Min. Lavoro: elenco delle agevolazioni subordinate al DURC

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha fornito un nuovo elenco esemplificativo delle agevolazioni subordinate al possesso del DURC

Con Nota n. 1471 dello scorso 28 gennaio 2016 la Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha fornito un nuovo elenco esemplificativo delle agevolazioni subordinate al possesso del DURC.

Il Ministero, con circ. n. 5/2008, ha già fornito chiarimenti in ordine al possesso del Documento Unico di Regolarità Contribuiva (DURC), nonché al rispetto degli “altri obblighi di legge” e della contrattazione collettiva al fine della fruizione di benefici “normativi e contributivi previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale”, ai sensi dell’art. 1, comma 1175, L. n. 296/2006.

La predetta circolare, che il Ministero richiama integralmente sul punto, chiariva che:

– “il concetto di beneficio richiama inevitabilmente il rapporto fra “regola ed eccezione” in quanto, a fronte di una disciplina generale che impone oneri di carattere economico-patrimoniale ad una generalità di soggetti, il beneficio si configura come una “eccezione” nei confronti di coloro che in presenza di specifici presupposti soggettivi sono ammessi ad un trattamento agevolato che riduce o elimina totalmente tali oneri”:

– “per quanto attiene ai benefici contributivi (…) gli stessi sembrano potersi individuare in quegli sgravi collegati alla costituzione e gestione deI rapporto di lavoro che rappresentano una deroga all’ordinario regime contributivo, deroga che però non configura una ipotesi agevolativa nel caso in cui lo sgravio non sia costruito come “abbattimento” di una aliquota più onerosa, calcolata secondo i normali parametri statistico-attuariali, ma rappresenti la “regola” per un determinato settore o categoria di lavoratori”:

– “non rientrano nella nozione in esame quei regimi di “sottocontribuzione” che caratterizzano interi settori (agricoltura, navigazione marittima, ecc.), territori (zone montane, zone a declino industriale ecc.) ovvero specifiche tipologie contrattuali (apprendistato) con una “speciale” aliquota contributiva prevista dalla legge, ambiti nei quali il totale abbattimento o la riduzione dell’onere economico-patrimoniale nei confronti della platea dei destinatari costituisce l’ipotesi ordinaria, in quanto l’intervento a carico del bilancio statale, dettato da ragioni di carattere politico-economico, prescinde da specifiche ed ulteriori condizioni richieste al soggetto beneficiario”. (…)

Dopo tale premessa la circolare n. 5/2008 recava un elenco esemplificativo e non esaustivo delle agevolazioni che si ritenevano subordinate al possesso del DURC.

Dopo numerosi interventi che hanno interessato la materia negli ultimi anni, il Ministero del Lavoro ha ritenuto opportuno di dover aggiornare tale elenco, pur sempre a carattere esemplificativo.

