Ape sociale e pensione precoci: pochi giorni per integrare le domande

Le domande di accesso Ape sociale e pensione precoci, sono integrabili entro il 13 aprile 2018 mediante il nuovo “modello AP116”, a seguito dell’aggiornamento dell’elenco contenente le attività gravose. Ecco come procedere per integrare le domande.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Ape sociale e pensione precoci: l’INPS con Messaggio n. 1481 del 4 aprile 2018, ha riepilogato le condizioni per l’accesso ai benefici delle predette misure di accesso anticipato alla pensione. Sul punto l’Istituto previdenziale precisa che, sia le istanze per godere dell’Ape sociale (già presentate entro l’1 marzo 2018), sia le domande per beneficiare della pensione anticipata dei precoci (già presentate entro il 31 marzo 2018), possono essere integrati entro il 13 aprile 2018.

Ciò in conseguenza del fatto che il D.M. 5 febbraio 2018, che attua quanto previsto dall’articolo 1, comma 163, della Legge 205/2017, ha ampliato e aggiornato l’elenco delle attività gravose. Queste a partire dal 1 gennaio 2018, hanno diritto all’accesso all’Ape sociale con 63 anni e 36 anni di contributi. Oppure, se più favorevole, possono ritirarsi con la pensione anticipata per i lavoratori precoci al raggiungimento di 41 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica.

Ape sociale e pensione precoci: verifica delle condizioni

La Legge di Bilancio 2018 ha apportato alcuni cambiamenti in materia di riconoscimento dell’Ape sociale e della pensione anticipata per i lavoratori c.d. precoci. In particolare, ai fini del riconoscimento del beneficio occorre accertare che l’interessato abbia svolto per almeno 7 o 6 anni attività lavorativa c.d. “gravosa” nel periodo compreso rispettivamente nei 10 o 7 anni precedenti la data di perfezionamento dei requisiti anagrafico e/o contributivo, ovvero, la successiva data di:

  • presentazione della domanda di “certificazione”, in caso di svolgimento di attività lavorativa alla stessa data;
  • versamento/accredito dell’ultima contribuzione, in caso di avvenuta cessazione dell’attività lavorativa.

Per quanto concerne i 7 e 6 anni di attività lavorativa c.d. gravosa, si chiarisce che gli stessi vanno intesi come periodi di anzianità contributiva riferita ad attività lavorativa c.d. gravosa, maturati dal lavoratore dipendente nel periodo di riferimento indicato dalla legge, come sopra individuato.

Invalidità almeno pari al 74% per APE social e lavoratori precoci

Ape sociale e pensione precoci non possono essere riconosciuti nei confronti dei soggetti con riferimento ai quali sia venuto meno, alla data di decorrenza effettiva dell’APE sociale o della pensione anticipata per i lavoratori c.d. precoci, lo status di invalido pari o superiore al 74% o si sia verificato il decesso dell’assistito.

Ape sociale e pensione precoci

Nel 2017 per i soggetti “certificati”, che alla data di verifica delle condizioni avevano già maturato tutti i requisiti e le condizioni e avevano cessato l’attività lavorativa, la decorrenza del trattamento è retrodatata al primo giorno del mese successivo alla maturazione di tutti i requisiti e le condizioni e, comunque, non anteriormente al 1°maggio 2017.

Ciò indipendentemente dalla data di presentazione della domanda di accesso al beneficio. Questo purché, per l’Ape sociale, la stessa non sia effettuata oltre i termini per la sperimentazione (31 dicembre 2018).

Ape sociale e pensione precoci: integrazione domande

A seguito dell’aggiornamento dell’elenco delle attività gravose, l’Istituto previdenziale ha provveduto all’aggiornamento del modello per l’attestazione del datore di lavoro (AP116) circa lo svolgimento di tali attività, includendo le nuove professioni presenti nell’allegato B della legge n. 205/2017 e prevedendo un apposito campo per l’indicazione del codice professionale ISTAT.

Pertanto, per le domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso al pensionamento anticipato dei lavoratori c.d. “precoci”, e per il riconoscimento delle condizioni per l’accesso al beneficio dell’APE sociale, è consentita l’integrazione della documentazione con il nuovo modello AP116, entro il 13 aprile 2018, senza modifica del numero di protocollo/data/ora di ricezione rilasciato al momento dell’invio.

Messaggio numero 1481 del 04-04-2018

Alleghiamo il Messaggio INPS numero 1481 del 04-04-2018 per una sua completa lettura.

Messaggio numero 1481 del 04-04-2018
» 85,4 KiB - 501 hits - 6 aprile 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Iscritto all'Elenco Pubblicisti dell'Ordine dei Giornalisti della Calabria mi occupo principalmente della redazione di articoli e approfondimenti giuslavoristici e previdenziali per riviste specializzate online. Collaboro attivamente in uno studio di consulenza del lavoro in Lamezia Terme come praticante CdL.

Altri articoli interessanti