Assegni familiari e quote di maggiorazione pensione 2020

L'INPS ha rilasciato l'annuale rivalutazione dei reddditi relativi agli assegni familiari e le quote di maggiorazione pensione 2020

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’INPS ha rilasciato la circolare 3 del 9 gennaio 2020 con la quale comunica i limiti di reddito e gli importi relativi ad assegni familiari e quote di maggiorazione di pensione per il 2020. Per assegno familiare, lo ricordiamo, si intende la misura a sostegno del reddito delle famiglie escluse dalla corresponsione degli assegni per il nucleo familiare (ANF). La quota di maggiorazione pensione è la stessa misura prevista per i pensionati esclusi dagli ANF.

Come ogni anno, dal 1° gennaio l’Istituto Previdenziale procede alla rivalutazione:

  • dei limiti di reddito familiare validi per la cessazione o la riduzione della corresponsione degli assegni familiari e delle quote di maggiorazione di pensione,
  • e sia i limiti di reddito mensili per l’accertamento del carico ai fini dei diritto agli assegni stessi.

Ora passiamo quindi a vedere il contenuto della circolare; se invece vuoi conoscere l’importo degli assegni al nucleo familiare usa il nostro calcolatore ANF.

Assegni familiari e quote di maggiorazione di pensione 2020

Come specifica la circolare le indicazioni contenute riguardano esclusivamente i soggetti esclusi dalla normativa sull’assegno per il nucleo familiare, ovvero i soggetti ai quali si applica la normativa sugli assegni familiari ossia:

  • coltivatori diretti,
  • coloni,
  • mezzadri,
  • e piccoli coltivatori diretti.

Le quote di maggiorazione pensione spettano invece ai pensionati delle Gestioni speciali per i lavoratori autonomi ovvero artigiani e commercianti, che non hanno diritto agli ANF. La cessazione del diritto alla corresponsione di questi trattamenti di famiglia, per variazione del reddito non comporta comunque la cessazione di altri diritti e benefici quali ad esempio le detrazioni dal reddito per figli o moglie a carico.

Importi assegni familiari 2020

Gli importi di tali prestazioni sono sempre pari a:

  • 8,18 euro mensili spettanti ai coltivatori diretti, coloni, mezzadri per i figli ed equiparati;
  • 10,21 euro mensili per i pensionati Artigiani e Commercianti e ai piccoli coltivatori diretti per il coniuge e i figli ed equiparati;
  • 1,21 euro mensili per i piccoli coltivatori diretti per i genitori ed equiparati.

Tabelle dei limiti di reddito per assegni familiari e quote di maggiorazione di pensione 2020

La circolare INPS include quindi le tabelle dei limiti di reddito familiare validi per la cessazione o la riduzione dell’erogazione degli assegni familiari e delle quote di maggiorazione di pensione per il 2020.

I limiti reddito sono pertanto rivalutati ogni anno in base al tasso d’inflazione programmato che per il 2019 è stata pari all’1,2%.

Limiti di reddito mensili per il riconoscimento del diritto agli assegni familiari nel 2020

Infine il limite reddituale mensile per il riconoscimento del diritto agli assegni familiari viene calcolato sulla base dell’importo delle pensioni minime, che per il 2020 è pari a 557,99 euro.

Quindi sulla base di questo importo i limiti di reddito mensili utili per l’accertamento del carico e per il riconoscimento del diritto agli assegni familiari sono:

  • 735,39 euro per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio od equiparato;
  • 1.269,43 euro per due genitori ed equiparati.

Circolare INPS numero 3 del 09-01-2020

Alleghiamo infine la Circolare INPS in oggetto.

download   Circolare INPS numero 3 del 09-01-2020
       » 1,4 MiB - 210 download

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679

Condividi.