Bonus under 35 INPS: istruzioni per la fruizione dello sgravio contributivo

Sono giunte le istruzioni INPS per fruire degli sgravi contributivi per i datori di lavoro che hanno assunto mediante il cd. “bonus under 35”

Via libera al conguaglio in Uniemens, a partire dal mese di competenza di aprile 2020, per il cd. “bonus under 35”, di cui alla L. n. 207/2017 (Legge di Bilancio 2018). Dal flusso Uniemens di aprile 2020 e fino al mese di giugno 2020 i datori di lavoro che hanno effettuato, negli anni 2019 e 2020, nuove assunzioni di lavoratori fino a 35 anni di età e con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti e che hanno diritto al bonus under 35 possono portare in esposizione gli sgravi contributivi relativi agli arretrati. Pertanto si potranno recuperare i periodi da gennaio 2019 fino al mese in cui viene effettuato il recupero e quelli relativi al mese corrente.

A specificarlo è l’INPS con la Circolare n. 57 del 28 aprile 2020. Nel documento di prassi, in particolare, vengono fornite le indicazioni e le istruzioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi alla predetta misura di esonero contributivo.

Come fruire degli sgravi contributivi under 35

I datori di lavoro dovranno esporre nell’elemento <ImportoArrIncentivo> l’importo dell’esonero contributivo relativo ai mesi di competenza compresi tra gennaio 2019 ed il mese di esposizione. Si specifica, al riguardo, che la valorizzazione del predetto elemento può essere effettuata esclusivamente nei flussi Uniemens di competenza di aprile, maggio e giugno 2020.

All’interno dell’elemento <TipoIncentivo>, invece, dovrà essere inserito il valore “GECO” avente il significato di “Esonero contributivo articolo 1, commi 100 e seguenti, della Legge 27 dicembre 2017, n. 205 e L. n. 160/2019 comma 10”.

Bonus under 35 INPS: ambito di applicazione

Il “bonus under 35”, originariamente previsto dall’art. 1, co. 100 e ss. della L. n. 205/2017 (Legge di Bilancio 2018), è stato successivamente rivisitato dall’ultima Manovra Finanziaria. La Legge di Bilancio 2020 (L. n. 160/2019), infatti, all’art. 1, co. 10 ha stabilito che il limite anagrafico del giovane, da tenere in considerazione per le assunzioni effettuate nelle annualità 2018, 2019 e 2020, è innalzato a 35 anni di età.

A partire dell’annualità 2021, invece, il limite anagrafico per accedere all’esonero in trattazione sarà strutturalmente individuato nei 30 anni di età.

Lo sgravio, nello specifico, opera per le assunzioni riguardanti i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri e che può essere riconosciuta a tutti i datori di lavoro privati. Restano esclusi dal beneficio:

  • i rapporti di apprendistato;
  • i contratti di lavoro domestico, in relazione ai quali il quadro normativo in vigore già prevede l’applicazione di aliquote previdenziali in misura ridotta rispetto a quella ordinaria.

Sgravio contributivo under 35: misura e durata

La misura dell’incentivo è pari al 50% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di 3.000 euro su base annua, da riparametrare e applicare su base mensile. La durata del beneficio è pari a trentasei mesi a partire dalla data di assunzione.

L’esonero è, inoltre, elevato nella misura del 100 % dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nelle ipotesi in cui le assunzioni a tempo indeterminato intervengano entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio. In tal caso, l’assunzione deve riguardare giovani che, abbiano svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di:

  • alternanza scuola-lavoro;
  • periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore;
  • periodi di apprendistato in alta formazione.

Under 35 assunti nel 2019 e 2020: condizioni e requisiti

Oltre ai requisiti anagrafici, il diritto alla legittima fruizione dell’esonero contributivo è subordinato al rispetto:

  • da un lato, dei principi generali in materia di incentivi all’assunzione, da ultimo disciplinati dall’articolo 31 del D.Lgs n. 150/2015;
  • dall’altro, delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro e dell’assicurazione obbligatoria dei lavoratori;
  • da taluni presupposti specificamente previsti dalla Legge di Bilancio 2018.

A titolo esemplificativo, si evidenzia che occorre rispettare le seguenti condizioni:

  • l’assunzione non violi il diritto di precedenza;
  • non siano in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale.

Chiaramente è necessario, altresì, che il datore di lavoro sia in regola con gli obblighi di contribuzione previdenziale. Ma non solo: è necessario che non vi siano violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge.

Sgravi under 35: casi di compatibilità

Si segnala, infine, che l’esonero contributivo in trattazione non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, limitatamente al periodo di applicazione degli stessi. Diversamente, il bonus è cumulabile con:

  • l’incentivo per l’assunzione dei lavoratori disabili di cui all’art. 13, della L. n. 68/1999;
  • l’incentivo all’assunzione di beneficiari del trattamento NASpI, pari al 20% dell’indennità che sarebbe spettata al lavoratore se non fosse stato assunto per la durata residua del trattamento.

Circolare INPS n. 57 del 28 aprile 2020

Di seguito alleghiamo il testo completo della circolare in parola.

download   Circolare INPS numero 57 del 28-04-2020
       » 520,5 KiB - 1.278 download
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679