LA NUOVA TABELLA DELLE AGEVOLAZIONI SUBORDINATE AL POSSESSO DEL DURC

  • Lavoratori assunti ai sensi dell’art. 8, comma 9, della Legge 29/12/90, n. 407, aventi titolo alla riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro – disoccupati o cassintegrati assunti da aziende del Centro-Nord (Circ. INPS n. 25/1991, INAIL n. 57/1991)
  • Lavoratori assunti ai sensi dell’art. 8, comma 9, della Legge 29/12/90, n. 407, aventi titolo alla esenzione totale dei contributi a carico del datore di lavoro – disoccupati o cassintegrati assunti da aziende del Mezzogiorno ovvero da imprese artigiane – (Circ. INPS n. 25/1991, INAIL n. 57/1991)
  • Lavoratori in mobilità assunti con contratto a tempo indeterminato ex art. 25, comma 9, della Legge 23/7/91, n. 223 (Circ. INPS n. 260/1991)
  • Lavoratori in mobilità assunti con contratto a termine ex art. 8, comma 2, della Legge 23/7/91, n. 223 (Circ.INPS n. 260/1991)
  • Lavoratori in mobilità assunti con contratto a termine ex art. 8, comma 2, della Legge 23/7/91, n. 223, trasformato nel corso del suo svolgimento in rapporto a tempo indeterminato (Circ. INPS n. 260/1991)
  • Incentivo per l’assunzione/trasformazione a tempo indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex art. 8, co. 4 della Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 252/1992)
  • Apprendista proveniente dalle liste di mobilità ex lege n. 223/91 per i primi 18 mesi dall’assunzione – aliquota del 10% a carico del datore di lavoro e del 5,84% a carico del lavoratore – (Circ. INPS n. 128/2012)
  • Contributo mensile per l’assunzione in apprendistato a tempo indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex art. 8, co. 4 della Legge n. 223/1991, e 7, co. 4, D.Lgs n. 167/2011 (Circ. INPS n. 123/2012)
  • Apprendista per cui spetta lo sgravio del 100% dei contributi a carico del datore di lavoro ex art. 22 co. 1 Legge n. 183/2011 – primo – secondo – terzo anno di sgravio (Circ. INPS n. 128/2012)
  • Apprendista occupato in sotterraneo iscritto al Fondo minatori per cui spetta lo sgravio del 100% dei contributi a carico del datore di lavoro ex art. 22, co. 1 Legge n. 183/2011 – primo – secondo – terzo anno di sgravio (Circ. INPS n. 128/2012)
  • Lavoratori assunti con contratto di solidarietà stipulato ai sensi dell’art. 2, comma 2, della Legge n. 863/1984 (Circ. INPS n. 1/1987)
  • Lavoratore assunto ai sensi dell’art. 4, commi 8-11, della Legge n. 92/2012 (Circ. INPS n. 111/2013, circ. INAIL n. 28/2014)
  • Lavoratori detenuti o internati ammessi ai benefici ex lege n. 193/2000 (Circ. INPS n. 134/2002)
  • Lavoratori assunti con contratto a tempo determinato in sostituzione di lavoratori in astensione ai sensi degli articoli 4, 5 e 7 della Legge 30.12.1971 n. 1204, come modificati dalla Legge 8.3.2000 n. 53, per i quali al datore di lavoro compete la riduzione del 50% della contribuzione (Circ. INPS n. 117/2000, Guida INAIL Autoliquidazione 2002)
  • Lavoratori interinali ex D.Lgs n. 151/2001, per quali al datore di lavoro compete la riduzione del 50%.
  • Individua i dipendenti delle aziende di fornitura di lavoro temporaneo collocati presso imprese utilizzatrici in sostituzione di lavoratori in astensione per maternità (Circ. INPS n. 136/2001)
  • Lavoratori assunti con contratto di reinserimento ex art. 20 della Legge 23/7/1991 n. 223, ai quali si applica la riduzione del 75% dei contributi a carico del datore di lavoro (Circ. INPS n. 215/1991)
  • Lavoratori assunti con contratto di reinserimento ex art. 20 della Legge 23/7/91 n. 223, ai quali si applica la riduzione del 37,50% dei contributi a carico del datore di lavoro (Circ. INPS n. 215/1991)
  • Lavoratori ex cassintegrati – in CIGS da almeno tre mesi dipendenti da aziende in CIGS da almeno sei mesi – assunti a tempo pieno e indeterminato ai sensi dell’art. 2, comma 4, del D.L. 8/10/92, n. 398 (Circ. INPS n. 260/1992)
  • Dirigenti iscritti all’INPDAI prima del 31.12.95, assunti ai sensi dell’art. 10 del DL n. 511/96, per i quali compete la riduzione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro. (Circ. INPS n. 2/1997, INAIL n. 10/1999)
  • Lavoratori disoccupati da lungo tempo di età compresa fra i 29 e 32 anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 25% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori disoccupati da lungo tempo di età compresa fra i 29 e 32 anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 40% dei contributi previsti dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori disoccupati da lungo tempo di età compresa fra i 29 e 32 anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 50% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori disoccupati da lungo tempo di età compresa fra i 29 e 32 anni, assunti con contratto di inserimento per quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 100% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori con più di 50 anni di età che siano privi del posto di lavoro, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 25% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori con più di 50 anni di età che siano privi del posto di lavoro, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 40% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INP5 n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori con più di 50 anni di età che siano privi del posto di lavoro, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione dei 50% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori con più di 50 anni di età che siano privi del posto di lavoro, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 100% dei contributi prevista dal Decreto
  • Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori che intendono riprendere una attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno due anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 25% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori che intendono riprendere una attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno due anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 40% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori che intendono riprendere una attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno due anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 50% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori che intendono riprendere una attività lavorativa e che non abbiano lavorato per almeno due anni, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 100% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratrici di qualsiasi età residenti in una area geografica il cui tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% di quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile, assunte con contratto di inserimento per le quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 25% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratrici di qualsiasi età residenti in una area geografica il cui tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% di quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile, assunte con contratto di inserimento per le quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 40% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratrici di qualsiasi età residenti in una area geografica il cui tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% di quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile, assunte con contratto di inserimento per le quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 50% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratrici di qualsiasi età residenti in una area geografica il cui tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% di quello maschile o in cui il tasso di disoccupazione femminile superi del 10% quello maschile, assunte con contratto di inserimento per le quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 100% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004, INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori riconosciuti affetti, ai sensi della normativa vigente, da un grave handicap fisico, mentale o psichico, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 25% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004)
  • Lavoratori riconosciuti affetti, ai sensi della normativa vigente, da un grave handicap fisico, mentale o psichico, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 40% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004 e INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori riconosciuti affetti, ai sensi della normativa vigente, da un grave handicap fisico, mentale o psichico, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 50% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004 e INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori riconosciuti affetti, ai sensi della normativa vigente, da un grave handicap fisico, mentale o psichico, assunti con contratto di inserimento per i quali il datore di lavoro beneficia della riduzione del 100% dei contributi prevista dal Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 51/2004 e INAIL n. 32/2006)
  • Lavoratori frontalieri divenuti disoccupati in Svizzera e iscritti nelle liste di mobilità assunti con contratto a tempo indeterminato per i quali i contributi sono dovuti nella misura prevista per gli apprendisti per 18 mesi ex art. 25, comma 9, Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 115/2005)
  • Lavoratori frontalieri divenuti disoccupati in Svizzera e iscritti nelle liste di mobilità assunti con contratto a tempo determinato per i quali spetta il versamento della contribuzione come per gli apprendisti per 12 mesi ex art. 8, comma 2, Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 115/2005)
  • Lavoratori frontalieri divenuti disoccupati in Svizzera e iscritti nelle liste di mobilità assunti con contratto a tempo determinato e trasformato a tempo indeterminato, per i quali spetta il versamento della contribuzione come per gli apprendisti per ulteriori 12 mesi ex art. 8, comma 2, Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 115/2005)
