Tabelle Assegni Familiari 2011-2012

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


INPS, livelli di reddito familiare per il pagamento dell’assegno per il nucleo familiare dal 1° luglio 2011 al 30 giugno 2012.

Con la circolare n. 83 del 13 giugno 2011, l’Inps rende note le nuove tabelle dei livelli di reddito familiare per il pagamento dell’assegno per il nucleo familiare in base ai nuovi livelli reddituali per il periodo 1° luglio 2011-30 giugno 2012.

Update del 08/06/2012: l’INPS ha reso note le nuove tabelle assegni familiari 2012/2013, clicca qui per scaricarle

In base ai calcoli effettuati dall’ISTAT, la variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo tra l’anno  2009 e l’anno 2010 è risultata pari all’1,6%. In relazione a quanto sopra, sono stati rivalutati i livelli di reddito in vigore per il periodo 1° luglio 2010 – 30 giugno 2011 con il predetto indice.

Pertanto si invitano i lavoratori dipendenti e tutti gli altri aventi diritto a ripresentare il nuovo modello compilato per la corresponsione degli assegni familiari in base ai redditi del 2010 e alle nuove tabelle che trovate in allegato al presente articolo.

  Tabelle assegni nucleo familiare 2011/2012 (548,0 KiB, 168.469 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • Marco

    Buongiorno,
    nella compilazione della domanda per assegni familiari, se si possiede solamente la prima casa(50%) si deve inserire il valore nella casella "altri redditi"?
    Preciso che non presento 730.
    grazie,Marco

    • Annamaria

      Si va inserito, così come chiaramente indicato nelle istruzioni del modello ANF/DIP, alla pagina 4/8 cne dice "nella seconda colonna devono essere indicati i redditi di qualsiasi natura… al lordo dell'eventuale detrazione dell'abitazione principale". E' evidente che l'abitazione principale, pertanto, vada considerata. Nel suo caso, tra l'altro, se l'altro 50% è posseduto dal coniuge, dovrà indicare il relativo reddito nella seconda riga.

      Saluti, Annamaria

  • Si, ti conviene inserire il valore in altri redditi, tanto non influirà più di tanto…

  • gianna

    genitore di un bambino DSA
    salve a tutti…..parliamo dell articolo 6 della Legge 170/2010…………..dove il genitore lavoratore che segue il bambino nelle attività scolastiche e nello svolgimento dei compiti a casa ha diritto di usufruire un orario flessibile di lavoro………
    Be…io sono un collaboratore scolastico è mi trovo da poco tempo in questa probblematica….per orario flessibile si intende o per lo meno lo intendono nella scuola dove lavoro agevolazione orario ingresso/uscita dal lavoro, ma chi potrebbe essere impegnato anche in orario pomeridiano non ha diritto a nessun agevolazione?…..Allora dico a me stessa perchè la legge dice, SEGUE IL BAMBINO NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE E NELLO SVOLGIMENTO DEI COMPITI…..lascio a voi il compito di farmi comprendere………

  • elena

    buonasera, volevo una delucidazione in merito agli assegni familiari per i figli per coppie nn sposate, noi siamo entrambi lavoratori dipendenti io però posseggo un reddito molto piu basso nn arrivo a 10.000 euro mentre il compagno supera i 20.000.
    Abitiamo nella stessa casa, siamo nello stesso nucleo familiare e usufruiamo delle detrazioni bambino al 50%.
    La mia domanda è questa: quando compilo la richiesta degli assegni devo dichiarare il reddito del mio compagno? facciamo reddito comune? o nn essendo sposati devo dichiarare solo il mio?
    Grazie in anticipo delle eventuali risposte che riceverò

    • ciao Elena, puoi dichiarare o l'uno o l'altro reddito indifferentemente… nel nucleo dovrai inserire 2 persone.

      • elena

        quindi posso dichiarare solo il mio che è piu basso e percepire quindi un assegno piu alto? ho paura di infrangere qualche legge…ma del resto sul modello inps nn è menzionata la voce compagno convivente o cose simili…noi nn siamo considerati una famiglia nonostante i 2 figli giusto?

    • giuseppe

      non credo che si possa dichiarare l'uno o l'altro reddito. per le famiglie regolarmente sposate la legge impone la somma di entrambi i redditi e il figlio può essere a carico o del maggior dichiarante o al 50% tra i due. la scelta ovviamente implica un diverso importo nell'uno o nell'altro caso . presumo che facendo parte dello stesso nucleo familiare le norme siano uguali alle famiglie sposate.

    • isabella

      come prima cosa serve l'autorizzazione dell'inps ad inserire i figli nel tuo nucleo familiare. c'e' un apposito modulo da scaricare e compilare . la dom,anda all'inps, convenga che la presenti quello che ha il reddito piu' basso. dopo aver ottenuto l'autorizzazione dall'INPS, compili il modulo ANF indicando i dati del richiedente (con redditi + bassi) e i due bambini….. il convivente non viene considerato.
      Isabella

      • elena

        grazie mille! 😉

        • Antonio

          E' corretto come dice Isabella, io questa pratica l'ho già fatta. Per ottenere l'autorizzazione dall'INPS serve (contestualmente) una dichiarazione del tuo compagno che ti autorizza ad averre in carico il vostro bimbo.

          • letizia

            SEI CERTO DI QUELLO CHE DICI ? DEVO FARE LA STESSA PRATICA E NON VORREI FARE
            FIGURE DI M…….. CIAO

  • pasquale

    Salve sono Pasquale, avrei una domanda da fare a chi ne sa più di me! Ho un reddito pari a 10000 euro il mio assegno familiare è di 258,33 euro in base alla tabella inps, il mio problema e che da gennaio 2011 il mio assegno è diminuito o meglio oscilla nei mesi vi spiego: Gennaio 198,00-Febbraio 198,00-Marzo 258,33- Aprile 208,00- Maggio 258,33 come mai? E l'azienda che mi trova scuse banali o effettivamente e così. Se per favore mi date una risposta a questo mistero, e se possibile chiedere alla azienda quei soldi che mi sono stati tolti nei mesi passati. grazie

    • FILIPPO

      l'importo dell'assegno familiare e' stabilito dalle tabelle inps ,con una rivalutazione annua,sull'ammontare del reddito percepito l'anno precedente.
      faccio un esempio :nell'anno 2009 hai un reddito di 20000 euro il nucleo familiare e' composto da 4 persone te compreso per l'anno 2010 l'assegno familiare ammonta a circa 200euro.
      visto che l'ammontare dell' assegno familiare e' stabilito in base al reddito ed ai componenti il nucleo familiare come fa' ad oscillare?
      Ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato SERIO di quelli che cura realmente gli interessi del lavoratore,oppure ad un patronato inca

      • Mario Rossi

        Oscilla perchè l'azienda fa figurare meno di 26 giorni di presenza al lavoro, molto semplice.

