Concorso Ministero degli Esteri 2021: 400 posti anche per diplomati

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo bando di concorso per 400 posti a tempo pieno e indeterminato al Ministero degli Esteri.


Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il nuovo bando di concorso Ministero degli Esteri 2021. Il concorso prevede l’assunzione a tempo pieno ed indeterminato di 400 diplomati suddivisi tra collaboratori contabili e tecnici.  Per presentare la propria candidatura c’è tempo fino al 12 aprile 2021.

Vediamo qui di seguito quali sono i requisiti richiesti dal bando, come presentare correttamente la propria domanda di partecipazione al concorso e quali saranno le prove d’esame.

Concorso Ministero degli Esteri 2021: quali sono i requisiti

Per poter concorrere al nuovo concorso del Ministero degli Esteri 2021 non è previsto nessun limite di età, infatti possono presentare la propria candidatura tutti i cittadini italiani che hanno compiuto il 18° anno e che sono in possesso di un diploma di maturità. Oltre tali requisiti, il bando richiede il possesso di ulteriori requisiti tra cui:

  • conoscenza della lingua inglese;
  • conoscenza di una seconda lingua straniera: francese, spagnolo, tedesco, arabo, russo, portoghese, cinese o giapponese;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubblica amministrazione per insufficiente rendimento;
  • saper utilizzare gli applicativi informatici più diffusi;

Tutti i requisiti devono essere posseduti entro e non oltre la data di scadenza stabilita per la presentazione della domanda di ammissione al concorso.

Come sono suddivisi i posti a concorso

I 400 posti messi a concorso sono così suddivisi:

  • 375 collaboratori di amministrazione, contabile e consolare. Codice 01.
  • 25 collaboratori tecnici per i servizi di informatica, telecomunicazioni e cifra. Codice 02.

I candidati possono comunque presentare domanda di partecipazione per ciascuno dei profili professionali. I vincitori del concorso saranno assunti con un contratto a tempo pieno e indeterminato.

Come presentare la propria candidatura

Sarà possibile inviare la propria candidatura entro e non oltre il 12 aprile 2021 esclusivamente per via telematica attraverso il sito web dedicato. Durante la compilazione della domanda di partecipazione il portale chiederà di scegliere una seconda lingua straniere in cui si intende sostenere il colloquio e la seconda prova scritta del concorso.

Inoltre sarà possibile scegliere una delle seguenti lingue: francese, spagnolo, tedesco, arabo, russo, portoghese, cinese o giapponese.

Quali sono le prove d’esame

Il concorso ministero degli Esteri 2021 prevede lo svolgimento di 4 prove d’esame tra cui: prova preselettiva, 2 prove scritte e una successiva prova orale con la commissione esaminatrice.

La prova preselettiva consiste in 60 quesiti a risposta multipla sulle seguenti materie :

  • conoscenza della lingua italiana e la lingua inglese;
  • elementi  di   diritto  pubblico  con particolare riferimento al rapporto di pubblico impiego;
  • conoscenza base degli strumenti di office automation;
  • capacità  logico-deduttiva,   di     ragionamento  logico-matematico e critico-verbale.

A ciascuna risposta esatta è attribuito il punteggio di +1m ad ogni risposta errata sono sottratti -0,33 punti mentre ad ogni risposta mancata oppure marcate più risposte verranno attribuiti 0 punti.

Prove scritte

A seconda del profilo scelto, le prove scritte previste dal concorso prevedono comunque diverse materie d’esame. Per i candidati che concorrono per il profilo collaboratori di amministrazione, contabile e consolare, la prima prova consiste in diversi quesiti a risposta multipla sulle seguenti materie d’esame: elementi di diritto pubblico con particolare riferimento al rapporto di pubblico impiego, elementi di diritto consolare e infine elementi di contabilità di Stato.

La prima prova scritta per il profilo collaboratori tecnici per i servizi di informatica, telecomunicazioni e cifra, consiste anche essa in diversi quesiti a risposta multipla volti a verificare le conoscenze teorico-pratiche del candidato in materia di informatica, telecomunicazioni e cifra.

La seconda prova consiste invece in quesiti a risposta multipla inerenti sulla conoscenza della lingua inglese e sarà uguale per entrambi i profili. I candidati che avranno ottenuto una votazione complessiva di almeno 60 centesimi (60/100) in ciascuna prova scritta, saranno convocati per la prova orale del concorso.

Prova orale

La prova orale del concorso varia a seconda del codice profilo scelto. Le materie previste per il codice 01 sono le seguenti:

  • ordinamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale;
  •  elementi di geografia;
  • altra lingua straniera tra: francese, spagnolo, tedesco, arabo, russo, portoghese, cinese e giapponese.

Infine per il codice 02 le materie previste per la prova orale sono le seguenti:

  • ordinamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale;
  • elementi di geografia;
  • diritto pubblico con particolare riferimento al rapporto di pubblico impiego;
  • contabilità di Stato;
  • altra lingua straniera tra: francese, spagnolo, tedesco, arabo, russo, portoghese, cinese e giapponese.

Durante la prova orale i candidati saranno sottoposta ad una prova pratica di informatica in modo tale da accertare la conoscenza e la capacità di uso dei principali programmi di scrittura, calcolo, comunicazione, presentazione.

Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679