Dimissioni e risoluzione consensuale, ufficiali le nuove modalità

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Dimissioni e risoluzione consensuale, pubblicate in Gazzetta Ufficiale le modalità di comunicazione e il fac-simile del modulo obbligatori dal 13/03/2016

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto 15/12/2015 contenente le nuove modalità di comunicazione delle dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, a seguito del D. lgs 151/2015 c.d. Decreto Semplificazioni in materia di lavoro in attuazione del Jobs Act ha modificato la disciplina delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale.

Premessa

Il Jobs Act, a rafforzamento del contrasto alle dimissioni in bianco, ha introdotto una ulteriore novità, ovvero la compilazione in via telematica delle dimissioni e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro le quali dovranno essere fatte, a pena di inefficacia, esclusivamente con modalità telematiche su appositi moduli resi disponibili dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Il D. lgs 151/2015 in attuazione del Jobs Act come descritto sopra ha previsto che il Ministero del Lavoro avrebbe dovuto emanare la suddetta procedura entro 90 giorni dall’entrata in vigore dello stesso decreto.

Leggi anche: come comunicare le dimissioni e la risoluzione consensuale dopo il Jobs Act

Il decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 15 dicembre 2015, definisce le suddette modalità e rilascia altresì il fac-simile del modulo di dimissioni e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, la loro revoca, gli standard, le regole tecniche per la compilazione del modulo e per la sua trasmissione al datore di lavoro e alla Direzione territoriale del lavoro competente.

Il Decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 7 dell’11 gennaio 2016 con entrata in vigore il 12 gennaio 2016. Tuttavia la procedura sarà disponibile e obbligatoria solo dal 13 marzo 2016 così come previsto dall’art. 26 comma 8 del D. Lgs 151/2015.

Nuove modalità di comunicazione delle dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro

Come riportato dall’allegato 2 al Decreto 15 dicembre 2015 del Ministero del Lavoro le nuove dimissioni e la risoluzione consensuale potranno essere comunicate esclusivamente in via telematica.

Il lavoratore potrà procedere personalmente oppure per mezzo di soggetti abilitati.

Comunicazione delle dimissioni o della risoluzione consensuale da parte del lavoratore

  1. il lavoratore deve essere in possesso del PIN dispositivo dell’INPS, in caso contrario dovrà richiederlo (Leggi la nostra guida a riguardo: come richiedere il codice PIN Inps)
  2. il lavoratore deve creare un’utenza, se ancora non in suo possesso, per l’accesso al portale www.ClicLavoro.it
  3. a questo punto il lavoratore, può accedere tramite il portale www.lavoro.gov.it al form on-line per la trasmissione della comunicazione (oppure ad un modulo precedente inviato per la revoca);
  4. una volta compilato e generato, il suddetto modulo di dimissioni o risoluzione consensuale dovrà essere inviato via PEC al datore di lavoro e alla Direzione territoriale del lavoro competente;

Comunicazione delle dimissioni o della risoluzione consensuale tramite soggetti abilitati

In questo caso il lavoratore, senza essere necessariamente in possesso di PIN dell’INPS o accesso al portale www.cliclavoro.it, potrà comunicare le dimissioni o la risoluzione consensuale tramite uno dei seguenti soggetti:

  • Patronati;
  • Organizzazioni sindacali;
  • Enti bilaterali;
  • Commissioni di certificazione (di cui art. 76 del D.L.vo n. 276/2003).

Revoca delle dimissioni o della risoluzione consensuale

Il lavoratore potrà procedere alla revoca di dimissioni e risoluzione consensuale nei tempi e in base alla normativa vigente con le stesse modalità con cui le ha precedentemente comunicate.

Casi esclusi dalla normativa

Restano fuori, dal campo di applicazione della presente norma, il lavoro domestico e le dimissioni o la risoluzione consensuale disposta nelle sedi conciliative (art. 2113 c.c., 4° comma e Commissione di certificazione).

Infine la convalida delle dimissioni e la risoluzione consensuale delle lavoratrici madri e lavoratori padri deve essere fatta secondo le modalità previste nella lettera circolare prot. n. 22350 del 18 dicembre 2015 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

  Decreto 15 dicembre 2015 Ministero del Lavoro (167,9 KiB, 1.865 download)
  Modulo recesso dal rapporto di lavoro/revoca (211,4 KiB, 4.561 download)

Leggi anche: ABC Lavoro: le dimissioni, tutto quello che c’è da sapere

Link G.U.: DECRETO 15 dicembre 2015 – Modalita’ di comunicazione dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti