Licenziamento collettivo e criteri di scelta dei lavoratori

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'Esperto Risponde in materia di licenziamento collettivo e criteri di scelta dei lavoratori da licenziare.

Buongiorno avvocato, la contatto in quanto la mia azienda ha avviato una procedura di licenziamento collettivo e io ho dei dubbi sui criteri di scelta dei lavoratori da porre in licenziamento.

Nel licenziamento collettivo è più tutelato un lavoratore che ha 50 anni,un figlio di 15 anni e la moglie a carico o un lavoratore che ha 2 o 3 figli a carico piccoli e la moglie a carico ma che ha 10 anni di meno?

Spero in una Vostra risposta nel più breve tempo possibile, nel frattempo Vi invio distinti saluti.

 

Gentile sig. Davide,

il sistema dei licenziamenti collettivi è certamente complesso e può trovare soluzioni completamente differenti anche in situazioni del tutto simili tra loro.

Rispondere al Suo quesito senza conoscere la particolarità della Sua posizione potrebbe portarla fuori strada.

Attraverso accordi sindacali, ad esempio, è possibile anche discostarsi dai criteri di scelta legali del carico di famiglia, dell’anzianità e delle esigenze tecnico-produttive ed organizzative.

Ciò che l’accordo collettivo deve assicurare è la non discriminazione, la razionalità, l’obiettività e la generalità.

Bisognerebbe conoscere a fondo la procedura, i criteri di scelta adottati e la situazione aziendale per poterLe dare un’indicazione precisa sulla Sua posizione.

Ad ogni modo Le preciso unicamente che per anzianità si intende l’anzianità di servizio e non quella anagrafica.
Saluti.

Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti