Domanda di NASpI precompilata INPS, nuove modalità di invio online

L'INPS comunica l'avvio sperimentale di nuove modalità di invio online di domanda di disoccupazione, il servizio denominato Domanda di NASpI precompilata INPS, sarà via via esteso a tutti. Vediamo come funziona, chi può accedervi e tutti i particolari della nuova applicazione.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’INPS comunica che è in sperimentazione su un campione di soggetti il nuovo servizio di accesso semplificato alla domanda di NASpI precompilata. La NASpI INPS, acronimo di Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, è una indennità di disoccupazione mensile erogata su domanda dell’interessato, ovvero il lavoratore che ha perso involontariamente il lavoro. Questo sussidio di disoccupazione è stato istituito con D. lgs 22/2015 e prende il nome di disoccupazione universale in quanto è andato a sostituire ASpI e MiniASpI e successivamente anche l’indennità di mobilità.

La NASpI spetta quindi ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato, a determinate condizioni contributive  e lavorative, che hanno perduto involontariamente l’occupazione. A questo proposito l’INPS ha recentemente chiarito come in taluni casi spetti anche a seguito di dimissioni e risoluzione consensuale.

Domanda di NASpI precompilata INPS

Con una notizia pubblicata sul proprio portale istituzionale, l’Istituto di previdenza sociale comunica che a partire dal 23 febbraio 2018 alcuni soggetti scelti a campione,  potranno accedere al nuovo servizio di invio Domanda di NASpI precompilata. L’INPS si adegua quindi alla tendenza degli ultimi anni che prevede la possibilità che sia l’ente stesso a precompilare taluni domande di accesso ai servizi con i dati già in proprio possesso. Pensiamo ad esempio alla dichiarazione precompilata dei redditi a cura dell’Agenzia delle Entrate che sta riscuotendo sempre più successo fra i contribuenti.

La NASpi 2018 precompilata prevede che il soggetto che ha i requisiti per andare in disoccupazione, trovi un modello di domanda già in parte compilato, al quale dovrà aggiungere solo altri eventuali dati in suo possesso. Questo servizio, ancora in via sperimentale sarà via via implementato e reso disponibile per tutti i lavoratori.

Come si accede alla Domanda di NASpI precompilata

Per fruire del suddetto servizio il lavoratore dovrà accedere, tramite il proprio PIN personale, nell’area denominata MyINPS – I tuoi avvisi. Qui troverà, se disponibile, un avviso di ricezione e il link alla domanda precompilata. Se il lavoratore è in possesso del PIN ordinario, alla fine della procedura gli verrà richiesto di completare la domanda convertendolo in PIN dispositivo.

Ricapitolando il lavoratore :

  1. se in possesso dei requisiti
    1. contributivo (almeno 13 settimane di contribuzione utile negli ultimi 4 anni);
    2. lavorativo (almeno 30 giornate di calendario di assunzione negli ultimi 12 mesi);
    3. status di disoccupato (che abbia cioè perso involontariamente il posto di lavoro.
  2. dovrà accedere all’area riservata MyINPS (con PIN dispositivo o ordinario a patto che lo stesso sia convertito);
  3. qui troverà un’avviso e un link alla domanda di NASpI precompilata;
  4. riempie gli eventuali campi vuoti;
  5. invia la domanda di NASpI online.

Terminata con successo la procedura, se ha indicato il pagamento diretto su Conto Corrente, libretto postale o Carta prepagata con IBAN dovrà altresì compilare e inviare il modello SR163.

Domanda di disoccupazione online

Chiaramente anche se dopo la fase di avvio sperimentale la precompilata sarà estesa a tutti, la domanda di NASPi potrà ancora essere inviata seguendo i consueti canali:

  1. domanda online di disoccupazione tramite PIN dispositivo personale;
  2. tramite patronato;
  3. tramite Numero Verde INPS.

Se cerchi una guida su questa misura leggi la nostra guida completa e aggiornata all’indennità di disoccupazione.

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.