Tabelle assegni familiari 2020 – 2021: nuovi importi rivalutati dall’INPS

L'INPS ha rilasciato le nuove tabelle ANF 2020 - 2021 per il calcolo degli assegni familiari spettanti per il periodo 01/07/2020 - 30/06/2021

L’INPS ha emanato la circolare n. 60 del 21 maggio 2020 con la quale, come ogni anno in questo periodo, ha rilasciato le nuove Tabelle Assegni Familiari 2020 – 2021 per il calcolo degli ANF per il periodo dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2021.

L’Istituto ha quindi rivalutato i livelli di reddito delle tabelle relativamente agli importi mensili degli assegni per il nucleo familiare, nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione a sostegno del reddito delle famiglie dei lavoratori dipendenti e assimilati. Le nuove tabelle ANF si basano sulla variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo calcolata dall’ISTAT tra l’anno 2018 e l’anno 2019 che è risultata pari allo 0,5%.

Trovate le nuove tabelle ANF 2020 – 2021 allegate a fondo pagina, ma prima procediamo con ordine e vediamo cosa sono gli assegni al nucleo familiare, come si leggono le tabelle e come fare domanda di ANF online.

Assegni familiari (ANF): cosa sono e a chi spettano

Per prima cosa ricordiamo che il termine assegni familiari non è propriamente quello giusto, infatti la prestazione prende il nome di assegno per il nucleo familiare abbreviato in ANF. Sono quindi gli assegni per le famiglie dei lavoratori dipendenti, pensionati e assimilati. Gli assegni familiari invece tecnicamente riguardano tutte le categorie escluse dagli assegni al nucleo familiare (es. coloni, mezzadri ecc.).

Gli ANF INPS sono una prestazione a sostegno delle famiglie il cui reddito sia entro certi limiti. Ciò significa che il valore dell’assegno mensile è inversamente proporzionale al reddito del nucleo familiare. Quindi più è alto il reddito e più scende l’assegno (fino a essere nullo) e viceversa.

Il reddito deve inoltre derivare prevalentemente da lavoro dipendente o assimilato oppure da NASpI, CIG o da pensione da lavoro dipendente (almeno il 70% del reddito familiare complessivo).

Leggi anche: Calcolo Assegni Familiari ANF, scopri quanto ti spetta

Tabelle ANF INPS: come si leggono

Usare le tabelle ANF e quindi procedere al calcolo dell’importo spettante è molto semplice:

  1. bisogna scaricare il file “Excel” sul proprio computer (allegato a fondo pagina);
  2. quindi si deve deve aprire il file con un programma come Excel di Office o Calc di OpenOffice (gratuito);
  3. ora si può procedere a trovare la propria tabella di riferimento che varia in base alla composizione del nucleo familiare
    1. per fare ciò ci si deve muovere cliccando sulle linguette nel menù in basso a sinistra della pagina (es. Tab. 11, Tab. 12 ecc.)
    2. sulla base delle indicazioni di composizione del nucleo familiare che sono inserite invece in alto alla pagina (es. unico genitore con figli, due genitori con figli ecc.);
  4. quando si trova la tabella di appartenenza del proprio nucleo familiare si può scorrere la fascia di reddito familiare annuo (il reddito di riferimento è quello dell’anno precedente, quindi per le tabelle ANF 2020 – 2021 il reddito è quello del 2019);
  5. quindi ora sulla linea della fascia di reddito si può individuare l’importo dell’assegno familiare spettante incrociando il dato con il numero dei componenti del nucleo familiare.

Reddito di riferimento Assegni Familiari (ANF)

Come detto in precedenza le tabelle assegni familiari ANF sono suddivise in base alla tipologia di nucleo familiare, e poi successivamente ogni tabella è suddivisa in base al numero dei componenti il nucleo e agli importi del reddito familiare.

Il reddito del nucleo familiare di riferimento è dato dalla somma dei redditi lordi del richiedente l’ANF e dei familiari che concorrono alla composizione del nucleo. Pertanto, ad esempio, nel caso in cui entrambi i genitori producano reddito, bisogna fare la somma dei due. Inoltre il reddito da lavoro dipendente deve essere almeno il 70% del reddito totale. Quindi se un genitore è dipendente e l’altro è autonomo il reddito complessivo deve essere composto di almeno il 70% da lavoro dipendente e 30% da autonomo.

Il periodo di riferimento invece è quello dell’anno precedente il 1° luglio dell’anno per il quale viene effettuata la richiesta di assegno; per la domanda da presentare entro il 30 giugno 2020 il reddito da usare è quello del 2019 e non varia fino al 30 giugno del 2021.

Leggi anche: Assegno per il nucleo familiare: cos’è, a chi spetta e come funziona

Domanda ANF online

Ricordiamo che dal 1° aprile del 2019 la domanda ANF per i lavoratori del settore privato (esclusi gli agricoli a tempo indeterminato) si fa esclusivamente online. Quindi non si può più presentare la domanda cartacea al proprio datore di lavoro, ma si deve procedere:

  • sul sito INPS con le proprie credenziali: PIN, SPID, CIE o CNS;
  • tramite contact center INPS (803164 da fisso o 06164164 da mobile), ma solo se si ha il PIN INPS dispositivo;
  • oppure tramite patronato (anche senza PIN);
  • infine la richiesta può essere fatta tramite il Consulente del Lavoro (o altro intermediario abilitato) del proprio datore di lavoro.

Leggi anche: Come richiedere gli assegni familiari (ANF): domanda online e istruzioni

Assegni familiari, chi paga?

La domanda di assegni familiari va presentata da un solo componente del nucleo familiare al proprio datore di lavoro tramite INPS.

Il datore di lavoro riceve la domanda dall’INPS e paga gli assegni familiari direttamente in busta paga sulla base dei dati ricevuti e poi procede con il recupero dall’INPS (tramite DM10).

ANF pagamento diretto INPS

In alcuni casi è possibile ricevere il pagamento degli ANF direttamente dall’INPS:

  1. ANF per pensionati da lavoro dipendente;
  2. percettori di NASPI o Cassa Integrazione a pagamento diretto dell’INPS;
  3. lavoratori parasubordinati iscritti alla gestione separata;
  4. lavoratori agricoli a tempo determinato;
  5. assegni familiari colf, badanti e baby sitter con contratto di lavoro domestico (anche somministrato).

Gli assegni familiari vengono pagati direttamente dall’INPS mensilmente nei casi di cui al punto 1 e 2 o semestralmente nei casi indicati ai punti 3, 4 e 5.

Arretrati ANF

Infine ricordiamo che se il soggetto avente diritto non presenta la domanda per qualsiasi ragione, può richiedere fino a 5 anni di arretrati sempre con le medesime modalità.

Leggi anche: Assegni familiari arretrati

Tabelle Assegni familiari 2020 – 2021

Alleghiamo infine le nuove tabelle INPS rilasciate con circolare 60 del 21 maggio 2020 con i livelli reddituali aggiornati e validi per il periodo 1° luglio 2020 – 30 giugno 2021.

download   Tabelle ANF 2020 - 2021
       » 646,5 KiB - 24.886 download
Condividi

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679