Bonus mobili 2022, ancora novità sul limite di spesa: ecco cosa cambia

Il bonus mobili 2022 cambia ancora sul piano del limite di spesa massimo. Cosa è stato previsto in un nuovo emendamento alla manovra?


Vero è che il bonus mobili rientra tra le misure confermate per il prossimo anno, pur con qualche novità. Anzi, è il fattore limite di spesa che non sembra aver finora registrato una sostanziale convergenza delle forze politiche. In particolare, sarebbero all’orizzonte nuove modifiche al tetto massimo di spesa per il bonus mobili. Se ne trova traccia in un emendamento alla legge di bilancio 2022, approvato recentemente dalla Commissione Bilancio al Senato.

Il limite massimo di spesa passerebbe da 5mila euro per il 2022 al doppio, ossia 10mila euro. Il testo della legge di Bilancio, ritoccato su questo punto, torna ora al Senato per la fase di discussione e conseguente approvazione. Lo step successivo prevede il coinvolgimento della Camera, al fine di consentire il definitivo voto. E bisogna fare presto: infatti, la manovra va approvata entro fine anno, onde evitare quello che tecnicamente è chiamato ‘esercizio provvisorio’.

Bonus mobili 2022: il contesto di riferimento

Prima di soffermarci sull’ultima novità in tema di limite massimo di spesa, vogliamo ricordare in breve cos’è questo bonus. Si tratta di un’agevolazione che si sostanzia in una detrazione fiscale corrispondente al 50% della spesa compiuta per l’acquisto mobili ed elettrodomestici. Detti acquisti devono però essere mirati ad arredare un immobile oggetto di lavori di recupero del patrimonio edilizio. Ne consegue che solo se vale il bonus ristrutturazione, potrà essere sfruttato anche il bonus mobili 2022.

Leggi anche: Aumento pensioni nel 2022, grazie al ritorno della perequazione

Per quanto attiene all’ambito oggettivo di applicazione del bonus mobili e grandi elettrodomestici nel 2022 e oltre, non vi sono grandi novità. In concreto lo sgravio fiscale continuerà ad applicarsi e includerà il diritto al beneficio fiscale della detrazione, per l’acquisto di:

  • mobili come ad es. tavoli, sedie, letti, armadi, divani, poltrone, cassettiere, librerie, scrivanie, comodini, credenze, apparecchi di illuminazione, materassi.
  • grandi elettrodomestici, come ad es. lavatrici; congelatori; frigoriferi; apparecchi elettrici di riscaldamento; apparecchi per il condizionamento; radiatori elettrici; ventilatori elettrici; lavasciuga e asciugatrici; lavastoviglie; apparecchi per la cottura; stufe elettriche; forni a microonde e piastre riscaldanti elettriche.

In particolare, per quanto riguarda i grandi elettrodomestici, continuano ad essere di riferimento le indicazione dell’Agenzia delle Entrate. Perciò il bonus in oggetto si applica ai “grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A o superiore per i forni e lavasciuga), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica“. Tuttavia occorre prestare attenzione a questo dettaglio: l’acquisto è comunque sottoposto a detrazione anche se si tratta di elettrodomestici senza etichetta, a patto che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo.

Bonus mobili 2022, novità sul limite di spesa

Il bonus mobili è stato recentemente oggetto di proroga nella legge di Bilancio 2022, per la durata di un triennio. Nei giorni scorsi, era stato previsto un ritocco verso il basso del limite massimo di spesa detraibile fiscalmente. Ora, in virtù del citato emendamento, le forze politiche pare abbiano corretto almeno in parte il tiro.

Secondo l’impostazione della manovra prima dell’emendamento, il limite avrebbe dovuto scendere a 5mila euro, dall’attuale cifra corrispondente a 16mila euro, valevole per le spese svolte nel lasso di tempo primo gennaio 2021 – 31 dicembre 2021. Detto nuovo limite si applica con riferimento alle spese sostenute a partire dal primo gennaio 2022.

Leggi anche: Super cashback, niente premio da 1.500 euro per alcuni vincitori. I motivi

In sintesi, il limite massimo di spesa è stato più volte ritoccato e rivisto, nei termini seguenti:

  • limite massimo di spesa fissato a 10.000 euro per le spese fino al 31 dicembre 2020 – vale a dire detrazione massima di 5.000 euro;
  • tetto massimo di spesa fissato a 16.000 euro per le spese del 2021 (tra il primo gennaio e il 31 dicembre) – con detrazione massima di 8.000 euro;
  • limite massimo di spesa pre-emendamento, per le spese 2022-2024,  abbassato a 5.000 euro – e detrazione dunque pari a 2.500 euro;
  • nuovo limite massimo di spesa bonus mobili corrispondente a 10.000 euro per l’anno prossimo (periodo primo gennaio-31 dicembre 2022) – con detrazione massima di 5.000 euro.

Le prospettive in tema di legge di Bilancio ed emendamenti al bonus mobili ci indicano inoltre che il limite massimo di spesa per il bonus mobili scenderebbe comunque a 5.000 euro per il 2023 e 2024. Di fatto si tratterebbe di un rinvio del taglio al bonus, mentre nel 2022 il tetto massimo calerebbe di 6mila euro.

E’ un nuovo quadro di regole, che potrebbe trovare spazio in Gazzetta Ufficiale tra alcuni giorni, salvo eventuali nuove correzioni del testo della manovra.

Argomenti

⭐️ Segui Lavoro e Diritti su Google News, Facebook, Twitter o via email