Assegno al nucleo familiare, a chi spetta e come richiederlo

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'assegno al nucleo familiare (ANF), è un sostegno economico per le famiglie dei lavoratori dipendenti o dei pensionati da lavoro dipendente.

L’assegno al nucleo familiare, noto anche come ANF, consiste in un sostegno economico per le famiglie dei lavoratori dipendenti o dei pensionati da lavoro dipendente.

Caratteristica fondamentale è che il nucleo familiare deve essere composto da più persone ed ogni anno viene determinato il reddito complessivo, del nucleo, al quale fare riferimento per ottenere gli assegni stessi.

Assegno al nucleo familiare, a chi spetta

L’assegno al nucleo familiare spetta a:

  • lavoratori dipendenti;
  • lavoratori dipendenti agricoli;
  • lavoratori domestici;
  • lavoratori iscritti alla gestione separata;
  • titolari di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, dei fondi speciali ed ex ENPALS;
  • titolari di prestazioni previdenziali.

Nucleo familiare

Il nucleo familiare può essere composto da:

  • il richiedente lavoratore o il titolare della pensione;
  • il coniuge che non sia legalmente ed effettivamente separato, anche se non convivente, o che non abbia abbandonato la famiglia.
  • i figli ed equiparati di età inferiore a 18 anni, conviventi o meno;
  • i figli ed equiparati maggiorenni inabili, purché non coniugati, previa autorizzazione;
  • i figli ed equiparati, studenti o apprendisti, di età superiore ai 18 anni e inferiore ai 21 anni, purché facenti parte di “nuclei numerosi”, cioè nuclei familiari con almeno quattro figli tutti di età inferiore ai 26 anni, previa autorizzazione;
  • i fratelli, le sorelle del richiedente e i nipoti (collaterali o in linea retta non a carico dell’ascendente), minori o maggiorenni inabili, solo se sono orfani di entrambi i genitori, non hanno conseguito il diritto alla pensione ai superstiti e non sono coniugati, previa autorizzazione;
  • i nipoti in linea retta di età inferiore a 18 anni e viventi a carico dell’ascendente, previa
  • autorizzazione.

Casi particolari

E’ bene fare alcune precisazioni, innanzitutto nei casi di persone straniere residenti in Italia, poligami nel loro paese, possono includere nel proprio nucleo familiare solo la prima moglie, se residente in Italia.

Per i titolari di pensione ai superstiti, il nucleo ha diritto all’ANF se composto dal coniuge superstite che ha titolo alla pensione e dai figli ed equiparati minori o maggiorenni inabile.

Il coniuge dell’avente diritto alla corresponsione dell’assegno al nucleo familiare può chiedere il pagamento della prestazione purché non sia titolare di un proprio diritto all’ANF, determinato da un rapporto di lavoro dipendente oppure da una prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente.

La richiesta di pagamento da parte del coniuge deve essere presentata utilizzando il modello ANF 559.

Se i coniugi sono separati o divorziati, in caso di affidamento condiviso, entrambi i genitori affidatari hanno diritto all’ANF e la scelta tra quale dei due genitori possa chiedere la prestazione è rimessa a un accordo tra le parti.

In mancanza di accordo, l’autorizzazione alla percezione dell’assegno viene concessa al genitore convivente con i figli.

Il diritto rimane al genitore affidatario anche quando non è titolare in proprio di un diritto a richiedere la prestazione familiare (poiché non lavoratore o non titolare di pensione).

Questo viene esercitato in virtù della posizione tutelata dell’ex coniuge, sempre che i requisiti di fatto, ossia i redditi del nucleo dell’affidatario, ammettano il riconoscimento al diritto all’assegno per il nucleo familiare.

Il genitore convivente con il minore (privo di autonomo diritto) nato fuori del matrimonio da genitori comunque non coniugati può chiedere il pagamento degli ANF sulla posizione dell’altro genitore lavoratore dipendente non convivente. Il pagamento terrà conto dei redditi del genitore convivente.

Assegno al nucleo familiare, tabelle e calcolo

Per calcolare l’importo dell’assegno al nucleo familiare si prendono in considerazione i seguenti parametri:

  • tipologia del nucleo familiare;
  • numero dei componenti del nucleo;
  • del reddito complessivo del nucleo.

Sono previsti importi e fasce reddituali più favorevoli per situazioni di particolare disagio (ad esempio, nuclei monoparentali o con componenti inabili).

L’importo dell’assegno al nucleo familiare è pubblicato annualmente dall’INPS in tabelle valide dal 1° luglio di ogni anno, fino al 30 giugno dell’anno seguente.

I redditi del nucleo familiare da prendere in considerazione sono quelli assoggettabili all’IRPEF, al lordo delle detrazioni d’imposta, degli oneri deducibili e delle ritenute erariali.

Sono da indicare anche i redditi esenti da imposta o soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo di imposta o imposta sostitutiva (se superiori complessivamente a 1.032,91 euro).

Non devono essere dichiarati tra i redditi:

  • TFR comunque denominati e le anticipazioni sui trattamenti di fine rapporto;
  • i trattamenti di famiglia, comunque denominati, dovuti per legge;
    le rendite vitalizie erogate dall’INAIL, le pensioni di guerra e le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio;
  • le indennità di accompagnamento agli invalidi civili, ai ciechi civili assoluti, ai minori invalidi che non possono camminare e ai pensionati di inabilità;
  • le indennità di comunicazione per sordi e le indennità speciali per i ciechi parziali;
  • indennizzi per danni irreversibili da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati;
  • arretrati di cassa integrazione riferiti ad anni precedenti quello di erogazione;
    l’indennità di trasferta per la parte non assoggettabile a imposizione fiscale;
  • assegni di mantenimento percepiti dal coniuge legalmente separato a carico del/della richiedente e destinati al mantenimento dei figli.

Il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere composto, per almeno il 70%, da reddito derivante da lavoro dipendente e assimilato.

ANF, chi paga

L’assegno viene pagato dal datore di lavoro, per conto dell’INPS, ai lavoratori dipendenti in attività, in occasione del pagamento della retribuzione.

In alternativa, è direttamente l’INPS che paga l’assegno se il richiedente è:

  • collaboratore domestico;
  • iscritto alla gestione separata;
  • operaio agricolo dipendente a tempo determinato;
  • lavoratore di ditte cessate o fallite;
  • beneficiario di prestazioni previdenziali (NASpI, Dis-Coll ecc.).

La domanda, in caso di lavoratore dipendente, va presentata al datore di lavoro utilizzando l’apposito modello “ANF/DIP SR16”.

In caso di pagamento diretto dall’INPS la domanda va presentata telematicamente all’Istituto di previdenza.

Se vi sono casi in cui i genitori sono separati, al fine di consentire la percezione dell’importo ad uno dei due genitori è necessario allegare al modulo di cui sopra,  l’Autorizzazione ANF precedentemente richiesta all’INPS.

Come ogni anno è uscita la circolare INPS che comunica i livelli di reddito familiare per il periodo 01 luglio 2017 – 30 giugno 2018. (Circolare 87 del 18 maggio 2017).

Leggi anche: Assegni familiari 2017 – 2018, nuove tabelle INPS con importi e limiti di reddito

I livelli di reddito familiare per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare sono rivalutati annualmente in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’ISTAT, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Pavia. Dopo aver maturato una pluriennale esperienza in gestione delle risorse umane, paghe e contributi, ho sostenuto l'esame di abilitazione alla professione di Consulente del Lavoro e dal 2015 sono iscritta all'ordine provinciale di Pavia.

Altri articoli interessanti