta compilazione di eseguire un ulteriore invio con i dati giusti.

Presente, anche un utile allegato dal nome “allegato ricevuta telematica”, che permette di avviare questa fase da parte del soggetto obbligato alla compilazione dei dati fiscali per la dichiarazione precompilata dei redditi del 2017.

Elenco provvedimenti Agenzia Entrate del 6 febbraio 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.