Contributi artigiani e commercianti 2021: aliquote, massimali e minimali

L'INPS ha pubblicato aliquote, minimali e massimali per il calcolo dei contributi previdenziali artigiani e commercianti per il 2021.


Rimangono invariati per l’anno 2021, rispetto all’anno precedente, i contributi previdenziali a carico di artigiani e commercianti. L’INPS, dopo aver comunicato i contributi gestione separata 2021 , con la circolare n. 17 del 9 febbraio 2021 comunica anche aliquote, massimali e minimali per il calcolo dei contributi dovuti dai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago (artigiani, commercianti).

La variazione percentuale verificatasi nell’indice dei prezzi al consumo, per le famiglie di operai e impiegati (FOI), calcolata dall’ISTA per il biennio 2019-2020, è risultato pari al – 0,3%. Quindi, non potendo il reddito minimale imponibile rivalutarsi al ribasso, si applicano gli stessi costi contributivi rispetto al 2020.

Ma andiamo con ordine e vediamo nel dettaglio a quanto ammontano i contributi, in base alle aliquote, minimali e massimali forniti dall’INPS e le relative scadenze.

Contributi artigiani e commercianti 2021: aliquote

Le aliquote contributive, utili al calcolo dei contributi INPS da versare alla gestione AGO, sono rimaste invariate per il 2021 rispetto all’anno precedente, in quanto hanno raggiunto il limite massimo prefissato dalla legge.

Per i titolari e collaboratori di età inferiore ai 21 anni l’aliquota contributiva continuerà ad incrementarsi annualmente di una misura pari allo 0,45 punti percentuali, sino al raggiungimento della soglia del 24%. Per gli artigiani coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni, l’aliquota è pari a 21,90%, mentre per i commercianti coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni, l’aliquota è pari a 21,99%.

Continuano ad applicarsi, anche per l’anno 2021, le disposizioni riguardanti la riduzione del 50% dei contributi dovuti dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali con più di 65 anni di età, già pensionati presso le gestioni dell’Istituto.

Contributi fissi

Alla luce delle predette aliquote contributive, per l’anno 2021, si applicano i seguenti costi contributivi fissi:

  • artigiani: 3.836,16 euro (titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori di età superiore ai 21 anni) ovvero 3.572,94 euro (coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni);
  • commercianti: 3.850,52 euro (titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori di età superiore ai 21 anni) ovvero 3.587,29 euro (coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni).

Contributi eccedenti il minimale

I costi contributivi appena elencati riguardano la parte fissa. Quindi, indipendentemente dal reddito conseguito, occorre versare le predette somme.

Tuttavia, se il lavoratore autonomo consegue un reddito superiore a 47.379 euro, occorre versare l’1% in più di contributi. Dunque, nel caso dell’artigiano l’aliquota aumenta al 25% e nel caso del commerciante l’aliquota si incrementa al 25,09%.

Massimale imponibile

Per quanto riguarda il massimale, ossia la soglia di reddito oltre la quale non bisogna versare la relativa contribuzione all’INPS, si differenzia in base alla data di iscrizione del lavoratore alla gestione artigiani e commercianti.

Più in particolare:

  • per i soggetti iscritti alla gestione con decorrenza anteriore al 1° gennaio 1996 o che possono far valere anzianità contributiva a tale data, il massimale di reddito annuo entro il quale sono dovuti i contributi IVS è pari ad 78.965 euro;
  • per i lavoratori privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, iscritti con decorrenza 1° gennaio 1996 o successiva, il massimale annuo è pari a 103.055.

Scadenze contributi artigiani e commercianti

I contributi artigiani e commercianti sono da pagare per trimestri tramite modello F24 alle seguenti scadenze:

  • 17 maggio 2021;
  • 20 agosto 2021;
  • 16 novembre 2021;
  • 16 febbraio 2022.

Se il reddito conseguito è superiore a 15.953 Euro, i termini di pagamento coincidono con quelli dell’IRPEF.

Come pagare i contributi AGO (codeline)

L’INPS ricorda infine che le codeline, ovvero le comunicazioni contenenti i dati e gli importi da pagare non vengono più inviate al domicilio del contribuente. Questi infatti sono reperibili

  1. nel “Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti”;
  2. da questa pagina accessibile sia dai lavoratori autonomi che dai propri intermediari si dovrà proseguire cliccando sul menù alla voce “Dati del mod. F24”;
  3. in questa pagina è possibile visualizzare e stampare in formato PDF il modello da utilizzare per effettuare il pagamento.
⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti.