Rottamazione cartelle Equitalia, modello DA1 aggiornato

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Rilasciato su www.gruppoequitalia.it il nuovo modello DA1 per la rottamazione delle cartelle Equitalia, aggiornato con le modifiche al Decreto Fiscale.

E’ stato rilasciato sul portale www.gruppoequitalia.it il nuovo modello DA1 aggiornato per la cosiddetta “rottamazione cartelle” Equitalia.

Il modulo di richiesta di adesione agevolata, è stato aggiornato in base alle modifiche apportate dal Parlamento in sede di conversione del Decreto Fiscale.

Come detto sopra il modello DA1 recepisce le novità normative, sulla definizione agevolata o rottamazione cartelle, introdotte dal Parlamento nel decreto legge n. 193/2016 convertito con modificazioni dalla legge n. 225/2016 pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 2 dicembre e in vigore dal 3 dicembre.

Leggi anche: Decreto Fiscale: la Legge di conversione in Gazzetta Ufficiale

Rottamazione cartelle: modifiche al decreto sulla definizione agevolata

Le modifiche al nuovo istituto della definizione agevolata, conosciuto anche con il termine di sanatoria Equitalia, riguardano: i termini di presentazione della domanda, i debiti che possono essere “rottamati”, il numero delle rate e i tempi di pagamento.

Leggi anche: Rottamazione cartelle Equitalia, ecco cos’è e come fare ad aderirvi

  1. cartelle equitalia rottamabili: il provvedimento si applica alle somme riferite ai carichi affidati a Equitalia tra il 2000 e il 2016 e non più fino al 2015;
  2. termini di presentazione della domanda: il termine ultimo per presentare richiesta di adesione agevolata passa dal 23 gennaio al 31 marzo 2017 (termine valido anche per chi ha già presentato la domanda e vuole inserire anche le cartelle del 2016);
  3. termini di approvazione: Equitalia invierà entro il 31 maggio del 2017 (non più entro il 24 aprile) una comunicazione al contribuente, in cui sarà indicata la somma dovuta, insieme ai relativi bollettini con le date di scadenza dei pagamenti.
  4. le rate passano da 4 a 5: nel caso di pagamento rateale almeno il 70% degli importi sarà pagato entro il 2017, mentre il 30% nel 2018 e le singole rate avranno scadenza fissa previste nei mesi di luglio, settembre e novembre 2017; per il 2018, nei mesi di aprile e settembre. Per il pagamento in un’unica rata, la scadenza è fissata nel mese di luglio 2017.

Una volta compilato il nuovo modello DA1, così come da istruzioni e tenendo conto delle FAQ per la rottamazione cartelle, la domanda di adesione dovrà essere consegnata presso gli sportelli Equitalia oppure inviata, insieme alla copia di un documento di identità, via email o PEC agli indirizzi indicati nel modulo. Quindi si avvierà la procedura così come indicato sopra.

Sia per il pagamento in un’unica soluzione, sia che scelga il pagamento rateale, il contribuente potrà pagare la definizione agevolata con la domiciliazione bancaria, oppure direttamente allo sportello in banca o con il proprio home banking, agli uffici postali, nei tabaccai, tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul sito www.gruppoequitalia.it, con la App Equiclick o direttamente agli sportelli di Equitalia.

Nuovo Modello DA1 per l’adesione alla definizione agevolata

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti.

Altri articoli interessanti