        • può essere, ma deve scendere sotto le 24 ore settimanali, soglia minima per prendere l'assegno intero, al di sotto delle 24 ore l'assegno diventa giornaliero

  • piera

    Buonasera! Ad aprile è nata la mia bimba. Volevo fare richiesta per gli assegni familiari ma il commercialista ha detto che non mi spettano. Io sono una lavoratrice dipendente con reddito di 13000 € lordi annui. Mio marito è artigiano ed ha un reddito di 20000 € annui. E' vero che non ci spetta nulla? Qualcuno può darmi una risposta?? Grazie.

  • Monia

    Buongiorno, per reddito familiare ci si intende isee?

    • piero

      No. per reddito familiare si intende la somma dei redditi lordi annuali dei due coniugi

  • anna

    salve io ho un reddido da lavoro dipendente mentre mio marito ha una perdita da lavoro autonomo quadro g la perdita si sottrae dal reddito dipendente ai fini di cumulo degli assegni familiari

    • Credo di si, ma non vorrei sbagliarmi, ti consiglio di rivolgerti ad un buon patronato, loro sono esperti in materia.

  • ilaria de simone

    salve, io non hoo reddito e un bimbo di 5 mesi. dove posso rivolgermi per la richiesta di assegno familiare? grazie ilaria

  • TROPEA

    Buonasera, ho una figlia che da poco ha fatto 18° anni. Ho ancora diritto all'assegno familiare se è ancora studente?
    Grazie

    • Ciao Tropea, è un dubbio molto comune, purtroppo no, a meno che tu non abbia 3 o più figli. Però puoi continuare a metterla a carico per la dichiarazione dei redditi.

      • nonsò

        salutatemi brunetta e chiedetegli : una ragazza che ha appena compiuto 18 anni e va a scuola cosa deve fare per non pesare alla famiglia ? sta a casa con i genitori e continua a fare la brava ragazza andando a scuola , ho ! visto che al mondo l ' unico lavoro certo è quello più vecchio del mondo ? visto che si è appena sposato se diventa genitore provi lui a mantenere una famiglia in modo onesto e dignitoso con lo stipendio di un lavoratore dipendente super tassato senza diritti ma con tanti doveri !!!! viva il popolo Sovrano ?!

  • oberdan

    Buongiorno, sono un neo pensionato ( dal 1° luglio) e vorrei inviare all'INPDAP la richiesta per l'aggiornamento degll'assegno per il nucleo familiare. ora il mio carico familiare è composto da me, mia moglie casalinga, una sorella invalida al 100% una figlia di 10 anni, un'altra di 20 anni studentessa universitaria e infine una di 22 anni apprendista che nello scorso anno ha avuto un reddito di oico più di 1.400 €
    Chiedo di sapere se questa mia ultima figlia sia da considerare nel numero dei componenti del nucleo familiare.

  • Sarah

    Salve,
    sono mamma di due bambini, nubile ed affidataria esclusiva…come calcolo gli assegni se nelle tabelle da per scontata la presenza di un coniuge??
    Grazie, Sarah

    • Ciao sarah, quando apri il foglio excel devi guardare in basso a sinistra, trovi una serie di linguette, tu devi scegliere la seconda, Tab.12 Riguarda i "NUCLEI FAMILIARI CON UN SOLO GENITORE E ALMENO UN FIGLIO MINORE IN CUI NON SIANO PRESENTI COMPONENTI INABILI"

    • ciao anche io sono affidatario escusivo delle mie due figlie la prima volta son dovuto andare all' INPS e con quel foglio/i successivamente andrai dal datore di lavoro che ti farò compilare il foglio di richiesta appositamente redatto. P.S. ricordati che la richiesta è rifaerita al periodo contribuitivo 2011/2012 con riferimento al cud 2011 (redditi ed assimiliti 2010) Ciao

  • milena longo

    ciao a tutti!!!!!! qualcuno cortesemente mi potrebbe spiegare come si deve fare a vedere le graduatorie per borsa di studio, per alloggio e per mensa??????

    • Ciao Milena non saprei come aiutarti, perchè non provi a rivolgere questa domanda nel Forum, specificando meglio le tue richieste??

  • Matteo

    Salve vorrei alcuni chiarimenti che non riesco a capire, io e la mia compagna conviviamo e abbiamo avuto da 9 mesi un bambino, entrambi siamo lavoratori dipendenti circa 1300 euro al mese, vorrei sapere se abbiamo diritto al contributo per il figlio. (il figlio è a carico al 50%)
    Grazie Matteo

    • Ciao Matteo, purtroppo uno solo dei genitori può prendere l'assegno per il figlio, questo perchè non siete sposati e purtroppo per la legge è un requisito essenziale. Quindi non c'entra il fatto di mettere a carico il figlio al 50%, quello è un altro discorso.

