Rientro anticipato dalla malattia solo con certificato medico idoneo

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'Inps informa che in caso di rientro anticipato dalla malattia il lavoratore è tenuto a fornire un certificato medico di rettifica dell’originaria prognosi

L’Inps, con messaggio n. 6973 dello scorso 12 settembre fornisce un importante chiarimento circa il rientro anticipato dalla malattia. In particolare afferma che il lavoratore in malattia che, considerandosi guarito, intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante, potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica dell’originaria prognosi.

Il messaggio ricorda che, secondo TU sul pubblico impiego (decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165), l’assenza per malattia dei dipendenti pubblici debba essere attestata mediante certificato medico inoltrato per via telematica, secondo le modalità stabilite dalla normativa vigente per il settore privato.

I medici, sono tenuti ad effettuare le operazioni di predisposizione dei certificati entro le successive 24 ore e li inviano al datore di lavoro tramite il Sistema di Accoglienza Centrale (SAC).

I certificati possono essere annullati (entro il giorno successivo all’emissione) o rettificati nel caso in cui si riscontri nel paziente un decorso più favorevole della malattia con successiva riduzione della prognosi.

Il datore di lavoro, ricorda il messaggio, è tenuto, secondo l’art. 2087 del c.c., ad adottare tutte le misure  necessarie per la tutela dell’integrità fisica  dei lavoratori. Tuttavia, al datore non è dato conoscere la diagnosi della malattia di un lavoratore ma, solo di disporre dell’attestato di malattia e, dell’attestato relativo ai giorni di assenza accordati dal medico.

Pertanto, precisa l’INPS,  “non potendo conoscere né la diagnosi né l’effettivo contenuto incapacitante della malattia, lo stesso datore di lavoro non è in grado di valutare se e in che misura il dipendente – che desideri rientrare in servizio anticipatamente rispetto la prognosi formulata nel certificato prodotto – abbia effettivamente recuperato le proprie energie psicofisiche tali da garantire se stesso e l’ambiente di lavoro da qualsivoglia evento avverso connesso ad una capacità di impegno non completamente riacquisita”.

Ciò, comporterebbe in capo al datore di lavoro l’impossibilità di ottemperare agli obblighi impostigli dalle  normative  in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Proprio per questo motivo, conclude il messaggio INPS, “ogni dipendente assente per malattia che intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante, potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica dell’originaria prognosi”.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti