Sorveglianza attiva: istruzioni operative da parte dell’INPS

Istruzioni operative per il conguaglio delle somme anticipate dai datori di lavoro per la gestione degli eventi di sorveglianza attiva.

Come noto, il periodo di quarantena trascorso a casa, ovvero in sorveglianza attiva, è equiparabile alla malattia INPS, ai fini del trattamento economico. Quindi, per godere della tutela economica occorre seguire un procedimento sanitario ben preciso, poiché vi è l’obbligo per il lavoratore di produrre idonea certificazione sanitaria.

Ciò è rinvenibile dall’art. 26, co. 1 del D.L. n. 18/2020 (cd. “Decreto Cura Italia”), convertito con modificazioni in L. n. 27/2020. Tra l’altro, ai lavoratori aventi diritto alla tutela previdenziale della malattia a carico dell’INPS, viene riconosciuta l’indennità economica previdenziale. L’indennità, in particolare, riconosciuta sulla base del settore aziendale e della qualifica del lavoratore è comprensiva della contribuzione figurativa.

A tal fine, per la corretta gestione degli eventi nel flusso Uniemens sono stati previsti i seguenti nuovi codici evento riferiti ai lavoratori dipendenti del settore privato:

  • MV6: DL n. 18/2020 – art. 26 comma 1 – Quarantena;
  • MV7: DL n. 18/2020 – art. 26 comma 2 – Assenza dal lavoro per lavoratore disabile con Terapie;
  • MV8: DL n. 18/2020 – art. 26 comma 6 – Malattia accertata da COVID-19.

Ne dà notizia l’INPS con il Messaggio n. 3871 del 23 ottobre 2020.

Sorveglianza attiva: gli adempimenti

Affinché il lavoratore che abbia contratto il Coronavirus venga posto in quarantena, quest’ultimo ha l’obbligo di produrre il certificato di malattia. In tale documento è necessario rinvenire il periodo di quarantena nel quale il medico curante dovrà indicare gli estremi del provvedimento emesso dall’operatore di sanità pubblica.

E se al momento del rilascio del certificato il medico non disponga delle informazioni relative al provvedimento? Ebbene, in tali casi, queste dovranno essere acquisite direttamente dal lavoratore interessato presso l’operatore di sanità pubblica e comunicate successivamente all’INPS.

Leggi anche: Tutela previdenziale INPS per quarantena e sorveglianza precauzionale

Sorveglianza attiva INPS: il caso dei lavoratori con handicap

Differente è il discorso se il lavoratore posto in quarantena è portatore di handicap, ossia:

  • riconosciuto disabile ai sensi dell’art. 3, co. 3 della L. n. 104/1992;
  • in possesso di una condizione di rischio per immunodepressione, esiti da patologie oncologiche o terapie salvavita.

In tali fattispecie, il periodo indicato nel certificato di malattia prodotto dal lavoratore è equiparato a degenza ospedaliera.

Per i lavoratori aventi diritto alla tutela previdenziale INPS, si applica quindi la decurtazione ai 2/5 della normale indennità in assenza di familiari a carico.

Leggi anche: Quarantena e isolamento: novità su termini e durata

Lavoratori fragili: gestione della malattia

Asserito che la malattia da Covid-19 viene gestita come ogni altro evento di malattia comune, l’INPS sta provvedendo all’accertamento del diritto dei lavoratori e, in particolare, al riconoscimento:

  • dell’indennità di quarantena;
  • dell’indennità ai lavoratori “fragili”.

Ai fini operativi, i datori di lavoro possono conguagliare tutti gli importi anticipati a titolo di “quarantena” la prognosi si sia conclusa entro il 30 settembre 2020.

Leggi anche: Lavoratori fragili: tutele e diritti nella circolare del Ministero del Lavoro

Quarantena equiparabile alla malattia: codici Uniemens

Ai fini Uniemens, nella compilazione del flusso dovrà essere valorizzata la causale dell’assenza nell’elemento <CodiceEvento> di <Settimana>. Quindi, bisogna procedere alla valorizzazione del “tipo copertura” delle settimane in cui si collocano gli eventi con le consuete modalità.

Pertanto, nell’elemento <DiffAccredito> dovrà essere indicato il valore della retribuzione “persa” a motivo dell’assenza. Inoltre è prevista la compilazione dell’elemento <InfoAggEvento>, nel quale va indicato:

  • il codice PUC (protocollo univoco del certificato);
  • la valorizzazione dell’attributo “TipoInfoAggEvento” con il codice “CM” (certificato medico).

Infine, non bisogna dimenticare che trattandosi di eventi giornalieri, a durata circoscritta, è prevista la compilazione del calendario giornaliero.

Nello specifico, nell’elemento <Giorno> interessato dall’evento dovranno essere fornite le seguenti informazioni:

  • Elemento <Lavorato> = N;
  • <TipoCoperturaGiorn> = 1 oppure 2 (in caso di integrazione dell’indennità giornaliera di malattia da parte dell’Azienda);
  • <CodiceEventoGiorn> = MV6 / MV7 / MV8;
  • <InfoAggEvento> di <EventoGiorn>= PUC.
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679