      • Matteo

        Inanzitutto grazie per la risposta e vorrei domandare ancora un paio di cose per conferma giusto per non fare errori nella richiesta.
        -conviene fare la domanda a chi ha il reddito più basso o è obbligato chi ha quello più alto
        -il modulo è sempre quello assegni al nucleo familiare non è uno diverso
        -la tabella è la 12 e i redditi dei due genitori non vanno sommati ma preso quello che ha il reddito più basso
        -possiamo chiedere gli arretrati

        grazie ancora per la cortesia e per le risposte finalmento a risolverò tutti i miei dubbi

        • Ciao Matteo, può chiedere l'assegno anche chi ha il reddito più basso, potete chidere gli arretrati, il modello è lo stesso, la tabella è quella un solo genitore più figlio minore e il reddito è solo il suo…

    • piero

      Ciao. Devi guardare la tab. 12
      NUCLEI FAMILIARI CON UN SOLO GENITORE E ALMENO UN FIGLIO MINORE
      Saluti

  • Ruggiero

    L'assegno familiare viene calcolato in base al reddito, volevo farle questa domanda: influisce anche l'abitazione? Grazie

  • Ruggiero

    L'assegno familiare viene calcolato in base al reddito, volevo farle questa domanda: influisce anche l'abitazione? Grazie

    • Ciao Ruggiero, se guardi bene a fine modulo nella parte riguardante il reddito puoi notare che viene richiesto il tipo di dichiarazione dei redditi, quindi se hai solo redditi da lavoro dipendente avrai come dichiarazione il CUD, se invece fai il 730 o l'Unico allora probabilmente hai anche redditi da abitazione…

  • teresa

    salve sono teresa ogni anno faccio la domanda per assegno nucleo famiglia e hanno sbagliato a darmi l'importo o meglio dire mi davano il doppio dell'importo che mi toccava, quando mi sono accorta di questo l'ho fatto presente e ogni mese li devo restituire.Bene ma mi chiedo loro hanno sbagliato perche devo restituirli? qualcuno sa se c'è una normativa a riguardo.Vi ringrazio anticipatamente per il vostro aiuto.Grazie.

    • Loro hanno sbagliato, ma non è il datore di lavoro che ti da gli Assegni, è l'INPS che li paga tramite il datore di lavoro. Quindi vuol dire che se non li restituisci, l'INPS può chiedere i soldi indietro al datore e il datore può chiederli indietro a te. Mi sembra giusto, no?

  • Cinzia84

    Salve,chiedevo qualche delucidazione:
    1-abitando con i suoceri(quindi stesso nucleo famigliare),per quanto riguarda l'assegno famigliare devo considerare anche i loro redditi?O solo quello mio e di mio marito?
    2-Percepiamo già la detrazione al 50% x figli a carico. L'assegno famigliare è la stessa cosa o è una cosa in più?
    3-Nelle tabelle viene indicato l'importo mensile?
    Ringrazio anticipatamente!!!Buona giornata!!

    • Ciao Cinzia i suoceri puoi lasciarli fuori dal nucleo familiare, per i redditi dovrai indicare quelli tuoi e di tuo marito, ma solo se sono al 70% da lavoro dipendente… infine gli assegni non c'entrano con le detrazioni che sono un'altra cosa. Per chiarirti ogni dubbio ti invito a rivolgerti ad un patronato, almeno per la prima compilazione dei modelli per la richiesta..

  • federica

    salvo volevo porle un quesito :
    io e il mio compagno conviviamo (non siamo sposati) e abbiamo avuto un bambino (lo stato di famiglia anagrafica ci elenca tutti e tre assieme), entrambi siamo lavoratori dipendenti . per le detrazioni fiscali abbiamo messo il figlio in carico al 100% al padre. Gli ANF li deve richiedere chi ha il figlio in carico o li posso richiedere io (visto che ho il reddito piu' basso) ? nel caso devo compilare io il mod anf42 + dichiarazione di non richiesta anf da parte del padre ? una volta avuto il modulo anf43 da parte dell'inps, quando compilero' la richiesta anf con modulo afn/dip devo inserire solo i miei redditi o anche quelli del padre ?
    Grazie Matteo

    • gli assegni li puoi chiedere tu o il tuo compagno. Nel modello anf/di dovrai inserire solo i tuoi redditi, e il nucleo formato da te e tuo figlio, ovviamente giusta la procedura per anf/42, puoi trovare il modello aggiornato anche sul nostro sito.

      • roberto

        ma se sono residenti insieme il loro nucleo familiare e' di tre persone per cui devo no sommare i loro redditi nella richiesta di assegni .perche ' dici che il nucleo e' formato solo da 2 ?

        • Ciao Roberto, nel caso di coppie non sposate con figli, anche se fanno parte dello stesso nucleo familiare, per il calcolo degli assegni va inserito solo il reddito del genitore che presenta la domanda e la domanda può essere presentata solo per genitore + figlio minore.

          Sono certo che il calcolo si effettui così, a meno che qualcuno può dirmi con certezza che stò sbagliando…

          • Andrea Donega'

            Scusa ma stai sbagliando se i due conviventi fanno parte dello stesso nucleo familiare devono dichiarare tutti i redditi che percepiscono . Infatti nelle varie tabelle è sempre inserito Reddito Familiare Annuo non reddito di chi prende meno (e credo che sia anche eticamente più corretto, se no diamo assegni familiari a chi va in giro con la porche del padre non sposato )

          • converrai con me che nelle tabelle non si parla mai di convivenze però… ma di moglie e marito. Sei certo che vadano inseriti entrambi o la tua è solo una riflessione sull'etica? Perchè potrei anche sbagliare, ma visto che qui ci leggono in tanti è bene dire le informazioni con certezza… ben vengano ulteriori chiarimenti in merito, lo dicevo anche nei precedenti commenti.

          • Manuela

            Esperienza personale: coppia non sposata con minore. ho fatto domanda senza indicare reddito del padre anche se inserito nello stato di famiglia e residente nello stesso appartamento. Hanno accettato la domanda…

  • maria

    salve ho fatto richiesta all' inps x ricevere gli anf sulla sua pensionetramite caf da
    09 /2010
    non ho avuto ancora niente nè comunicazioni
    la mia domanda è questa sono persi?????????????'

    • ciao Maria prova a chiedere direttamente all'inps al numero verde 803164

  • marco tomasello

    salve io sono separato da mia moglie dal 21/07/11 volevo chiedere se era possibile far prendere l'assegno familiare della bimba a lei ma le detrazioni al 100% rimanere a me visto che ho il reddito piu' alto.
    Grazie

  • marco tomasello

    salve io sono separato da mia moglie dal 21/07/11 volevo chiedere se era possibile far prendere l'assegno familiare della bimba a lei ma le detrazioni al 100% rimanere a me visto che ho il reddito piu' alto.