  • Lavoratori percettori di indennità di mobilità assunti dalle agenzie di somministrazione di lavoro ai sensi dell’art. 13, c. 1, lett. B) del Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 44/2006)
  • Lavoratori percettori di indennità di disoccupazione ordinaria e speciale assunti dalle agenzie di somministrazione di lavoro ai sensi dell’art. 13, c. 1, lett. B) del Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 44/2006)
  • Lavoratori percettori di altre indennità o sussidi assunti dalle agenzie di somministrazione di lavoro ai sensi dell’art. 13, c. 1, lett. B) del Decreto Legislativo n. 276/2003 (Circ. INPS n. 44/2006)
  • Lavoratori in Cassa Integrazione Guadagni assunti da datori di lavoro che optano per l’agevolazione di cui all’art. 4, comma 3, della Legge n. 236/1993 per i quali i contributi sono dovuti nella misura prevista per gli apprendisti per 12 mesi (Circ. INPS n. 12/2006)
  • Lavoratori in mobilità, ai sensi dell’art. 1, comma 155, Legge n. 311/2004, assunti con contratto a tempo indeterminato per i quali i contributi sono dovuti nella misura prevista per gli apprendisti per 18 mesi ex art. 13, comma 2, Legge n. 80/2005 (Circ. INPS n. 12/2006)
  • Lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, ai sensi dell’art. 1, comma 155, Legge n. 311/2004, assunti con contratto a tempo determinato per i quali spetta il versamento della contribuzione come per gli apprendisti per 12 mesi ex art. 13, comma 2, Legge n. 80/2005 (Circ. INPS n. 12/2006)
  • Lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, ai sensi dell’art. 1, comma 155, Legge n. 311/2004, assunti con contratto a tempo determinato e trasformato a tempo indeterminato, per i quali spetta il versamento della contribuzione come per gli apprendisti per ulteriori 12 mesi ex art. 13, comma 2, Legge n. 80/2005 (Circ. INPS n. 12/2006)
  • Lavoratori in Cassa Integrazione Guadagni assunti da imprese del Centro Nord ai sensi dell’art. 13, c. 2 della Legge n. 80/2005 per i quali spetta l’agevolazione del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro (Circ. INPS n. 12/2006)
  • Lavoratori in Cassa Integrazione Guadagni assunti da imprese artigiane e imprese del Mezzogiorno ai sensi dell’art. 13, c. 2 della Legge n. 80/2005 per i quali spetta l’agevolazione totale dei contributi a carico del datore di lavoro (Circ. INPS n. 12/2006)
  • Lavoratori iscritti in deroga nelle liste di mobilità, ai sensi dell’art. 1, comma 1, Legge n. 52/1998 e successive modificazioni, assunti con contratto a tempo indeterminato per i quali i contributi sono dovuti nella misura prevista per gli apprendisti per 18 mesi ex art. 25, comma 9, Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 115/2005)
  • Lavoratori iscritti in deroga nelle liste di mobilità, ai sensi dell’art. 1, comma 1, Legge n. 52/1998 e successive modificazioni, assunti con contratto a tempo determinato per i quali spetta il versamento della contribuzione come per gli apprendisti per 12 mesi ex art. 8, comma 2, Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 115/2005)
  • Lavoratori iscritti in deroga nelle liste di mobilità, ai sensi dell’art. 1, comma 1, Legge n. 52/1998 e successive modificazioni, assunti con contratto a tempo determinato e trasformato a tempo indeterminato, per i quali spetta il versamento della contribuzione come per gli apprendisti per ulteriori 12 mesi ex art. 8, comma 2, Legge n. 223/1991 (Circ. INPS n. 115/2005)
  • Lavoratori in CIGS o mobilità ex art. 5, c. 2-quater, della Legge n. 39/2004 assunti a tempo indeterminato (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o mobilità ex art. 5, c. 2-quater, della Legge n. 39/2004 assunti a tempo determinato (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o mobilità ex art. 5, c. 2-quater, della Legge n. 39/2004 trasformati a tempo indeterminato (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Beneficio pari al 50% dell’indennità di mobilità residua ex art. 8, co. 4 della Legge n. 223/1991, così come previsto dalle Leggi n. 39/2004 e n. 166/2008 (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o mobilità ex art. 5, c. 2-quater, della Legge n. 39/2004 assunti a tempo indeterminato
  • Lavoratore con anzianità contributiva inferiore a 18 anni che ha aderito ai fondi complementari (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o mobilità ex art. 5, e. 2-quater, della Legge n. 39/2004 assunti a tempo determinato
  • Lavoratore con anzianità contributiva inferiore a 18 anni che ha aderito ai fondi complementari. (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o mobilità ex art. 5, e. 2-quater, della Legge n. 39/2004 trasformati a tempo indeterminato
  • Lavoratore con anzianità contributiva inferiore a 18 anni che ha aderito ai fondi complementari (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o in mobilità assunti ai sensi dell’art. 1-bis della Legge n. 291/2004 (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Beneficio pari al 50% dell’indennità di mobilità residua ex art. 8, co. 4 Legge n. 223/1991, così come previsto dalla Legge n. 291/2004 (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Lavoratori in CIGS o in mobilità assunti ai sensi dell’art. 1-bis della Legge n. 291/2004 a tempo indeterminato.
