730 / 2014 senza sostituto, chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate in merito all’assistenza fiscale per la presentazione della dichiarazione con il modello 730 / 2014 senza sostituto

Con la risoluzione n. 57/E del 7 maggio 2014 l’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti in merito allo svolgimento dell’assistenza fiscale per la presentazione della dichiarazione con il modello 730/2014, in particolare in merito a quei casi di presentazione del modello 730 / 2014 senza sostituto d’imposta.

Nel 2013 infatti, i più ricorderanno, con il decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, è stata ampliata la platea di coloro che possono presentare il modello 730, anche ai contribuenti che non possono indicare nel momento della presentazione della dichiarazione dei redditi un sostituto d’imposta.

Leggi anche: 730, rimborsi veloci anche per i disoccupati

Il modello 730 può essere utilizzato quindi dai soggetti:

  • titolari di redditi da lavoro dipendente articolo 49 TUIR,
  • titolari di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente articolo 50 TUIR, limitatamente a quelli indicati al comma 1, lettere:
    • a) compensi percepiti dai lavoratori soci delle cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di trasformazione dei prodotti agricoli e della piccola pesca;
    • c) somme a titolo di borsa di studio e di assegni, premi o sussidi per fini di studio o di addestramento professionale;
    • c-bis) somme in relazione agli uffici di amministratore, sindaco o revisore di società, associazioni o enti, collaborazioni a giornali, riviste o enciclopedie, collaborazioni a collegi o commissioni;
    • d) remunerazioni di sacerdoti;
    • g) indennità percepite dai membri del Parlamento nazionale, con esclusione delle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo;
    • i) assegni periodici alla cui produzione non concorrono né capitale né lavoro compresi quelli corrisposti al coniuge e quelli corrisposti in forza di testamento o donazione modale;
    • l) compensi per lavori socialmente utili.

L’Agenzia fornisce quindi alcuni esempi pratici di coloro che possono utilizzare il modello 730 in assenza di un sostituto d’imposta che possa eventualmente effettuare il conguaglio:

  • con rapporti di lavoro dipendente a tempo determinato che non comprende almeno i mesi di giugno e luglio;
  • con rapporti di lavoro dipendente con privati come autisti, giardinieri, collaboratori familiari e altri addetti alla casa;
  • con rapporti di lavoro dipendente svolto all’estero in zone di frontiera erogato da un datore di lavoro non residente;
  • titolari di borse di studio e di assegni, premi o sussidi per fini di studio o di addestramento professionale;
  • titolari di assegni periodici;
  • titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa che non comprende almeno i mesi di giugno e luglio.

In caso di credito o di debito

Nel caso in cui dal 730 senza sostituto d’imposta scaturisca:

  • un debito, il soggetto che presta l’assistenza fiscale trasmette telematicamente la delega di versamento utilizzando i servizi telematici resi disponibili dall’Agenzia delle entrate oppure, entro il decimo giorno antecedente la scadenza del termine di pagamento, consegna la delega di versamento compilata al contribuente che effettua il pagamento telematicamente, oppure in contanti in banca, presso uffici postali o presso gli esercizi abilitati. Le scadenze sono le stesse dell’Unico.
  • un credito, in questo caso sarà direttamente il fisco a pagare, con accredito in C/C, che dovrà essere indicato nel 730, presumibilmente nel mese di dicembre 2014 (l’anno scorso l’accredito è avvento intorno a Natale). Oppure sempre nello stesso periodo con avviso di pagamento da richiedere presso gli uffici postali.

Leggi anche: Lavoro dalla A alla Z: cos’è il modello 730?

Dichiarazione congiunta

In questo caso l’Agenzia delle Entrate specifica che è possibile presentare il modello 730 in forma congiunta anche se entrambi i coniugi non hanno un sostituto d’imposta che possa effettuare il conguaglio nei tempi previsti, quando nel modello relativo al primo dichiarante è indicato un reddito di lavoro dipendente e assimilato a quello di lavoro dipendente; tale condizione non è necessaria per il secondo dichiarante.

730 integrativo

Il 730 senza sostituto potrà essere inviato anche sotto forma di “730 integrativo”. Ciò significa che anche se per il contribuente si verifica la cessazione del rapporto di lavoro nel periodo intercorrente tra la presentazione del modello 730 originario e la data del 27 ottobre il contribuente, può presentare il modello 730 integrativo contrassegnato dal codice 1 e con la casella “MOD 730 Dipendenti senza sostituto” barrata, il rimborso sarà effettuato dall’Agenzia delle entrate.

Nel caso in cui sia stato presentato un 730 originario in assenza di sostituto d’imposta ed entro il 27 ottobre il contribuente ha un nuovo sostituto può presentare il modello 730 integrativo ed ottenere il rimborso dal nuovo sostituto d’imposta.

Qualora il 730 originario sia stato inviato ad un sostituto non tenuto all’effettuazione del conguaglio e il contribuente non risulti avere un sostituto d’imposta può essere predisposto il “MOD 730 Dipendenti senza sostituto” contrassegnato con il codice 2 o con il codice 3.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • enniozz

    Buonasera… e i disoccupati che hanno un sostituto d’imposta? Quali sono i tempi per questi ultimi?

    • i disoccupati con indennità, quindi chi percepisce l’ASpI ad esempio dovrà indicare l’Inps come sostituto d’imposta nel 730, quindi l’eventuale credito verrà rimborsato fra agosto e settembre.

      • enniozz

        Ciao Antonio, forse mi sono espresso male. Per i disoccupati con indennità OK l’inps. E per i disoccupati senza indennità, dovendo fare il 730, che tempi hanno di presentazione o scadenza? E inoltre potresti spiegarmi in caso di credito o debito con l’erario? Grazie.

        • Ciao ennioz è proprio quello che dice l’articolo….

  • abdoulaye

    Salve,
    Il 2013 settembre ho fatto 730 e aspetto un rimborso di 1900€ piu quello di questo anno 2014 l ho apenna fatto,tutti due in totale aspetto 4050€,
    Volevo sapere come sono due diversi e superato 4000€, mi fanno aspettare x 6 mesi o posso averle a luglio sul conto corente,
    Grazie

    • Marco Porcio Catone

      per i rimborsi sopra i 4000 euro c’è una procedura diversa e più complessa in quanto si procede automaticamente ad un controllo dell’Agenzia delle Entrate. Quindi il rimborso non avviene come di consueto ma tramite il fisco. Almeno da quello che so io funziona così, ma sicuramente il tuo CAF ti ha già informato di questo.

  • raffy

    Qualcuno sa dirmi come mai l assegno di disoccupazione che è sempre stato euro 1000 ora il settimo mese e stato ridotto a 835,00
    Grazie

    Ho fatto anche il 730 e sono a credito quando mi verrà erogato e da chi?

    • spartacus

      Perché per i primi 6 mesi l’indennità è pari al 75 % della tua media retributiva nel biennio e nei due mesi restanti scende al 60 %; Presumo che hai usato l’inps come sostituto d’imposta, in questo caso il credito ti sarà erogato con il pagamento della rata di agosto, cioè verso metà settembre.

      • raffy

        Ah perfetto grazie mille molto gentile
        Il 12/ago/2014 08:01 “Disqus” ha scritto:

      • raffy

        Ultima domanda
        Allo scadere visto che non ho ancora trovato lavoro non è più possibile richiedere la disoccupazione vero?
        Grazie ancora
        Il 12/ago/2014 09:46 “Raffaella Burni” ha scritto:

        • spartacus

          No, devi prima ricominciare a lavorare e poi, se ne hai ancora i requisiti, alla perdita del lavoro, richiedere una nuova indennità. Tuttavia vi è la mobilità in deroga, chiedi ad un caf se nella tua regione e ancora in essere.

          • raffy

            Perfetto ti ringrazio x la tua disponibilità.
            Il 12/ago/2014 16:43 “Disqus” ha scritto:

          • raffy

            Ciao io il 31.08 finisco gli 8 mesi di disoccupazione non devo comunicare qualcosa?
            Oggi ho un colloquio se tutto va bene lunedì max quello dopo dovrei iniziare visto che è la II selezione speriamo in questo caso non comunico nulla la disoccupazione e ormai finita.
            Il 12/ago/2014 17:03 “Raffaella Burni” ha scritto:

          • spartacus

            Se finisci il 31/08 dal primo settembre devi dichiarare all’inps che nel periodo in cui hai usufruito dell’indennità non hai svolto alcun lavoro. Se non lo fai non ti pagano gli ultimi 30 giorni. Il modello si chiama ds56/bis; lo puoi anche inviare online ma ti consiglio di presentarlo anche in forma cartacea presso l’ufficio della tua zona.