    • roberto

      certo se la tua ex lavora puo' richiedere lei direttamente gli assegni familiari ma prima deve farsi autorizzare dall'inps compilando il modulo anf42 che gli permettera' di avere l'autorizzazione anf43 . una volta ottenuto questo lo deve allegare all' anf/dip che e' la richiesta di assegni familiari da consegnare al datore di lavoro , se lei non lavora puoi fare la stessa cosa te dal tuo datore di lavoro ma gli assegni devi darli a lei .
      per quanto riguarda le detrazioni quelle per legge vanno divise a meta' ed e' un rischio prenderle tutte te al 100% perche se non andate daccordo lei puo fare la richiesta della sua parte e a te ti arriva una bella sanzione . se poi andate daccordo puoi richiederla tutta te e poi gli devi comunque dare la sua meta' . poi fate voi .

  • Matteo

    salve volevo avere un chiarimento ,io sono nelle stesse condizioni di Federica nel post di 4 giorni fà,noi abbiamo avviato la pratica all' inps, con ducumento anf di rinuncia da parte del padre e stato di famiglia composto da 3 persone, non riesco a capire perchè quando eseguiro la richiesta degli assegni famigliari mi sembra che dovro indicare come numero componenti 2 (nel mio caso madre e figlio) e non 3 (comunque se dovessi mettere 3 persone madre, figlio e padre non uscirei dalla tabella per diritto all'assegno?). Perchè devo inserire 2 persone e perchè all' INPS mi chiedono lo Stato di famiglia dove è indicato 3 componenti?

    • roberto

      se nello stato di famiglia risultate tutti e tre dovete mettere i redditi di madre e padre , con le tabelle se rientri prendi veramente poco ,altrimenti te devi cambiare residenza.

      • roberto

        comunque in materia c'e' molta confusione e sinceramente vedo che antonio maroscia dice il contrario di me e cioe' che devi considerare il reddito del solo genitore che fa la domanda . io sto nella tua stessa situazione ma ho la residenza in un'altra parte pur vivendo insieme e quindi non risulto sullo stato di famiglia.

  • michele

    sono un dipendente statale vorrei sapere avendo mia moglie a carico sullo stato di famiglia e mia figlia con il marito e i figli minori di 18 anni se mi toccano gli assegni familiari dei nipotini.

    • Ciao Michele, per poter ricevere gli assegni anche per i nipoti a carico, devi chiedere l'autorizzazione all'INPS con modello ANF42. Comunque ti consiglio di rivolgerti ad un patronato per questa pratica

  • michele

    possibilmente se cè qualche risposta se mi puoi inviare un email grazie

  • tiziana

    ciao sono Tiziana io e il mio compagno conviviamo e abbiamo una figlia lui ha un attività propria e io sono dipendente presso un centro commerciale. nella scorsa busta paga non era presente l'assegno familiare e la mia titolare ha pensato fosse un errore. nell'ultima non è risultato dinuovo, così ha chiamato credo il commercialista chiedendogli perchè e glia ha risposto che devo andare all' inps per farmi dare un modulo che specifichi che io non sono sposata. e' una cosa normale?
    da premettere che sulla domanda degli assegni io inserisco solo il mio reddito e mia figlia. e' giusto così o dovrei inserire anche il reddito del mio compagno?

    • roberto

      infatti devi andare all'inps e riempire il modulo l'ANF 42 che serve per farsi rilasciare l' ANF 43 e cioe ' l'autorizzazione dell'inps a richiedere l'assegno familiare per la figlia che hai avuto dalla convivenza (servono alcuni documenti come lo stato di famiglia uso assegni familiari , una auto certificazione firmata del tuo compagno che dichiara di non percepire assegnui familiari per la stessa figlia e fotocopia documento ) .Una volta ottenuto l'ANF43 questo lo devi allegare alla domanda di assegni familiari che si fa compilando il modulo ANF/DIP e poi il tutto va consegnato al datore di lavoro che tempo due mesi ti fara' avere in busta paga la quota che ti spetta a seconda del reddito che avete dichiarato . il reddito da dichiarare e' quello della madre e anche del padre se ha la residenza con voi .

      • roberto

        comunque in materia c'e' molta confusione e sinceramente vedo che antonio maroscia dice il contrario di me e cioe' che devi considerare il reddito del solo genitore che fa la domanda . io sto nella tua stessa situazione ma ho la residenza in un'altra parte pur vivendo insieme e quindi non risulto sullo stato di famiglia.

  • ciro66 napoli

    gli assegni per nucleo familiare cambiano in base al tipo di contratto?
    tra un full-time,e un part-time, entrambi a termine indeterminato?

  • ciro66 napoli

    gli assegni per nucleo familiare cambiano in base al tipo di contratto?

  • Antonella

    Salve!volevo sapere se il mio compagno può richiedere gli assegni familiari per me e per mia figlia nata da un mio precedente matrimonio,essendo separata.

    • Ciao Antonella, non sono in grado di darti una risposta certa, ti consiglio di rivolgerti ad un patronato.

  • Helga

    Buon giorno. Io ed il mio compagno siamo conviventi, a Settembre è nata la nostra piccola Carlotta. Per la richiesta degli assegni famigliari ho fatto fare la richiesta al mio compagno (reddito 28.000) ,ma la ditta gli ha risposto che non abbiamo diritto a percepirli. Come mai? Qualcuno può spiegarmelo per favore? Grazie mille Helga

  • luigi

    salve,ho un reddito che non supera i 15000 euro l'anno, quanto dovrei percepire,al mese,per moglie a carico?preciso che sono un lavoratore dipendente..ma oltre all'assegno per mia moglie dovrei avere anche uno sgravo fiscle dell'irpef? attendo una risposta dal professionista grazie

    • l'assegno per quest'anno è di 36,15 € ; la tabella da considerare è la 21a. Per le detrazioni Irpef puoi richiederle a inizio anno al datore di lavoro tramite apposito modello, oppure puoi dichiarare la moglie a carico nel 730

      • luigi

        grazie antonio…

  • emanuela

    buongiorno mio marito è dipendente ed ha carico sia il coniuge che due figli minori il reddito non supera i 17850,00 vorrei sapere quanto è l’assegno mensile spettante? visto che il consulente dell’azienda di mio marito non è sicuro !!!!grazie

  • carmine

    lavoro presso un azienda (consorzio), convivo ho una figlia nata dalla convivenza ,la scheda anagrafica e' composta da me , la mia compagna ,la figlia ,la madre e mia figlia avuta con la mia compagna.Volevo sapere l'importo dell'assegno familiare per mia figlia e quanto sono le detrazioni che ni spettano . il mio reddito annuale e ' inf a 7500 euro

    • ciao Carmine, l'importo è di 137,50 però devi richiedere l'autorizzazione all'iNPS tramite modello anf42. Ti consiglio di rivolgerti ad un patronato per fare al meglio tutta la pratica

  • Mariano

    Ciao ho un reddito di 22.363 € e sono sposato, vorrei sapere se ho diritto all'assegno per l'anno 2011-2012? Grazie saluti

    • Ciao Mariano nel tuo caso il limite di reddito è 22.196,14 €, al di sopra non spettano assegni. Comunque con un reddito più basso cioè compreso fra 19000 circa e 22.196,14 € l'assegno spettante sarebbe stato di 10.33 €…

  • andrea

    Ciao ho un reddito di 16.612 € e sono sposato, vorrei sapere se ho diritto all'assegno per l'anno 2011-2012? Grazie

    • Si Andrea, puoi richiedere l'assegno che è di € 25.82 per le famiglie composte da moglie e marito senza figli.

  • Nora

    Buongiorno, mi chiamo Nora e vorrei porre quanto segue:
    Io ho un figlio naturale riconosciuto dal padre, ho sempre richiesto io l'assegno familiare (autorizzazione rilasciata dall'inps) in quanto vive con me. Il prossimo anno (marzo 2012) mi sposo con il mio fidanzato, subito non avremo la stessa residenza per il vincolo di prima casa da parte sua. Io sono attualmente disoccupata, quindi il mio futuro marito richiederà l'assegno familiare per moglie a carico. Mio figlio naturale potrà rientrare anche lui nella richiesta di assegno familiare in quanto farà parte dello stesso nucleo? Rimango in attesa di un Vostro cortese riscontro e ringrazio anticipatamente.

    • Ciao Nora, per sicurezza sono andato a rileggermi la scheda dell'INPS, il tuo futuro marito potrà includere sia te che tuo figli per la richiesta di ANF, ma sempre con la procedura di autorizzazione tramite modello ANF42 da presentare all'INPS… infatti nel sito dell'INPS è specificato che tramite ANF42 è possibile richiedere l'autorizzazione anche per figli del coniuge nati da precedente matrimonio.

  • ferdy

    ma il modulo per presentare domanda dove lo trovo???

  • giuseppe

    ciao ,sono sposato e con figlio a carico, con un reddito di circa 16000 €,a gennaio avrò anche la moglie a carico,quanto andrò a prendere di assegno familiare e come cambieranno le ritenute irpef

  • salma

    ciao sono salma ho fatto la domanda x gli assegni famigliari,la pratica e' partita e andata a buon fine ed ho ricevuto il primo assegno ,nel frattempo ho cambiato comune di residenza, e la mia domanda e': se qualcuno e' a conoscenza se devo ripresentare un'altra domanda nel nuovo comune x il secondo assegno oppure arriva ancora nel vecchio comune di residenza e dovrei aggiornare all'inps solo il nuovo indirizzo?mi risponda qualcuno x cortesia sto diventando matta a sentire ognuno cosa pensa,io voglio che qualcuno mi risponda con certezza ed e'ben informato sul fatto,grazie milleeeeeeeeeeeeeee

    • Ciao Salma, l'INPS dovrà pur essere avvisato che hai cambiato residenza… altrimenti dove ti manderà i soldi? Comunque la risposta più certa puoi averla solo da loro, puoi contattarli al numero verde 803164… la ciamata è gratuita e li ci sono persone pagate solo per rispondere a queste domande 😉

  • zambroni simona

    Ciao mio marito a un lavoro come agricoltore a tempo determinato e abbiamo una bambin a di 4 anni e mezzo, volevo sapere cosa prendera al mese mio marito di me e mia figlia a carico???
    In attesa di una Vostra risposta
    distinti saluti

    • Ciao Simona, dipende da un bel po' di fattori, ti consiglio di rivolgerti ad un buon patronato per farti tutelare al meglio

  • cristina

    Salve, sono una colf con contratto part-time di 12 ore a settimana, percepisco circa 380 euro al mese e unico reddito, separata con figlio a carico senza prendere assegno di mantenimento per il minore che , anche se spetterebbe, nn arriva perche il padre disoccupato. Ho fatto la domanda per assegni familiari che e' stata accettata dall'inps. Volevo sapere quanto dovrei percepire al mese, tenendo presente la mia situazione, circa 26 gg di lavoro al mese e unico reddito. Mi hanno detto che anche per le colf la tabella sarebbe la 12, per cui facendo due calcoli dovrei percepire circa 119 euro al mese, e' corretto oppure mi hanno spiegato male? e' vero che questi soldi li eroga direttamente l'inps una volta l'anno, e se si, sono al netto di tasse o ci va applicata una trattenuta?
    scusate le tante domande, ma come immaginerete, visto il mio misero stipendio mi farebbero davvero comodo…….
    Grazie dell'aiuto

    • Ciao Cristina, l'importo dipende dal tuo reddito nel 2010, invece da luglio dal reddito del 2011, in base al tuo nucleo familiare. Se ti hanno detto quell'importo probabilmente hanno controllato le tabelle e quindi è l'importo esatto. Per le trattenute non ci sono.

  • CRISTINA NICOLI

    sono stata assunta il 5 dicembre 2011; sono separata con due figli a carico…i miei redditi del 2010 sono composti da un reddito dovuto ad un'affitto che nel 2011 non percepisco più e da lavoro a progetto…ho diritto agli assegni famigliari da subito o devo aspettare a giugno per fare la domanda(quando avrò la dichiarazione dei redditi dove figurerà solo il lavoro a progetto)?il mio reddito complessivo è di 12375 euro lordi

    • Ciao Cristina, così è difficile risponderti, ti consiglio di farti aiutare da un buon patronato, anche perchè probabilmente dovrai richiedere anche gli arretrati nel caso in cui ne avessi diritto

    • gaetano

      gli assegni familiari spettano a tutti e subito dal mese di dicembre anche se arriva con un mese di ritardo

  • erika

    Buongiorno mi chiamo Erika,e gli spiego la mia situazione:
    Sono fidanzata con un militare e conviviamo, al momento sono disoccupata però vorremmo sposarci. Lui può richiedere l'assegno famigliare per me che sarò al suo carico? grazie mille!!!

    • Ciao Erika, fin quando non sarete sposati il tuo fidanzato non potrà prendere gli assegni anche per te..

  • angela

    ciao sono Angela ho 3 figli la prima combie 18 anni continua ad antare a scuola per quanto riguarda gli assegni non mi viene piu retribuito? perchè se mia figlia non lavora studia. grazie!!

    • ciao Angela, possono avere gli assegni per i figli maggiorenni studenti fino a 21 anni solo le famiglie con almeno 4 figli sotto i 26 anni

  • Giuseppe

    Salve,mi chiamo Giuseppe Greco (operatore ecologico)Autista a Gela(CL). Per tutto il 2011 il mio assegno familiare è stato di euro 47,29 con la tabella 11 ed una figlia minore è giusta la cifra ?

    • fernando

      Nel suo caso la tabella dovrebbe essere la dodici. Comunque dipende tutto dal reddito famigliare anche se mi pare che la cifra di 47 euro sia molto al di sotto di quello che dovrebbe essere. Tanto per dirne una con un reddito di 13 mila euro dovrebbe essere di 137 euro, con un reddito di 16 mila euro dovrebbero essere di 116 euro.Provi a parlarne con la sua azienda e se c'è qualche problema puo sempre richiedere gli arretrati.

  • RCC

    Buongiorno sono dipendente di Poste Italiane dal 1990 sono separata con tre figli minori a carico; il reddito del 2010 17410,00 lavoro partime con 24 ore settimanali. Mi sapete dire a quanto ammonterebbero gli assegni familiari; percepisco 274,00 euro mensili, è giusto???? Grazie anticipatamente

    • fernando

      Il suo assegno famigliare e legato, purtroppo all'orario settimanale. L'importo dovrebbe essere più del doppio.se solo l'orario settimanale fosse almeno di 25 ore. Ho lo stesso problema anche io, ho quattro figli minori ma l'anf che mi danno è meno della meta per questa norma assurda.

      • RCC

        Quello che dice signor Fernando l'ho pensato anche io, ma nella normativa che gestisce gli assegni familiari ho letto che per un orario di 24 settimanali (almeno) spettano gli assegni familiari per intero. Per questo ho scritto su questo sito, per capirne un po' di più. Comunque grazie anticipatamente per la risposta. A presto

      • enza

        salve ferdinando se puo aiutare anche me le sarei grata, io sono mamma di 5 bimbi, ma per gli arretrati degli assegni familiari ne devo contare 4 perchè la piccola è nata dopo la cessione del rapporto di lavoro, io sono stata assunta 8 novembre 2010 e scaduto contratto il 31 marzo 2011, il mio nucleo familiare è composto da me, il mio compagno e i 5 bimbi. quanto dovrei percepire se il mio reddito del 2009 era 306 euro e quello del 2010 era 1800 euro? grazie in anticipo. P.S: ero assunta partime a 20 ore settimanali anche se spesso ne facevo di più!

        • Ciao Enza, nel tuo caso, vista la complessità dei calcoli è altamente consigliabile far seguire la pratica ad un patronato o un libero professionista. Per fare dei calcoli sommari puoi provare ad usare il nostro calcolatore, ma purtroppo questo non è predisposto per i part-time https://www.lavoroediritti.com/calcolo-assegni-fam

  • suiss

    ciao a tutti dal 1 gennaio 2012 sono stato assunto al mio comune part time a 22 ore settimanali profilo bp ho due figli con meno di 18 anni più la moglie a carico +una figlia di 21 anni il reddito presentato 2010 era di 13.550,00€ quanto mi aspetta di assegno familiare grazie

  • giampaolo poletto

    ciao, sono insegnante di ruolo, ti, 1500 euro ca. mensili, celibe, 2 figli minorenni a carico, prossimo a matrimonio con persona straniera: dopo il matrimonio, quanto percepirei per il nucleo familiare con coniuge a carico e come cambierebbero le ritenute irpef? grazie

  • anna

    ciao sono anna e sono spoata e ho 2 figlii , marito disocupato lavoro solo io, ho il redito 9600 al anno quanto mi dovrebe venire il asegnio, aspeto una risposta da voi. GRAZIE MILLE

    • fernando

      Anna per aver diritto all'ANF il reddito deve essere almeno per 2 terzi derivante da lavoro dipendente. Cosi come hai detto, cioè, con 9.600, il tuo ANF è di € 258

  • roberta

    salve sono roberta vorrei sapere quanto mi aspetta di assegno sono assunta per 43 ore mensili. ho 2 figlie una di 4 anni e una di 18 che va a ascuola lei ha ancora il diritto di prendere assegno???????? grazie.

    • fernando

      Sul sito vi è un interessante link sugli assegni famigliari. Lì potra conoscere la somma spettante. Tenga presente che per le ore mensili che svolge il suo assegno potrebbe essere decurtato di moltissimo, dipende tutto non dalle ore lavorate ma dalle giornate che lavore a prescindee dalle ore che fa. Purtroppo non credo che sua figlia abbia diritto ad essere inserita nel nucleo famigliare dal compimento dei diciott'anni.

  • eleonora

    salve sono eleonora io con mia figlia di 2 anni viviamo con mia madre, che fatto domanda per gli assegni famigliari, quanto dovrei prendere per mia figlia?

    grazie

    • fernando

      Gentile Eleonora il quesito che ha posto è molto generico perche qualcuno possa darle una risposta precisa. La somma comunque non è tanto a persona ma viene calcolata per numero componenti nucleo famigliare, tipo e ammontare del reddito ed altri aspetti. Come avra visto sul sito c'è un calcolatore per assegno nucleo famigliare dove potrà fare il suo calcolo.

  • anna

    salve, sono una lavoratrice con assegno di ricerca, gestione separata, con due figli, per richiedere gli assegni familiari devo avere il 70 % del reddito familiare, mio marito è un lavoratore autonomo, ma il mio quesito è questo, per gli anf del 2011 devo presentare il reddito del 2010 più il 2009, e cosi via i due anni precedenti o non è cosi? grazie mi chiamo Anna

    • Per gli assegni relativi al primo semestre devi indicare i redditi del 2010, per il secondo semestre devi indicare i redditi 2011.

