Fattura elettronica carburante 2018, circolare Agenzia delle Entrate

Circolare dell'Agenzia delle Entrate sull'obbligo di Fattura elettronica carburante e sulle modalità di pagamento tracciate dal 1° luglio 2018.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

L’Agenzia delle Entrate ha rilasciato una circolare con tutti i chiarimenti sulla sulla fattura elettronica carburante obbligatoria a partire dal 1° luglio 2018. La circolare contiene inoltre le modalità di pagamento obbligatorie per benzina e gasolio. L’ultima legge di bilancio ha infatti introdotto alcune importanti novità in tema fatturazione e pagamento delle cessioni di carburanti.

Dal prossimo 1° luglio come noto non potrà più essere usata la famosa scheda carburante per le cessioni di benzina e gasolio per motori ad autotrazione. Al suo posto si dovranno fare pagamenti tracciati e e-fattura per scaricare le spese carburante e la relativa IVA. Con questa circolare l’Agenzia delle Entrate fornisce pertanto tutti i chiarimenti in merito.

E-fattura obbligatoria fra privati, provvedimento Agenzia Entrate

La circolare si affianca ad un altro provvedimento delle Entrate con il quale si dettano disciplina e regole tecniche sulla emissione della Fattura Elettronica fra privati. Questa sarà estesa a tutte le operazioni di compra vendita di beni e servizi b2b per i residenti sul territorio italiano a partire dal prossimo 1° gennaio 2019.

La e-fattura ha lo scopo di quindi di aumentare la capacità dell’amministrazione di prevenire e contrastare efficacemente l’evasione fiscale e le frodi IVA, nonché di incentivare l’adempimento spontaneo.

Fattura elettronica carburante: obbligo dal 1° luglio

Come anticipato in premessa la legge di bilancio 2018 ha stabilito che a partire dal prossimo 1° gennaio 2019 tutte le operazioni di compra vendita di beni e servi fra privati residenti sul territorio italiano dovranno essere fatturate elettronicamente con la e-fattura. Questo obbligo è stato anticipato al 1° luglio 2018 per le fatture relative a:

cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori

Obblighi di certificazione delle prestazioni rese da subappaltatori e sub contraenti

L’obbligo è anticipato inoltre per:

prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica

Abolizione scheda carburante, come pagare dal 1° luglio

La circolare elenca e specifica inoltre le modalità di pagamento delle spese carburante a partire dal 1° luglio. L’obbligo di tracciamento infatti, non riguarda solo la fattura elettronica carburante, ma anche le modalità di pagamento di benzina e gasolio.

Dal prossimo primo luglio infatti è stata abolita la scheda carburante. Tutte le spese per diesel e benzina per autotrazione, dovranno essere pagate con mezzi di pagamento tracciati. Addio alla vecchia scheda carburante e pagamento in contanti quindi.

D’ora in avanti per poter dedurre il costo e la relativa IVA sulle spese di carburante i rifornimenti si potranno pagare solo con:

  • carte di credito e di debito e anche le prepagate;
  • gli assegni, bancari e postali, circolari e non, nonché i vaglia cambiari e postali;
  • bonifici bancari e postali;

Credito d’imposta per i distributori

La legge di bilancio 2018 ha previsto inoltre che agli esercenti di impianti di distribuzione di carburante spetta un credito d’imposta; questo è pari al 50% del totale delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate tramite sistemi di pagamento elettronico mediante carte di credito ecc.

CIRCOLARE Agenzia Entrate fattura elettronica carburante

Per tutti gli approfondimenti vi lasciamo alla lettura della corposa circolare 8/E del 30 aprile 2018 sulla fattura elettronica carburante. La circolare contiene inoltre tutte le altre novità in arrivo dal 1° luglio 2018.

CIRCOLARE N. 8 /E Agenzia Entrate
» 323,0 KiB - 872 hits - 3 maggio 2018

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Share.

About Author

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti

Comments are closed.