Scadenza 730 per rimborsi veloci, presentazione entro il 30 settembre

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il 30 settembre è giorno di scadenza 730 per i contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente, privi di un sostituto d'imposta

Il 30 settembre sarà l’ultimo giorno utile per la presentazione del modello 730 anche per i contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati, privi di un sostituto d’imposta.

Ricorderete che, il decreto del fare, L. 98/2013, tra le altre cose, ha introdotto la possibilità per i contribuenti che non hanno più un datore di lavoro o meglio, un sostituto d’imposta, e che vantano un credito verso l’erario, di presentare il mod. 730, ottenendo così il rimborso veloce direttamente da parte dell’Agenzia delle entrate.

La disposizione contenuta nel decreto del fare,  si applica a partire dalle dichiarazioni presentate nel 2014. Tuttavia, già dal 2013 è possibile presentare, dal 2 al 30 settembre, il 730 “situazioni particolari”, nei casi in cui dallo stesso emerga un credito.

Leggi anche: 730, rimborsi veloci anche per i disoccupati

Come compilare il modello 730/2013 presentato a settembre

I contribuenti che hanno perso il sostituto d’imposta devono

  • nella casella “Situazioni particolari” posta nel frontespizio del modello 730/2013 indicare il codice “1”
  • nella sezione dedicata ai dati del sostituto d’imposta che effettua il conguaglio indicare i seguenti dati:
    • Codice fiscale: in luogo del codice fiscale del sostituto, va riportata la sequenza numerica “20137302013”;
    • Denominazione: “Decreto legge n. 69/2013 – Agenzia delle entrate”
    • Comune: “Roma”; Provincia: “RM”; Indirizzo: “Via Cristoforo Colombo”; CAP: “00145”

Le modalità per il rimborso

Le somme risultanti a credito dal prospetto di liquidazione, al netto degli importi eventualmente dovuti a titolo di acconto nonché della parte di credito già utilizzata o che si intende utilizzare in compensazione per il pagamento di imposte non liquidate nella dichiarazione 730, sono rimborsate dall’Agenzia delle entrate.

I contribuenti che vogliono ottenere l’accredito dei rimborsi sul conto corrente bancario o postale, accelerando i tempi di erogazione, e che non hanno ancora comunicato il codice IBAN, possono farne richiesta utilizzando il modello reperibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, riservato alle persone fisiche, nel quale vanno indicati i dati relativi a un conto corrente intestato o cointestato al beneficiario del rimborso. In particolare, è necessario riportare il codice Iban.

Il modello per comunicare l’Iban deve essere presentato dal contribuente direttamente:

  • in via telematica, se è in possesso di pincode, tramite la specifica applicazione
  • presso un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate, che provvederà ad acquisire le coordinate del conto corrente del richiedente.

Queste modalità sono le uniche previste per comunicare il codice Iban all’Agenzia delle entrate. In assenza della comunicazione da parte del contribuente, l’erogazione dei rimborsi sarà effettuata con le altre modalità previste dal decreto ministeriale 29 dicembre 2000.

Tutte le istruzioni relative al 730 “situazioni particolari” sono riportate nel provvedimento del direttore dell’Agenzia del 22 agosto 2013 e nella circolare n. 28/E.

  Circolare nr. 28/E (534,9 KiB, 363 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • gianfe

    salve…a me scade il contratto il 30 settembre, quindi sarò di nuovo disoccupato, ho già dato il mio codice iban nella sezione Cosa devi fare -Richiedere – Rimborsi – Accredito rimborsi su conto corrente. però mi chiedo se scade il 30 di settembre che sarebbe il mio ultimo giorno di lavoro, riuscirò a farmi accreditare il rimborso? poi si parla anche di un modello da inviare on line, quale sarebbe? grazie

  • Ciao Gianfe, questo 730 è stato introdotto per dare la possibilità a chi non ha un sostituto d’imposta di chiedere comunque un rimborso tramite 730. Ma tu il sostituto ce l’hai… da quando sei assunto?

    • gianfe

      salve, sono assunto dal 27 di maggio, avevo letto il vostro link:https://www.lavoroediritti.com/2013/08/730-rimborsi-veloci-anche-per-i-disoccupati/

      • Ciao Gianfe, però non capisco, avresti potuto inserire il tuo attuale datore di lavoro e ottenere il rimborso da lui. Come ti dicevo questo nuovo 730 è stato previsto per chi alla data di presentazione del 730 che quest’anno era il 10 giugno, non aveva un sostituto d’imposta (datore di lavoro o INPS).

        • gianfe

          ok…ho capito! diciamo che non godo di molta stima del mio datore e sopratutto spesso e volentieri non accreditava i rimborsi, ci siamo capiti vero? 😉 comunque su questa discussione ho scoperto che finalmente cè una persona che risponde ai tuoi dubbi! grazie mille antonio!! credo che avrò bisogno di molte delucidazioni in questo campo!! e per l’agenzia delle entrate ora hanno il mio codice iban nella sezione rimborsi e non addebiti, non si sa mai che mi accreditino qualcosa 😉

          • ok grazie, siamo sempre qui… ti consiglio di usare il forum dove troverai (quasi) sempre qualcuno a risponderti!!

      • Probabilmente il tuo commercialista ti ha fatto l’Unico e non il 730. In questo caso non puoi più chiedere il rimborso, in quanto hai già chiesto di riportare il credito all’anno prossimo.

        Questo nuovo 730 può presentarlo chi non ha presentato il 730 a giugno perchè non aveva sostituto d’imposta e non ha ancora presentato l’unico per riportare il credito all’anno successivo. Quindi anzichè presentare l’unico presenta il nuovo 730 e chiede il rimborso tramite la procedura che hai indicato tu.