      Comunque per non avere dubbi ti consiglio di farti aiutare nella compilazione da un patronato, almeno la prima volta..

  • alex

    buona sera mi chiamo alex volevo sapere quando mi spetta come assegno familiare io e mia moglie lavoriamo tutte e due il nostro reddito è di trentasemilaeuro annuo.

    • fernando

      Alex, se non avete figli la vostra tabella di riferimento è la 21A e purtroppo visto il reddito, anche se rientrasse nel limite del 70% come reddito da lavoro dipendente, non avete diritto all'assegno. Diverso il discorso in caso di presenza di figli minori.

  • henchiri fathia

    ciao sono fathia ho 4 figlie sono disocupata pure mio marito ;come posso chiedee l assegno familire grasie.

    • fernando

      Purtroppo condizione essenziale è che tu o tuo marito siate lavoratori dipendenti. Se hai almeno tre figli minori ci sono gli assegni famigliari concessi dal tuo comune di residenza.

  • Salvatore

    sono un pensionato statale, con moglie e figlio maggiorenne di 24 anni, universitario. Mi spettano gli assegni familiari? L'INPDAP dice di no.in quanto maggiorenne.

    • fernando

      ha ragione l'inpdap purtroppo.

  • ionela

    come posso fare assegni familiari se mio figlio e residente in un altro paese? e a carico mio. Lavoro a tempo pieno (40 ore settimanali) da 3 ani e 2 messi e non ho mai ricevuto l'assegno. Poso ricevere anche i ani passati o solo quello da quando faccio la domanda?? grazie mille.

    • simona

      l'assegno si può ricevere anche per gli anni passati facendo la domanda tramite il datore di lavoro .puoi ricevere questi soldi in due o tre rate mensili.

  • Cristian

    Salve sono un dipendente Comunale con un reddito di circa 20.000 euro all'anno. Ho moglie e 4 figli a carico. I miei figli hanno 26 anni ed è disoccupato, 23 anni ed è apprendita, 18 anni ed è studente universitaria, e l'ultima di 11 anni. Quanto mi spetta?

    • fernando

      Allora, siccome tuo figlio maggiore ha gia compiuto i 26 anni viene a mancare il diritto di includere gli altri due di 23 e 18. La tua tabella di riferimento e la 11esima. Includi nel nucleo famigliare tua moglie e tua figlia undicenne. L'importo, per il tuo reddito e di € 78. Tieni conto che il reddito da dichiarare per l'anf deve essere riferito all'intero nucleo familiare, quindi anche del figlio apprendista e per il 70% deve derivare da lavoro dipendente. Un consiglio: recati da un patronato per sapere se si possono richiedere gli arretrati di quando tuo figlio aveva meno di 26 anni.

  • graziano

    salve sono tiziano da ferrara volevo sapere se mi spettano gli assegni del bimbo anche se la mia ex convivente e lui sono residenti a palermo .lei non lavora e non a reddito posso prenderli io?sono tre anni grazie

  • MARIANA

    CIAO !SONO MARIANA . LAVORO DA 4 ANI CON 30 ORE A SETIMANA…HO 2 FIGLII CHE STUDIANO IN ROMANIA E SONO SEPARATA DA 18 ANNI ,DIVORZIATA.HO DIRITTO PER ASEGNI FAMILIARE ,POSO FARE LA RICHIESTA PER ANNI PASSATI? ASPETTO LA SUA RIPOSTA …GRAZIE!

    • Gli assegni si prescrivono in 5 anni quindi in teoria fa ancora in tempo a richiederli; sempre che 4 anni lei era già lavoratrice dipendente. Comunque le consiglio di rivolgersi ad un buon patronato e vedere la pratica con loro.

  • MARIANA

    sczSCUZATEMI ,VI POSSO DIRE CHE FIGLII HANNO COMPIUTO TUTTI DUE 18 ANI,SONO IN MIO CARICO E SONO LA UNIVERSITA .PERO 4 ANI FA LORO AVEVANO MENO DI 18 ANI …LA MIA DOMANDA E SE HO DIRITTO PER ASEGNI FAMILIARI PER ANNI PASSATI?! GRAZIE MILLE.

  • GIUSEPPE

    SALVE, SONO UN PENSIONATO CON CONIUGE A CARICO E UNA FIGLIA CHE LAVORA REGOLARMENTE.VORREI SAPERE SE MI SPETTANO GLI ASSEGNI FAMILIARI ANCHE PER MIA FIGLIA O SOLO PER IL CONIUGE?

  • Tommy

    Salve Antonio, ho un quesito da proporle. Entro luglio nascera’ una bambina che si aggiungera’ alla nostra gia ben avviata famigliola, composta da 2 coniugi (padre lavoratore dipendente,madre casalinga), 2 figli minori, uno con legge 104 art.3 comma3,l’altro in attesa dalla medesima per problemi del linguaggio, e uno maggiore di 18 anni, compiuti a febbraio e in cerca di prima occupazione.Quello che preme sapere, c’è il cumulo di legge 104? Il maggiore rientra nell’ANF? Spero di essere stato chiaro nell’esporre il problema, saluti.

    • Ciao Tommy, il cumulo di 104 non mi risulta, comunque puoi provare a chiedere al numero verde INPS 803164. Invece per il figlio maggiorenne si può includere fino a 21 anni se apprendsista o studente ma solo in presenza di 4 figli fino a 26 anni.

  • giuseppe

    salve antonio siamo due coniugi sposati e siamo disoccupati abbiamo il dirito dell assegno famigliare 2011-2012? grazie

    • fernando

      Per avere diritto agli assegni famigliari almeno uno dei coniugi deve essere dipendente o titolare di indennità inps o pensionato.

  • Stefano

    Salve ma a quale tabella fare riferimento per un nucleo familiare con entrambi i genitori (stipendiati) e 3 figli maggiorenni studenti? (due 18enni e un 20enne). Grazie

  • fernando

    Stefano la sua tabella di riferimento è la 21A. Fino ad un reddito famigliare di € 12.685,40 la tariffa è di € 46,48 fino ad azzerarsi se il reddito è oltre i 22.196,14. Per i tre figli purtroppo non è dovuto niente.

    • Stefano

      Capisco.. Però ricordo che se i figli sono studenti, tra i 18 ai 21 anni spetta qualcosa. O ricordo male?

      • fernando

        Si ma solo per chi ha quattro figli o più, minori di 26 anni. Possono essere inseriti nel nucleo famigliare ai fini ANF fino al compimento dei 21 anni a patto che siano studenti o apprendisti.

  • PATRIZIA

    HO UN COTRATTO PART TIME DI 15 ORE SETTIMANALI PER CINQUE GIORNI LAVORATIVI.
    IN CHE MISURA MI SPETTANO GLI ASSEGNI FAMIGLIARI?

  • fernando

    Premetto che per avere l’intera tariffa anf di tua spettanza devi lavorare per almeno 25 ore settimanali. Detto questo la legge stabilisce anche che ti spettano gli assegni famigliari, ove non si superano le 24 ore settimanali, ogni giorno che presti l’attività lavorativa a prescindere dalle ore svolte , purchè ci sia stata retribuzione. Se si lavora dal lunedì al venerdì si considera come lavorato il sabato. Ricapitolando: se per tutta la settimana lavori 5 giorni a prescindere dall’orario ti spetta la tariffa intera.

  • Giuseppe

    Buongiorno,
    il mio nucleo familiare è composto, oltre da me , dalla mia consorte e dai miei 3 figli;
    inoltre, insieme a me convive anche mia madre, inabile al 100% con il riconoscimento della L. 104.Vorrei sapere cortesemente se posso inserire anche quest’ultima nella domanda e qualora la risposta fosse positiva qual’è la tabella di applicazione.
    Distinti saluti.

  • fernando

    No, la legge non prevede l’inserimento della madre nel nucleo famigliare ai fini dell’ANF.

    • Giuseppe

      grazie

  • Simone

    Salve

    con un reddito annuo di circa 38.000 euro (sia io che mia moglie lavoriamo) ed un bimbo di 3 anni (ed un altro in arrivo a giorni) abbiamo diritto agli assegni familiari? chi può deve richiederli, io o mia moglie? ed, ultima domanda, alla nascita del secondo figlio dobbiamo reinviare il modulo per la modifica del nucleo familiare?

    Grazie

    • fernando

      Si, ne avete il diritto. Per la vostra fascia di reddito e con 3 persone l’assegno mensile è di €42 mentre con la nuova nascita passerà a € 73. Può richiederlo indifferentemente uno dei genitori e alla nascita del bimbo bisogna fare di nuovo la domanda presso il datore di lavoro del richiedente col modulo Anf/dip.

  • fernando

    Si, ne avete il diritto. Per la vostra fascia di reddito e con 3 persone l’assegno mensile è di €42 mentre con la nuova nascita passerà a € 73. Può richiederlo indifferentemente uno dei genitori e alla nascita del bimbo bisogna fare di nuovo la domanda presso il datore di lavoro del richiedente col modulo Anf/dip.

  • vito

    buonasera voglio chiedere un informazione io sono un bracciante agricolo e o fatto la domanda per assegnio familiare a gennaio e fin ora nn mi e arrivato ancora niente e mi sto un po a preocupare volevo sapere e normale che sta passare tutto questo tempo viso che e il primo anno che la faccio nn so come funziona grazie

  • Francesco Cuntrò

    Perfavore, vorrei mettrmi in proprio come serramentista, ho due bambibi e una moglie a carico al 100%, mi spettano gli assegni che percepivo quando lavoravo presso una ditta? grazie.

  • marinela

    buon giorno ho fatto la domanda per asegnio nucleo familiare dal febrario ancora non ho avuto nesuna risposta da inps fin anno scorso dopo che facevo la domanda dopo 15 giorni avevo anche gli soldi ora non so che fare magari posso avere un consiglio grazie.

  • santi

    salve,sono pensionato inps con reddito di 17.ooo euro circa, percepisco assegni e detrazioni per mia moglie, avremmo intenzione di andare ad abitare insieme a mia figlia al suo ragazzo e alla nipotina
    di cui lui lui dietro autorizzazione inps prende assegni e detrazioni. il suo reddito è di 20.000 circa.
    formando un unico nucleo familiare a quali cambiamenti andremo incontro? continueremo a percepire gli assegni? se si chi conviene dichiararsi capo famiglia e fare domanda? sicuramente sarà in grado di consigliarmi….grazie.

  • fernando

    premetto che gli assegni famigliari vanno richiesti da un solo componente il nucleo famigliare. Il ragazzo di sua figlia non potrà chiedere gli assegni per te e tua moglie. E nemmeno tu potrai chiedere gli assegni per tua figlia ne il suo compagno. Potrai chiedere invece, dietro autorizzazione inps gli assegni per la nipotina se non li prende già da uno dei genitori. cambia sicuramente, in modo peggiorativo, il reddito famigliare che si sommerà col suo anche quello degli altri conviventi.

  • BALAN IONEL

    Buon giorno ho fatto la domanda per asegnno nucleo familiare da giugno 2011 ancora non ho avuto nesuna risposta da inps .Grazie

  • shishi

    buona sera.. mio marito ha lavorato per 15 mesi in regola poi lanno licenziato e nn ha mai percepito assegni famigliari abbiamo un bambino di un anno e mezzo volevo chiederle che documenti bisogna portare alla sede inps visto che nn ha tutti i cud ma solo le busta paghe mi hanno detto che basta portare il numero matricola.. la ringrazio

    • fernando

      Bastano lebuste paga. Bisogna portare anche un modello anf/dip per ogni periodo che copra i 15 mesi. Il periodo per gli assegni famigliari va dal 01/07 al 30/06 dell’anno successivo.

  • MAURIZIO

    buonasera, siccome sono stato commerciante fino al 31 agosto 2011 mia moglie non poteva percepire assegni familiari per problemi di reddito .Dal 19 settemre 2011 sono dipendente con busta paga, avendo ceduto le quote dell’attivita’ nel 2011 ho solo il reddito da dipendente. Vorrei sapere se mia moglie puo’chiedere arretrati degli assegni familiari. GRAZIE

    • fernando

      Sino al 30/06/2012, ai fini dell’anf, bisogna fare riferimento ai redditi del 2010, quindi se lei era commerciante niente anf fino al 30/06/2012. Dal primo luglio 2012 potrebbe averne diritto se il reddito famigliare riferito al 2011 sia derivante almeno per il 70% da lavoro dipendente o assimilato.