Spese detraibili 730 anno 2018, cosa si può scaricare dalle tasse

Aperta ufficialmente la stagione dichiarativa, sia per chi utilizza il modello 730 ordinario che quello precompilato, vi sono una serie di spese che è possibile scaricare nella denuncia dei redditi e ottenere sconti fiscali che in gergo tecnico si chiamano detrazione e deduzioni. Ecco l’elenco completo di queste spese.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il modello 730, la dichiarazione dei redditi per eccellenza, presenta numerosi vantaggi tra cui quello di non dover eseguire calcoli complessi e soprattutto di ottenere il rimborso delle tasse direttamente nella busta paga o nella rata di pensione dal mese di luglio.

Anche quest’anno l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione on line dal 16 aprile in una sezione ad hoc del sito il modello precompilato così ribattezzato perché in esso sono già indicate una serie di informazioni e dati conosciuti al Fisco, per lo più le spese detraibili. Ma quali sono queste spese che si possono scaricare nel 730? Vediamo nei dettagli.

Spese 730: differenza tra detrazione e deduzione fiscale

E’ nel Quadro E intitolato “Oneri e spese detraibili e oneri deducibili” che il contribuente può indicare le spese che danno diritto a una detrazione d’imposta e quelle che possono essere sottratte dal reddito complessivo e che si chiamano deduzioni. Ma cos’è la detrazione e cosa la deduzione?

Alcune spese, come ad esempio quelle sostenute per l’istruzione o per gli interessi sul mutuo dell’abitazione, possono essere utilizzate per scontare l’imposta da pagare, ossia l’irpef. In tal caso si parla di detrazioni la cui misura varia a seconda del tipo di spesa e va dal 19% per le spese sanitarie ad esempio al 50 per cento per quelle di ristrutturazione edilizia.

Se dovesse verificarsi una situazione di incapienza invece, ossia quando l’imposta dovuta è inferiore alle detrazioni, la parte di detrazione che supera l’imposta non può essere rimborsata tranne che per le detrazioni sui canoni di locazione, per le quali invece in alcuni casi si può avere il rimborso.

La deduzione fiscale invece riguarda una serie di spese, come ad esempio le erogazioni liberali in favore degli enti non profit oppure i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari che riducono il reddito complessivo su cui calcolare l’imposta dovuta.

Spese detraibili 730 anno 2018: elenco completo

Detto ciò ecco di seguito l’elenco delle spese da inserire nel modello 730 anno 2018 per cui si ha diritto alla detrazione o alla deduzione fiscale.

  • SPESE
    • sanitarie
    • veterinarie
    • per istruzione diverse da quelle universitarie
    • relative ai contributi versati per il riscatto degli anni di laurea dei familiari a carico
    • per istruzione universitaria
    • asili nido
    • funebri
    • Sostenute per servizi di interpretariato dai soggetti riconosciuti sordi
    • veicoli per persone con disabilità
    • sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti
    • sanitarie per persone con disabilità
    • per l’acquisto di cani guida
    • addetti all’assistenza personale
    • attività sportive per ragazzi (palestre, piscine e altre strutture sportive)
    • intermediazione immobiliare
    • relative a beni soggetti a regime vincolistico
    • per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede
  • Totale spese sanitarie per le quali è stata richiesta la rateizzazione nella precedente dichiarazione
  • Contributi associativi alle società di mutuo soccorso
  • Erogazioni liberali
    • a favore delle associazioni di promozione sociale
    • alle società ed associazioni sportive dilettantistiche
    • a favore della società di cultura Biennale di Venezia
    • per attività culturali ed artistiche
    • a favore di enti operanti nello spettacolo
    • a favore di fondazioni operanti nel settore musicale
    • degli istituti scolastici di ogni ordine e grado
    • al fondo per l’ammortamento di titoli di Stato
    • a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o eventi straordinari
  • interessi
    • per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio
    • per mutui ipotecari per acquisto abitazione principale
    • mutui ipotecari per costruzione abitazione principale
    • per mutui ipotecari per acquisto altri immobili
    • per prestiti o mutui agrari
  • Premi per assicurazioni
    • sulla vita e contro gli infortuni
    • tutela delle persone con disabilità grave
    • per rischio di non autosufficienza

Per informazioni più dettagliate vi rimandiamo alla lettura completa delle Istruzioni per la compilazione del 730/2018.

730 2018 istruzioni
» 979,3 KiB - 1.167 hits - 19 aprile 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in Giurisprudenza, è redattrice in ambito fiscale, previdenziale ed economico da quasi 10 anni. Ha collaborato con alcuni dei più noti e importanti siti on line di economia e finanza.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.