INL, chiarimenti sulle misure in materia di lavoro del Decreto Agosto

Chiarimenti dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro su alcune misure in materia di lavoro contenute nel Decreto Agosto.

L’Ispettorato Nazionale del lavoro, con la Nota protocollo n. 963 del 4 novembre 2020, ha fornito ulteriori chiarimenti su alcune misure per il lavoro contenute nel Decreto Agosto, ed in particolare in merito:

  • alla proroga o rinnovo di contratti a termine e di contratti di somministrazione;
  • alla proroga delle disposizioni in materia di licenziamenti collettivi e individuali per giustificato motivo oggettivo;
  • ai nuovi trattamenti di CIG, assegno ordinario e CIG;
  • all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali per aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione.

Il presente documento di prassi fa seguito alla nota INL prot. n. 713 del 16 settembre avente ad oggetto le disposizioni contenute nel D.L. n. 104/2020; in particolare la presente nota serve a segnalare alcune modifiche apportate in sede di conversione del predetto decreto nonché le disposizioni di interesse contenute nel più recente D.L. n. 137/2020.

Contratto di somministrazione Decreto Agosto

Nell’ambito del contratto di somministrazione, il rapporto può andare anche oltre i 24 mesi. Infatti, l’art. 8 del “Decreto Agosto” (D.L. n. 104/2020, convertito con modificazioni in L. n. 77/2020) stabilisce che, fino al 31 dicembre 2021, in tutti i casi in cui il lavoratore è assunto a tempo indeterminato dall’agenzia di somministrazione, l’utilizzatore può impiegarlo a tempo determinato per periodi di missione superiori a 24 mesi.

Tale periodo può essere anche non continuativo senza che ciò comporti la costituzione in capo allo stesso utilizzatore di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Ciò è possibile soltanto se:

  • il lavoratore abbia stipulato con l’agenzia di somministrazione un contratto di lavoro a tempo indeterminato;
  • l’agenzia di somministrazione abbia comunicato all’utilizzatore la suddetta tipologia di assunzione.

Divieto di licenziamento: novità del Decreto Agosto

La Legge di conversione del “Decreto Agosto” (D.L. n. 104/2020) ha prorogato fino al 31 gennaio 2021 il divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo. In particolare è precluso l’avvio delle procedure collettive. Inoltre la L. n. 137/2020 proroga la sospensione di quelle già iniziate successivamente alla data del 23 febbraio 2020.

Quindi, vengono salvaguardate esclusivamente le ipotesi in cui il personale interessato venga riassunto dall’impresa subentrante in forza di un cambio appalto.

Resta inibito, per lo stesso arco temporale, anche il licenziamento individuale posto in essere dai datori di lavoro e sono altresì sospese le procedure previste dall’art. 7 della L. n. 604/1966.

Nuova CIG e esonero contributi previdenziali: novità del Decreto Agosto

Il Decreto Agosto disciplina anche la fruizione della CIG per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da Covid-19 per una durata massima di 6 settimane. È possibile della cassa integrazione dal 16 novembre 2020 fino al 31 gennaio 2021.

Inoltre, regola la fruizione, alternativa al trattamento di integrazione salariale, dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali. In particolare, è possibile fruire dell’esonero contributivo, entro il 31 gennaio 2021, nei limiti delle ore di integrazione salariale già fruite nel mese di giugno 2020. Tra l’altro è possibile per i datori di lavoro rinunciare a una parte dell’esonero richiesto e non goduto presentando contestualmente domanda di integrazione salariale.

Sospensione dei versamenti INPS e INAIL: novità del Decreto Agosto

Altra novità del “Decreto Agosto” riguarda la sospensione dei termini relativi ai versamenti dei contributi INPS e INAIL dovuti per il mese di novembre 2020. Possono aderirvi solamente i datori di lavoro che hanno la sede operativa nel territorio dello Stato, e che appartengono ai codici ATECO di cui all’allegato 1 del Dpcm del 24 ottobre 2020.

I pagamenti in questione dovranno tuttavia essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi:

  • in un’unica soluzione, entro il 16 marzo 2021;
  • mediante rateizzazione, fino a un massimo di quattro rate mensili di pari importo. In tal caso, il versamento della prima rata entro il 16 marzo 2021. Il mancato pagamento di due rate, anche non consecutive, determina la decadenza dal beneficio della rateazione.

INL nota prot. 963 del 04.11.2020

Di seguito alleghiamo il testo del documento dell’INL per una sua completa lettura.

download   INL nota prot. 963 del 04.11.2020
       » 369,0 KiB - 232 download
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679