Cedolino pensione di ottobre 2021: cosa contiene e dove trovarlo

Addizionali IRPEF, ANF, conguaglio 730 e altro. Ecco le novità del cedolino pensione di ottobre 2021 e dove trovarlo sul sito INPS.


Il cedolino pensione del mese di ottobre 2021 rappresenta per il pensionato una mensilità densa di novità relativamente all’importo netto della pensione, ma non solo. Innanzitutto, come di consueto ormai, il pagamento della pensione di ottobre 2021 è stato, anche per questo mese, anticipato al 27 settembre per chi ritira l’importo direttamente alle Poste. L’erogazione della pensione avviene in maniera scaglionata in ordine alle iniziali del cognome. Si è iniziato il 27 settembre 2021, come anticipato, e si terminerà l’1 ottobre 2021. L’anticipo riguarda unicamente i pensionati che non sono dotati di mezzi elettronici di accredito della pensione: in altre parole, riguarda solamente chi si reca direttamente all’Ufficio postale.

Per questo mese, inoltre, nel cedolino pensione oltre all’importo mensile della pensione lorda, bisogna stare attenti e fare i conti anche con le addizionali regionali e comunali, al conguaglio del modello 730/2021 a credito o a debito, ma anche con la maggiorazione dell’assegno per il nucleo familiare.

Dunque, chiunque intenda verificare in dettaglio il contenuto del cedolino pensionistico, può farlo scaricando il documento stesso sul sito INPS. Ecco i dettagli.

Cedolino pensione: cos’è e dove trovarlo

Il cedolino della pensione è il servizio online dedicato ai pensionati, ai quali si può avere accesso sia da desktop sia da mobile, presente sul sito inps.it, nella sezione dedicata alle prestazioni e ai servizi.

Nella pratica, il cedolino della pensione è il resoconto dei pagamenti pensionistici ricevuti da parte dell’INPS, con l’importo del trattamento pensionistico vero e proprio e le eventuali trattenute fiscali che sono state applicate nel corso dei mesi. La pensione può infatti subire delle variazioni: la lettura e la consultazione del cedolino mensile diventano indispensabili per comprendere la presenza di eventuali scostamenti nei mesi.

Ci sono diverse procedure da poter eseguire per avere accesso al cedolino mensile contenente il resoconto della propria pensione. Oltre alla sua presenza online, è possibile richiederlo anche:

  • presso lo sportello della sede INPS più vicina alla propria abitazione;
  • tramite una chiamata al Contact Center dell’INPS, disponibile al numero verde 803 164, attivo per i numeri di rete fissa, oppure al numero 06 164 164, per la chiamate da cellulare.

L’accesso online al cedolino della pensione è una procedura abbastanza semplice, che può essere imparata e memorizzata in poco tempo. Il primo step è costituito dall’accesso alla propria area personale sul sito dell’INPS.

L’autenticazione è possibile in quattro modi differenti:

  1. attraverso il proprio codice fiscale e il codice PIN rilasciato dall’INPS (valido solo fino al 30 settembre);
  2. utilizzando lo SPID, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale;
  3. tramite la CIE, ovvero la Carta di identità elettronica 3.0;
  4. tramite la CNS, ovvero la Carta Nazionale dei servizi, che in genere si trova integrata alla propria tessera sanitaria, se dotata di microchip.

Cedolino pensione, come prelevarlo online

Una volta effettuata l’autenticazione con il metodo preferito, dal menu Servizi Online, si dovrà cliccare su Servizi per il Cittadino e in seguito su Cedolino della pensione. In alternativa, è possibile procedere in modo inverso, ovvero:

  • cercare nella barra di ricerca del sito dell’INPS “cedolino pensione”:
  • selezionare l’etichetta Cedolino pensione e servizi collegati;
  • autenticarsi.

Come anticipato, il servizio online messo a disposizione dall’INPS non consente soltanto di consultare il cedolino del mese, ma anche di confrontare gli ultimi due, al fine di individuare differenze negli importi erogati, e tutti gli altri servizi che sono stati menzionati nel paragrafo precedente.

Il cedolino può anche essere stampato e scaricato sul proprio computer. Tra le varie opzioni disponibili, ce n’è anche una che permette di verificare se la pensione è già stata accreditata o se il pagamento è stato soltanto predisposto, ma non ancora versato.

Cedolino pensione di ottobre 2021: cosa contiene? Addizionali regionali e comunali

Per quanto riguarda le prestazioni fiscalmente imponibili, sul rateo di pensione di ottobre, oltre all’ IRPEF mensile, vengono trattenute le addizionali regionali e comunali relative al 2020.

Si ricorda che queste trattenute sono infatti effettuate in 11 rate nell’anno successivo a quello cui si riferiscono.

Continua a essere applicata anche la trattenuta per addizionale comunale in acconto per il 2021, avviata a marzo, che proseguirà fino a novembre 2021.

Prosegue, inoltre, sul rateo di pensione del mese di ottobre il recupero delle ritenute IRPEF relative all’anno 2020, laddove le stesse siano state effettuate in misura inferiore rispetto a quanto dovuto su base annua.

Le somme a conguaglio si trovano nella Certificazione Unica 2021.

Cedolino pensione di ottobre 2021, maggiorazione assegni familiari

L’art. 5 del D.L. n. 79/2021 riconosce agli aventi diritto all’ANF una maggiorazione dell’assegno stesso. Le disposizioni si applicano, per il solo periodo dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2021, a tutte le pensioni per le quali sussiste il diritto all’Assegno per il Nucleo Familiare.

Gli incrementi sono pari a:

  • 37,50 euro per ciascun figlio, per nuclei fino a due figli;
  • 55 euro per ciascun figlio, per nuclei con almeno tre figli.

Non si riconosce la maggiorazione se, sulla base delle disposizioni vigenti in relazione alla composizione e numerosità del nucleo familiare, ai livelli reddituali e alla composizione del reddito complessivo del nucleo stesso, l’importo ANF spettante non sia superiore a zero.

La maggiorazione sarà corrisposta, se dovuta, anche sulla mensilità del mese di ottobre 2021.

Cedolino pensione di ottobre 2021, conguaglio 730/2021

Proseguono anche sulla mensilità di ottobre le operazioni di abbinamento delle risultanze contabili di cui ai modelli 730 per i pensionati/contribuenti che abbiano optato per INPS quale sostituto di imposta e i cui flussi siano pervenuti da Agenzia delle Entrate dopo il 30 giugno.

Sul rateo di pensione di ottobre si procede:

  • al rimborso dell’importo a credito del contribuente;
  • alla trattenuta, in caso di conguaglio a debito del contribuente. Si ricorda che la eventuale rateazione degli importi a debito risultanti dalla dichiarazione dei redditi deve obbligatoriamente concludersi entro il mese di novembre. Per cui se il 730/4 è arrivato dopo giugno non sarà possibile garantire il numero di rate scelto dal dichiarante.

I contribuenti che hanno indicato l’INPS quale sostituto d’imposta per l’effettuazione dei conguagli del modello 730/2021 possono verificare:

  • le risultanze contabili della dichiarazione (a credito o a debito)
  • e i relativi esiti attraverso il servizio online “Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”, disponibile anche tramite l’app INPS Mobile.

Cedolino pensione ottobre 2021: sospensione delle prestazioni collegate al reddito

Infine, si segnala che nel cedolino pensione di ottobre 2021 si provvede alla restituzione delle somme trattenute per mancata comunicazione del reddito nei mesi di agosto e settembre 2021.

Le somme restituite saranno individuate con la voce di cedolino “restituzione trattenuta per mancata com. reddito art.35 c. 10 bis d.l. 207/2008”.

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti.