SELFIEmployment 2018 Garanzia Giovani: cos’è, requisiti e domanda

SELFIEmployment Garanzia Giovani è un'iniziativa gestita da Invitalia che permette ai cosiddetti NEET di realizzare la propria idea di business.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

SELFIEmployment 2018 Garanzia Giovani è un’iniziativa gestita da Invitalia che permette ai cosiddetti NEET di realizzare la propria idea di business ed avviare una vera e propria attività imprenditoriale con prestiti a tasso zero. Il tutto è coordinato con il programma Garanzia Giovani e viene supervisionato dal Ministero del Lavoro e dal MEF.

Tale iniziativa è partita a settembre 2016 e fino ad oggi, sono stati utilizzati solo il 19% dei fondi messi a disposizione per questa nuova opportunità per i giovani. Vediamo insieme quali sono i requisiti per presentare il proprio business Plan e come iscriversi correttamente.

Selfiemployment 2018: Cos’è

Come anticipato sopra Selfiemployment è un programma di Garanzia Giovani gestito interamente da Invitalia. Questo programma è rivolto a coloro che vogliono sviluppare concretamente la propria idea di business, ma non hanno i fondi necessari per poterla realizzare.

Grazie a questa iniziativa, Invitalia da la possibilità di richiedere un prestito a tasso zero per l’avvio della propria iniziativa imprenditoriale. Per poter richiedere questa tipologia di finanziamento il Ministero del Lavoro e Invitalia richiedo il possesso di alcuni requisiti che vedremo di seguito.

Nonostante Selfiemployment sia un progetto abbastanza datato, poichè risale al 2016, ancora tutt’oggi sono ancora disponibili 114,6 milioni di euro, si tratta quindi di una buona opportunità per chi è senza lavoro, ma ha buone capacità imprenditoriali.

Infatti, secondo l’ultimo aggiornamento pubblicato sul sito ufficiale di Invitalia, le domande finanziate sono 748, mentre i fondi erogati sono stati 25,1 milioni di euro. I dati sono aggiornati al 1 giugno 2018.

Ma vediamo quali sono i requisiti per poter richiedere questa tipologia di prestito e qual’è la somma massima da poter richiedere.

I requisiti per Selfiemployment Garanzia Giovani

Per poter richiedere il prestito a tasso zero di Invitalia grazie al programma Selfiemployment, bisogna essere in possesso di alcuni requisiti particolarmente rilevanti.

Possono richiedere il prestito a tasso zero tutti i cittadini italiani che:

  • Hanno un’età compresa tra i 18 e 29 anni;
  • Attitudine al lavoro autonomo;
  • Sono senza lavoro;
  • Non frequentano percorsi di studio o di formazione professionale;
  • Sono iscritti al programma Garanzia Giovani.

Inoltre, per coloro che hanno partecipato al corso Yes I Start Up effettuato da Garanzia Giovani, saranno attribuiti 9 punti sul punteggio finale del progetto presentato per la richiesta di finanziamento a tasso zero.

Sarà possibile richiedere il prestito per costituire Imprese individuali, società di persone, società cooperative, Associazioni professionali e società tra professionisti, costituite da non più di 12 mesi purché inattive, ovvero con partita IVA non movimentata in attivo. Queste tipologie di società dovranno svolgere una delle seguenti attività:

  • turismo;
  • servizi alla persona, per l’ambiente, multimediali, informazione, comunicazione e alle imprese;
  • commercio al dettaglio e all’ingrosso;
  • Agricoltura;
  • Artigianato.

Elencati tutti i requisti per Selfiemployment, vediamo come presentare la domanda di partecipazione.

Selfiemployment: Come presentare la domanda di partecipazione

Per poter presentare la domanda di partecipazione al programma Selfiemployment, bisogna essere iscritti al programma Garanzia Giovani. Se non sei ancora iscritto e hai un’età tra i 18 e 29 anni allora puoi farlo velocemente collegandoti al sito web di Garanzia Giovani.

Successivamente all’iscrizione bisognerà presentare il proprio business plan direttamente a Invitalia. Per poter inviare il business Plan della propria idea imprenditoriale bisognerà registrarsi sul portale di Invitalia e compilare la domanda online presente nella propria pagina personale.

Inoltre, bisogna precisare che, coloro che non hanno l’attestato del percorso di accompagnamento dovranno obbligatoriamente compilare anche il documento di approfondimento istruttorio.

Infine, per poter concludere correttamente la presentazione della domanda, è obbligatorio essere in possesso di una firma digitale e una casella di posta elettronica certificata (P.E.C.).

Il business Plan dovrà contenere:

  • Dati anagrafici di chi richiede il prestito;
  • Descrizione dell’attività proposta;
  • Analisi del mercato e relative strategie;
  • Aspetti tecnici;
  • Aspetti economico-finanziari.

Selfiemployment 2018: Le modalità di finanziamento

Le modalità di erogazione di finanziamento proposto dal programma Selfiemployment sono diverse. Infatti, esistono tre tipologie di finanziamento:

  1. Micro credito da 5.000 euro a 25.000 euro;
  2. Micro credito esteso da 25.001 a 35.000 euro;
  3. Piccoli prestiti da 35.001 a 50.000 euro.

Per il microcredito l’erogazione avviene in un’unica soluzione tramite accredito sul conto corrente bancario. Per coloro che fanno richiesta di un Micro credito esteso, l’erogazione avviene in due step: anticipo di 25.000 e il saldo entro 18 mesi dall’erogazione del primo bonifico.

Infine, per i piccoli prestiti l’erogazione avviene: Il primo bonifico avviene durante lo stato di avanzamento dei lavori. La somma di questo bonifico non supererà il 50% delle spese effettuate per l’avvio dei lavori, mentre la restante somma del prestito richiesto sarà erogata entro 18 mesi dal completamento e pagamento dei lavori.

E’ possibile reperire tutte le informazioni necessarie sul sito istituzionale di Invitalia.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Staff di Lavoro e Diritti

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.