Domanda di prepensionamento INPS lavoratori poligrafici entro il 2 marzo

Entro il 2 marzo 2018, i dipendenti poligrafici potranno presentare domanda di prepensionamento, lo comunica l'INPS con messaggio numero 722 del 16 febbraio. L'Istituto previdenziale adegua quindi la normativa alle novità sulle pensioni del settore editoria contenute nell'ultima legge di bilancio.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’INPS ha rilasciato il messaggio numero 722 del 16 febbraio con il quale si adegua alle novità rispetto al prepensionamento INPS dei lavoratori dipendenti poligrafici contenute nell’ultima Legge di Bilancio. La novità pensioni riguarda quindi i dipendenti poligrafici in aziende editoriali e stampatrici di periodici. In breve l’istituto previdenziale comunica la possibilità di presentare la domanda di prepensionamento entro il 2 marzo seguendo le istruzioni indicate. Tali categorie, infatti, possono richiedere questa opzione di pensione in anticipo laddove siano collocati in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria.

Oltre al requisito di cessata attività per crisi aziendale, il lavoratore poligrafico ha diritto ad accedere alla pensione anticipata se in possesso anche di una dichiarazione del datore di lavoro che attesti il collocamento del lavoratore in CIGS.

E’ stato quindi pubblicato un modulo specifico presente sul sito www.inps.it. Il modulo, può essere scaricato gratuitamente e permette al lavoratore di presentare la sua domanda di prepensionamento. La sezione dove trovare il modulo di domanda prepensionamento dipendenti poligrafici è come di consueto quella della “modulistica”. Da questa area si dovrà poi selezionare il codice AP131 per la “dichiarazione del datore di lavoro ai fini del pensionamento anticipato per i dipendenti poligrafici di aziende editoriali”.

Prepensionamento INPS lavoratori poligrafici, cosa dice la legge

La legge di bilancio 2018 ha previsto le regole per il prepensionamento INPS dei lavoratori dipendenti poligrafici in aziende editoriali e stampatrici di periodici. Il principale riferimento, è l’articolo 154 che prevede la possibilità per tali dipendenti di poter esercitare tale diritto nei limiti di spesa di 3 milioni di euro per il 2018 (e fino al 2022).

L’Istituto previdenziale, dovrà poi pubblicare una ulteriore circolare con maggiori dettagli sulle istruzioni da seguire per presentare tale domanda. Il termine ultimo per la presentazione delle domande online di prepensionamento è fissato al 2 marzo 2018.

Come presentare domanda di prepensionamento dipendenti poligrafici

Per presentare correttamente la domanda di prepensionamento INPS per i dipendenti poligrafici di aziende editoriali, si devono seguire i seguenti passaggi:

  1. si parte dalla verifica dei requisiti: il lavoratore dovrà essere in CIGS a seguito di crisi aziendale. Non vi dovrà quindi essere successiva ricollocazione con contratto a tempo indeterminato. La dichiarazione del datore di lavoro può essere allegata entro 60 giorni (a partire da 2 marzo).
  2. entro il 02 marzo 2018, dovrà poi essere avviata la procedura telematica. Si dovrà usare la sezione dedicata alla Domanda di prestazioni pensionistiche, selezionando la voce “Prepensionamento Editoria art.1 c.154 della L. 205/2017”.

La domanda di prepensionamento INPS telematica potrà e inviata con:

  • accesso diretto del lavoratore al servizio telematico citato. E’ necessario essere in possesso di un Pin INPS dispositivo personale.
  • accesso tramite patronati e intermediari abilitati.

Da allegare, inoltre, una dichiarazione compilata e firmata dal datore di lavoro. Quest’ultima, servirà ad attestare che il lavoratore è effettivamente collocato in Cassa Integrazione e con i requisiti di legge per rientrare su quanto disposto dall’art.1 c.154 della L. 205/2017 per tali categorie.

Messaggio INPS numero 722 del 16-02-2018 pdf

Alleghiamo il messaggio INPS per una lettura completa.

Messaggio INPS numero 722 del 16-02-2018
» 86,1 KiB - 234 hits - 23 febbraio 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in economia e commercio con una tesi in Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, si occupa della redazione di contenuti economici da oltre 4 anni.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.