Lauree abilitanti: Legge di riforma in Gazzetta Ufficiale. I titoli con cui lavorare subito

Camera e Senato hanno detto sì alla legge sulle lauree abilitanti che è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Ecco cos'è e come funziona.


La Legge di Riforma delle cosiddette Lauree abilitanti è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 19 novembre scorso. Importantissima novità in arrivo per molti di coloro che hanno svolto un percorso accademico e hanno dunque scelto di continuare gli studi dopo il diploma di maturità. Detto provvedimento consiste di fatto in una delle prime riforme, che attuano il PNRR italiano.

La data di entrata in vigore – il 4 dicembre 2021 – e l’esigenza di un tale provvedimento si spiegano con la necessità di velocizzare l’ingresso nel mondo del lavoro per quelle figure che, già debitamente formate, hanno le conoscenze teoriche e le capacità pratiche per poter firmare un contratto di lavoro, subito dopo la laurea.

Vediamo allora qualche dettaglio in merito alle cd. lauree abilitanti, così come inquadrate nella nuova legge.

Lauree abilitanti: la nuova legge favorisce l’ingresso nel mondo del lavoro

Il percorso che ha condotto alla pubblicazione della legge in GU è durato alcuni mesi e si è concluso positivamente, con l’introduzione delle lauree abilitanti senza esame di Stato.

D’altronde ciò ben si spiega, se teniamo conto delle conseguenze della crisi sanitaria ed economica da coronavirus: esse hanno imposto di ripensare il mercato del lavoro, anche cancellando alcuni step che portano via tempo prezioso. Ci riferiamo in particolare all’esame di Stato, da svolgersi dopo la laurea e al tirocinio post-laurea: per tantissime persone uno ‘scoglio’ che rende molto meno immediato il contatto con il mondo del lavoro collegato al proprio percorso di studi, pur dopo molti anni passati sui libri e a dare esami.

La Camera, alla fine della discussione iniziata lo scorso 21 giugno, ha dunque approvato il disegno di legge sulle lauree abilitanti, il n. 2751-A, che include le “Disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti“. A fine ottobre, invece, il sì definitivo del Senato al progetto lauree abilitanti, ormai divenuto realtà.

Lauree abilitanti, ecco la nuova legge: che cosa prevede?

La legge sulle lauree abilitanti che, come accennato, entrerà in vigore il prossimo 4 dicembre, è la n. 163 del 2021 (qui il testo). Con essa, di fatto, alcuni titoli universitari, una volta ottenuti previo superamento dell’esame di laurea, conferiranno automaticamente l’abilitazione all’esercizio della professione. Però attenzione: non si tratta di una novità rivolta a tutti i neo-laureati.

In particolare, il testo recentemente approvato e tra poco in vigore, prevede (art. 1) l’abilitazione all’esercizio della professione per le seguenti lauree magistrali:

  • odontoiatria e protesi dentaria – classe LM-46;
  • farmacia e farmacia industriale – classe LM-13;
  • medicina veterinaria – classe LM-42;
  • psicologia – classe LM-51.

Inoltre nella legge si trova scritto che per quanto attiene alle attività formative professionalizzanti, incluse nelle classi di laurea magistrale di cui al comma 1, almeno 30 crediti formativi universitari sono ottenuti “con lo svolgimento di un tirocinio pratico-valutativo interno ai corsi di studio“. I regolamenti didattici universitari definiscono le specifiche modalità di svolgimento, di valutazione e di certificazione del tirocinio.

Non solo. L’art. 5 della citata legge n. 163 del 2021 prevede che le professioni di chimico, fisico e biologo possano essere svolte, dopo il superamento dell’esame finale per l’ottenimento delle rispettive lauree magistrali abilitanti. Anche in queste circostanze, previsto un tirocinio pratico valutativo nell’ambito dei corsi e il sostenimento di una prova pratica valutativa.

Lauree professionalizzanti abilitanti: ecco cosa dispone la legge 163 del 2021

All’art. 2 della predetta legge, abbiamo anche l’apertura all’abilitazione alla professione, in riferimento agli esami finali per il conseguimento delle lauree professionalizzanti che seguono:

  • professioni tecniche per l’edilizia e il territorio – classe LP – 01- geometra laureato;
  • le professioni tecniche agrarie, alimentari e forestali – classe LP-02 – agrotecnico laureato e perito agrario laureato;
  • professioni tecniche industriali e dell’informazione – classe LP-03 – perito industriale laureato.

Leggi anche: Esame avvocato 2021, ecco le date delle prove

Lauree abilitanti: la maggior rilevanza del tirocinio e le professioni escluse dalla riforma

I corsi di studio mirati ad ottenere una delle lauree magistrali abilitanti e delle lauree professionalizzanti includono altresì una prova pratica allo scopo di valutare le competenze professionali, maturate con il tirocinio interno ai corsi di studio. Detto tirocinio assume dunque molta più importanza che nel passato.

L’appena citata prova è mirata ad acclarare il livello di preparazione tecnica conseguita dal candidato per l’abilitazione all’esercizio della professione. Ecco perché è previsto che la commissione giudicatrice venga integrata con professionisti designati dalle rappresentanze nazionali dell’Ordine o del collegio professionale di riferimento. Su questi ultimi aspetti dovranno essere emanati dei decreti da parte del Ministero dell’Università, allo scopo di meglio dettagliare il nuovo assetto delle lauree abilitanti.

Ed ovviamente, sia per quanto attiene alle lauree magistrali che per quelle professionalizzanti abilitanti, è compito dei singoli atenei modificare le regole collegate ai corsi di studio – con regolamenti ad hoc – in un’ottica di necessario coordinamento con le nuove norme di legge.

Rimarchiamo inoltre che sono escluse dalla riforma le professioni di avvocato, notaio, consulente del lavoro, commercialista e revisore legale, in quanto impongono un tirocinio post laurea, peraltro molto articolato ed indispensabile per poter svolgere adeguatamente la professione. D’altronde, in questi mesi i rispettivi Ordini non hanno mai mostrato di apprezzare particolarmente la possibile estensione della riforma alle professioni appena citate.

Lauree abilitanti – Testo della Legge numero 163 del 8 novembre 2021

Di seguito il testo completo della LEGGE 8 novembre 2021, n. 163 (Disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti.) così come pubblicata in Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.276 del 19-11-2021).

download   Lauree abilitanti - LEGGE 8 novembre 2021, n. 163
       » 48,9 KiB - 257 download

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email