Jobs Act: ok definitivo in CdM di quattro decreti attuativi

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il CdM del 4 settembre approva gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act su ammortizzatori, semplificazioni, politiche attive e attività ispettive.

Lo scorso 4 settembre il Consiglio dei Ministri ha approvato, in via definitiva, gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act.

L’approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, arriva dopo che gli schemi di decreto erano stati approvati in via preliminare dal Governo e poi portati in lettura, così come prevede l’iter, presso le commissioni lavoro di Camera e Senato.

Questi ultimi decreti, sempre in attuazione del Jobs Act ovvero della legge 10 dicembre 2014, n. 183 sono:

  1. Disposizioni per la razionalizzazione e la semplificazione dell’attività ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale (decreto legislativo – esame definitivo);
  2. Disposizioni per il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e le politiche attive (decreto legislativo – esame definitivo);
  3. Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità (decreto legislativo – esame definitivo);
  4. Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro (decreto legislativo – esame definitivo).

Per la loro entrata in vigore non rimane quindi che il testo definitivo dei Decreti attuativi sia pubblicato in Gazzetta Ufficiale, presumibilmente nei prossimi giorni.

Decreto legislativo di razionalizzazione e semplificazione dell’attività ispettiva

Il decreto legislativo prevede, al fine di razionalizzare e semplificare l’attività ispettiva, l’istituzione dell’Ispettorato nazionale del lavoro.

Riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive.

Viene istituita una Rete Nazionale dei servizi per le politiche del lavoro, coordinata dalla nuova Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (in acronimo ANPAL), e formata dalle strutture regionali per le Politiche attive del Lavoro, dall’INPS, dall’INAIL, dalle Agenzie per il lavoro e dagli altri soggetti autorizzati all’attività di intermediazione, dagli enti di formazione, da Italia Lavoro, dall’ISFOL nonché dal sistema delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, dalle università e dagli altri istituti di scuola secondaria di secondo grado.

Decreto semplificazioni, altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità.

Le disposizioni contenute nel decreto possono essere suddivise in tre gruppi fondamentali. Il primo concerne la semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese; il secondo i rapporti di lavoro; il terzo le pari opportunità.

Decreto legislativo per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro

Le disposizioni contenute nel decreto sono improntate a tre obiettivi:

  • Inclusione
  • Semplificazione
  • Razionalizzazione
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti