Phishing, i consigli dell’Agenzia delle Entrate per evitare truffe via mail

L'Agenzia delle Entrate comunica che sono in circolazione in questi giorni false mail con intestazione fraudolenta della'Agenzie. In questo articolo vediamo i dettagli su come riconoscerle ed evitare di installare sul proprio computer malware e virus e finire nelle mani di hacher malintenzionati.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’Agenzia delle Entrate è molto attiva sul suo sito ufficiale ed è consigliabile una consultazione giornaliera per essere sempre al passo con le ultime novità in materia di fisco. Tra gli ultimi comunicati stampa, spicca anche l’attenzione alla sicurezza online e ad un fenomeno molto noto come Phishing. In questa guida, vediamo i dettagli dell’ultima truffa online sugli F24 e alcuni utili consigli su come evitarli.

Ma cos’è il phishing e come evitarlo? Si tratta di una attività di truffa molto frequente online e che in genere tende a diffondersi soprattutto con l’invio di mail false e firmate da organi importanti come l’Agenzia delle Entrate. Con un provvedimento datato 2 febbraio 2018, l’Agenzia delle Entrate avvisa gli utenti rispetto ad un tentativo di phishing avviato con tale formula e che di fatto non contiene nessuna comunicazione ufficiale o invio di link da cliccare per accedere ad un servizio specifico.

Nelle false mail, si legge nel provvedimento diffuso da pochissimi giorni dalla stessa Agenzia delle Entrate, è ricorrente l’utilizzo di firme come Agenzia Entrate o Agenzia Entrate Gov con un oggetto generico e riferito agli acconti F24. Altro sistema di phishing molto utilizzato, è quello di invio di un link contenente un accesso diretto al servizio di compilazione e invio degli F24 e contenente appunto un virus.

I consigli dell’Agenzia delle Entrate per evitare tentativi di phishing via mail

L’Agenzia delle Entrate nel suo processo di comunicazione digitale, ha invitato gli utenti a non aprire mail che seguano dei chiari tentativi di phishing. Invita, anche a cestinare subito le stesse per evitare di incorrere in truffe o aprire dei file contenenti dei virus. In particolare, ecco i principali accorgimenti che è possibile ritrovare nella comunicazione dell’Agenzia delle Entrate datata al 02 febbraio 2018:

  • Utente falso e in genere associato al profilo generico di Agenzia Entrate o Agenzia Entrate Gov.
  • Falso oggetto contenente un dato generico come acconti o F24.
  • Collegamenti a link sui F24 che nascondono dei virus in caso di accesso.

L’Agenzia, consiglia anche di non scaricare nessun programma contenuto nelle suddette mail e che potrebbero danneggiare il proprio computer con un virus.

Il sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate come primo riferimento alle novità in materia di fisco

Ma allora come comportarsi per evitare ulteriori tentativi di phishing e fare riferimento solo a comunicazioni ufficiali dell’Agenzia delle Entrate? Una buona prassi, è di consultare periodicamente il sito ufficiale dell’Agenzia ed i provvedimenti emanati di recente. Proprio con riferimento all’F24, è possibile anche utilizzare il motore di ricerca interno che riporta a:

  • I modelli e le istruzioni per l’F24. Da poter scaricare direttamente sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate senza ricorrere a link esterni inviati da mail non conosciute.
  • Il software ufficiale dell’Agenzia delle Entrate per l’F24. Anche in questo caso, si tratta di procedere al download direttamente sul sito ufficiale evitando link esterni su mail non conosciute.

La ricerca consigliata per gli F24, potrà essere eseguita anche per trovare altri modelli ufficiali. Un esempio? Le ultime proroghe sullo spesometro 2018 o i nuovi modelli sugli studi di settori, disponibili sul canale ufficiale del Fisco.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in economia e commercio con una tesi in Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, si occupa della redazione di contenuti economici da oltre 4 anni.

Altri articoli interessanti