Voucher, le FAQ della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Approfondimento sui voucher per lavoro occasionale di tipo accessorio della Fondazione Studi CdL dopo l'entrata in vigore del correttivo al Jobs Act

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha rilasciato un’utile approfondimento sui voucher per lavoro occasionale di tipo accessorio dopo l’entrata in vigore del correttivo al Jobs Act D. Lgs n.185/2016 lo scorso 8 ottobre.

Leggi anche: Decreto correttivo del Jobs Act in Gazzetta Ufficiale, in vigore dall’8 ottobre

Si tratta dell’approfondimento del 18 ottobre 2016, rilasciato sotto forma di FAQ, ovvero domande e risposte più frequenti circa il corretto uso dei voucher, per chiarire alcuni punti controversi a seguito dell’emanazione della Circolare n. 1/2016 dell’INL, Ispettorato Nazionale del Lavoro sulle nuove comunicazioni introdotte dal D. Lgs n.185/2016 (correttivo del Jobs act) ed entrate in vigore l’8 ottobre 2016.

Leggi anche: Comunicazione dei Voucher, istruzioni dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

L’approfondimento si compone in tutto di otto quesiti tra cui ad esempio il caso in cui il luogo di lavoro non coincida con la sede legale, oppure se si debbano inviare modifiche o integrazioni all’Ispettorato, oppure per chiarire i dubbi sul regime sanzionatorio in vigore nel periodo compreso fra l’entrata in vigore delle nuove regole sui voucher e la pubblicazione della circolare dell’Ispettorato.

Voucher, le FAQ della Fondazione Studi

  1. A quale sede dell’Ispettorato devo inviare l’email con la nuova comunicazione, nell’ipotesi in cui la sede legale non coincida con il luogo di lavoro?
  2. Quanti lavoratori al massimo possono comunicare nell’email?
  3. E’ possibile effettuare la trasmissione dell’ email all’Ispettorato anche dall’indirizzo email del Consulente del Lavoro?
  4. Per l’invio dell’ email posso utilizzare la posta elettronica ordinaria o devo inviare una PEC?
  5. Quale regime sanzionatorio vige per il periodo dall’8 ottobre 2016 (data di entrata in vigore del D. Lgs correttivo) al 17 ottobre 2016 (data di emanazione della circolare dell’Ispettorato)?
  6. Posso inviare un SMS invece dell’ email con i dati richiesti dalle nuove regole?
  7. L’ email sostituisce l’attivazione del voucher (dichiarazione di inizio attività) all’Inps?
  8. Le modifiche e le integrazioni come e quando vanno comunicate all’Ispettorato?
  FAQ Fondazione Studi sui Voucher (617,2 KiB, 1.064 download)

Fonte: Consulenti del Lavoro

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti