Come diventare Commercialista: I 3 step necessari

Molti appassionati di Economia e di materie fiscali si domandano come fare a diventare dottori commercialisti, soprattutto al termine dei propri studi. In questa guida vediamo quali sono i passi da compiere per avviarsi a questa professione.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Molti giovani appassionati della contabilità aziendale e del Fisco, si chiedono come diventare commercialista soprattutto dopo aver terminato gli studi. In questa  semplice guida andremo ad elencare tutti i requisiti necessari per poter svolgere questa professione.

Inoltre, analizzeremo nel dettaglio gli step obbligatori per diventare un dottore commercialista e svolgere in modo indipendente questa professione.

Commercialista: Chi è questo professionista

Prima di spiegare come diventare commercialista, bisogna analizzare nel dettaglio quali sono le mansioni che svolge tale professionista. Come tutti ben sappiamo, il dottore commercialista si occupa di diverse mansioni in ambito economico.

Infatti, esso si occupa di erogare consulenza in ambito commerciale e tributario, effettua la dichiarazione dei redditi a privati e aziende, redige i libri contabili, revisioni e ispezioni amministrative, etc..

Per svolgere in modo corretto tutte le attività elencate, il dottore commercialista deve essere sempre aggiornato su tutte le normative e le leggi inerenti alla sua attività svolta.

Durante lo svolgimento della sua professione, il dottore commercialista ha l’obbligo del segreto professionale. Il segreto professionale dei dottori commercialisti consiste, nel non divulgare a terzi le notizie confidate dal cliente durante una consulenza.

L’obiettivo principale di questa normativa, è quello di rafforzare il rapporto di fiducia che si crea fra il cliente e il professionista, in questo caso il commercialista.

I dottori commercialisti che non rispetteranno il segreto professionale, saranno sanzionati dagli articoli 351 e 342 del codice penale e l’articolo 249 del codice civile.

Viste le attività che svolge un dottore commercialista e quali sono le regole che esso deve rispettare per esercitare correttamente la sua professione, vediamo quali sono le procedure per come diventare commercialista.

Come diventare commercialista: Gli step da svolgere

Da come abbiamo già anticipato, per poter diventare un dottore commercialista è necessario svolgere alcuni step obbligatori. Qui di seguito andremo ad elencare i tre step necessari per esercitare la professione di dottore Commercialista.

Il primo step da svolgere per esercitare la professione, è quello di conseguire una laurea magistrale oppure specialistica in economia. Le classi di laurea idonee per poter diventare commercialista sono:

  • LM-56;
  • LM-77;
  • 64/S;
  • 84/S.

Conseguito il titolo di studio, è possibile passare al secondo step necessario per lo svolgimento della professione dottore commercialista. Il secondo step, consiste nello svolgimento di un periodo di praticantato ossia tirocinio, presso uno studio di un commercialista iscritto all’albo da almeno 5 anni.

Il tirocinio dovrà avere una durata di 18 mesi. Il tirocinante è obbligato ad effettuare l’iscrizione al registro dei tirocinanti, che attualmente è suddiviso in:

  • Tirocinanti Dottori Commercialisti: Rivolto a coloro che hanno conseguito una laurea magistrale;
  • Tirocinanti Esperti Contabili: Rivolto a coloro che hanno conseguito una laurea triennale.

Terminati i 18 mesi di tirocinio, il tirocinante dovrà consegnare all’Ordine il certificato di “Compiuta pratica” rilasciato dal commercialista. Successivamente alla consegna delle pratiche burocratiche, il tirocinante potrà procedere all’esame di stato per dottori commercialisti.

L’esame di stato si suddivide in diverse tipologie di prove:

  • prima prova scritta (esonerati coloro che hanno conseguito una magistrale in economia): Essa consiste nello svolgimento di un test inerente alle seguenti materie: Ragioneria generale e applicata, tecnica bancaria, finanza aziendale, tecnica industriale e commerciale.
  • Seconda prova scritta: Inerente a materie di Diritto;
  • Prova pratica: esercitazione sulle materie previste per la prima prova scritta;
  • Prova orale: Informatica, economia, politica economica, matematica e statistica, legislazione e deontologia professionale, materie delle precedenti prove d’esame.

Superato l’esame di stato è possibile procedere all’iscrizione dell’albo dei dottori commercialisti.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Staff di Lavoro e Diritti

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.