DVR con Procedure Standardizzate: cos’è e chi può utilizzarlo

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


DVR con procedure standardizzate: ecco la guida, con lo schema della procedura e il modulo, per la corretta redazione del documento in 4 passi.

Tutte le aziende con almeno un lavoratore devono procedere con la redazione del DVR o documento di valutazione dei rischi. Il legislatore, tuttavia, sin dalla primaria versione del d. lgs. 81/08 aveva previsto la possibilità, per le piccole e medie imprese, di fare ricorso a dei modelli semplificati, che sono arrivate soltanto nel 2013.

Si tratta delle procedure standardizzate, in questa video guida vediamo brevemente cos’è il DVR  con Procedure Standardizzate e chi può utilizzarlo.

Leggi anche: DVR o Documento di Valutazione dei Rischi

Il pensionamento dell’autocertificazione

Fino al 31 maggio 2013, tutte le aziende con meno di dieci lavoratori (salvo quelle a rischio rilevante), potevano dimostrare l’avvenuta valutazione attraverso un’autocertificazione.

Dal 1 Giugno 2013, queste aziende sono state obbligate a redigere il DVR, ed il Ministero del Lavoro ha messo a disposizione le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi, approvate dalla Commissione Consultiva Permanente e pubblicate con Decreto Interministeriale del 30.11.2012.

Chi può utilizzare le procedure standardizzate

Le aziende che possono far ricorso alle procedure standardizzate sono le seguenti:

  • aziende fino a 10 lavoratori, escluse le aziende ad alto rischio di cui all’art 31 comma 6, lettere a,b,c,d del D. Lgs. 81/08.
  • aziende fino a 50 lavoratori, escluse le aziende ad alto rischio di cui all’art 31 comma 6, lettere a,b,c,d del D. Lgs. 81/08 ed escluse le aziende che espongono lavoratori a rischi chimici, biologici, atmosfere esplosive, cancerogeni, mutageni o amianto. In ambito produttivo tale limitazione è significativa in quanto esclude l’applicazione a interi settori.

Schema della procedura standardizzata

Per redigere il documento il cui modulo è allegato qui di seguito, è necessario seguire i seguenti 4 passi:

  • effettuare una corretta descrizione dell’azienda, dei cicli e delle fasi lavorative;
  • individuare i pericoli presenti in azienda;
  • valutare i rischi associati ai pericoli e individuare le misure di prevenzione e protezione;
  • definire il programma di miglioramento.

Modulo DVR con Procedura Standardizzata

Qui di seguito alleghiamo il Modulo DVR con Procedure Standardizzate ovvero un Documento di Valutazione dei Rischi realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. rilasciato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Alleghiamo inoltre lo schema di redazione del modulo di Documento di Valutazione dei Rischi con procedure standardizzate, per la valutazione dei rischi ai sensi dell’art. 29 d.lgs. 81/2008

  Modello DVR con Procedure Standardizzate (807,0 KiB, 109 download)
  Schema procedure standardizzate DVR (488,6 KiB, 159 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del lavoro iscritto al n. 282 dell'Ordine dei consulenti del lavoro della provincia di Chieti. Formatore e consulente in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. Coordinatore di organismo di formazione accreditato presso la Regione Abruzzo. Esperto in progettazione, gestione e rendicontazione di progetti formativi finanziati dal Fondo Sociale Europeo e fondi interprofessionali (Fondimpresa, Foncoop, FondoPMI etc.). Tecnico ambientale per la gestione dei rifiuti.

Altri articoli interessanti