  • Lavoratore iscritto al Fondo Volo che ha aderito ai fondi complementari (Circ. INPS n. 46/2009)
  • Incentivo per favorire la ricollocazione lavorativa di soggetti privi di occupazione e beneficiari dell’Assicurazione sociale per l’impiego – Aspi – (Circ. INPS n. 175/2013)
  • Incentivo sperimentale per l’assunzione a tempo indeterminato di giovani under 30, privi d’impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi ovvero privi di diploma di scuola media superiore o professionale ai sensi dell’art. 1 DL n. 76/2013 (Circ. INPS n. 131/2013).
  • Incentivo per l’assunzione dei soggetti iscritti nella Banca dati giovani genitori (Circ. INPS n. 115/2011)
  • Incentivo per assunzione a tempo pieno e indeterminato di lavoratori beneficiari dell’indennità di disoccupazione non agricola con requisiti normali ovvero del trattamento speciale di disoccupazione edile, art. 2 co. 151 della Legge n. 191 del 23 dicembre 2009 (Circ. INPS n. 22/2011)
  • Beneficio per assunzione di lavoratori che nei dodici mesi precedenti l’assunzione siano stati licenziati da imprese che occupano anche meno di quindici dipendenti per giustificato motivo oggettivo connesso a riduzione, trasformazione o cessazione di attività o di lavoro previsto dai DD n. 264 del 19.04.2013 e 390 del 3.06.2013 (Circ. INPS n. 32/2014)
  • Incentivo per assunzione di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga ex art. 7 ter, co. 7, decreto legge n. 5 del 10 febbraio 2009, conv., con modd., con Legge n. 33 del 9 aprile 2009 (Circ. INPS n. 5/2010)
  • Incentivo per l’assunzione a tempo indeterminato di lavoratori beneficiari dell’assegno emergenziale di sostegno al reddito del Fondo di solidarietà del credito (art. 11 bis, co. 1, lett. A) del D.M. 28 aprile 2000, n. 158) (Circ. INPS n. 88/2011)
  • Incentivo all’assunzione dei giovani ammessi al “Programma Operativo Nazionale per l’attuazione della Iniziativa Europea per l’Occupazione dei Giovani” ex Decreto direttoriale del Min. Lav. 8 agosto 2014 (Circ. INP5 n. 118/2014)
  • Esonero contributivo articolo unico, commi 118 e seguenti, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Circ. INPS n. 17/2015) e commi 173 e seguenti della Legge 28 dicembre 2015, n. 208
  • Incentivo per l’assunzione di lavoratori destinatari dell’Azione di sistema Welfare To Work (Msg. INPS n. 5791 del 3.7.2014 e n. 9988 del 31.12.2014)
  • Sgravio contributivo sulle erogazioni di secondo livello ex L. 247/2007 e ex art. 4 comma 28 L. 92/2012 (Circ. INPS n. 78/2014)
  • Lavoratori edili e soci lavoratori che ai sensi dell’art. 29 del DL n. 244/1995, svolgono attività lavorativa per un numero di ore non inferiore all’orario di lavoro normale stabilito dai contratti collettivi nazionali stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative su base nazionale e dai relativi contratti integrativi territoriali attuazione (Circ. INPS n. 75/2015 e Guida INAIL Autoliquidazione 1996)
  • Incentivo straordinario per la creazione di rapporti di lavoro stabili o di durata ampia, in favore di uomini under 30 e donne di qualunque età. Decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali del 5 ottobre 2012 (Circ. INPS n. 122/2012)
  • Nuovo incentivo per l’assunzione di giovani lavoratori agricoli ex art. 5 D.L. 91/2014, convertito con modificazioni dalla L. 11 agosto 2014, n. 116. (Circ. INPS n. 137/2014)
  • Calciatore Lega Pro di età compresa tra 14 e 19 anni titolare degli sgravi contributivi ex art. 145, co. 13, Legge n. 388/2000 (Circ. ENPALS n. 16/2010; Circ. INPS n. 154/2014)
  • Preparatore Atletico Lega Pro titolare degli sgravi contributivi ex art. 145, co. 13, Legge n. 388/2000 (Circ. ENPALS n. 16/2010; Circ. INPS n. 154/2014)
  • Oscillazione del tasso medio per prevenzione del 15 per cento nei primi 2 anni di attività ex artt. 19 e 20 MAT del DM 12.12.2000 (circ. INAIL n. 9/2002 e 7/2008)
  • Oscillazione del tasso medio per prevenzione dopo i primi 2 anni di attività ex art. 24 MAT del DM 12.12.2000 (circ. INAIL n. 9/2002, 17/2011 e 51/2015)
  • Riduzione contributiva per i lavoratori agricoli dipendenti ex art. 1, comma 60, Legge n. 247/2007 (Circ. INAIL n. 35/2013 e nota n. 3824 del 27/5/2015)
  • Riduzione del premio per i soggetti assicurati con polizza artigiani e/o polizze speciali ex art. 1, comma 128, Legge n. 147/2013 nel primo biennio di attività (Circ. INAIL n. 25/2014 e 52/2015)
  • Riduzione del premio per il settore navigazione ex art. 1, comma 128, Legge n. 147/2013 nel primo biennio di attività (Circ. INAIL n. 25/2014 e 52/2015) Riduzione contributi agricoli ex art. 1, comma 128, Legge n. 147/2013 nel primo biennio di attività (Circ. INAIL n. 32/2014 e INPS 83/2014)

Fonte: Ministero del Lavoro

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti