Bonus asilo nido 2018 INPS, al via le domande

Il Bonus asilo nido 2018 INPS può essere richiesto a partire dal 29 gennaio; vediamo quanto spetta, come fare domanda e i requisiti per accedere alla misura di 1000 euro, a prescindere dall'ISEE, per il pagamento delle rette di asili nido sia pubblici che privati o per servizi di assistenza presso il proprio domicilio.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il Bonus asilo nido 2018 INPS può essere richiesto a partire dal 29 gennaio: vediamo quanto spetta, come fare domanda e i requisiti per accedervi. Il bonus Nido, lo ricordiamo, è una misura a sostegno delle famiglie introdotta lo scorso anno ed è stata prorogata anche per l’anno in corso dall’ultima legge di bilancio.

Consiste in una agevolazione pari ad un massimo di 1000 euro pagato dall’INPS ed è destinato, previa domanda del genitore interessato, ai figli nati o adottati dal 1° gennaio 2016.

Bonus asilo nido 2018 INPS, come funziona

Come anticipato sopra il bonus nido consiste in una agevolazione di importo massimo pari a 1000 euro che viene corrisposta dall’INPS in 11 rate mensili di 90,91 euro per ogni retta mensile pagata e documentata relativa agli asili nido sia privati che pubblici.

Il bonus asili nido 2018 può essere richiesto da un genitore di un minore nato o adottato dalla data del 1° gennaio 2016. Inoltre il genitore deve essere residente in Italia, con cittadinanza italiana o comunitaria. Il beneficio può essere richiesto infine anche dagli extracomunitari:

  • con permesso di soggiorno di lungo periodo;
  • oppure in possesso di una carta di soggiorno per familiari extracomunitari e per i cittadini stranieri con status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria.

Bonus per forme di assistenza presso la propria abitazione

Il bonus dello stesso importo può essere richiesto altresì per forme di assistenza presso la propria abitazione. In questo caso la misura è riconosciuta per i bambini con età inferiore ai tre anni affetti da gravi patologie croniche. Questo bonus di mille euro viene pagato dall’INPS in un’unica soluzione anzichè in 11 rate mensili.

Bonus nido e ISEE 2018

A differenza di altre prestazioni a sostegno del reddito delle famiglie come il Bonus Bebè, il bonus asilo 2018 viene concesso dall’INPS a prescindere dalla situazione reddituale della famiglia. Non è quindi necessario allegare il modello ISEE 2018.

 

Bonus nido 2018, come fare domanda

La domanda di bonus nido 2018 va inoltrata all’INPS attraverso uno dei consueti canali:

Bonus asilo nido 2018 INPS, quando fare domanda

Come accennato sopra è possibile presentare domanda, tramite i canali appena elencati a partire dal 29 gennaio 2018 e fino al 31 dicembre 2018. Tuttavia non saranno accettate domande di bonus nido oltre il tetto massimo di 250 milioni di euro stanziati per la misura.

Bonus nido Modello SR163

In fase di presentazione il genitore che presenta la domanda potrà scegliere come ricevere i soldi dall’INPS. In particolare potrà scegliere tra:

  1. pagamento in contanti, presso ufficio postale ovvero tramite bonifico domiciliato;
  2. tramite accredito diretto su:
    • conto corrente bancario o postale;
    • carta prepagata con IBAN;
    • libretto postale con IBAN;

In entrambi casi il pagamento arriverà a nome del genitore che fa richiesta di bonus nido. Nel caso di pagamento su IBAN il genitore dovrà allegare alla domanda oppure consegnare in seguito il modello SR163, che serve a certificare l’intestazione del c/c. Ricordiamo infatti che la misura può essere pagata solo al genitore che effettua il pagamento della retta dell’asilo. A lui dovranno quindi essere intestate le ricevute di pagamento.

Bonus asilo nido, quando arrivano i soldi

Lo scorso anno, si sono avuti dei ritardi in fase di avvio del bonus nido, quindi anche i pagamenti sono arrivati dopo molto tempo. Tuttavia per quest’anno riteniamo che i tempi entro i quali arriveranno i primi pagamenti si dovrebbero accorciare, visto che il meccanismo è già stato rodato.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti