INPS: nuovo assegno di sostegno al reddito

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


L'INPS ha pubblicato la circolare 201 16 dicembre 2015 riguardo al nuovo assegno di sostegno al reddito

L’INPS ha pubblicato la circolare 201 16 dicembre 2015 riguardo al nuovo assegno di sostegno al reddito introdotto dall’art. 30 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148 in attuazione del Jobs Act. La Circolare va a disciplinare gli aspetti normativi, amministrativi e operativi della gestione della nuova prestazione a sostegno del reddito.

L’assegno ordinario di sostegno al reddito è un trattamento di integrazione salariale assicurato dai Fondi di solidarietà bilaterali in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa che è concesso dall’INPS per le stesse causali previste per la cassa integrazione guadagni ordinaria (Cigo) o straordinaria (Cigs) ma in favore dei lavoratori operanti in settori che non rientrano nel campo di applicazione della Cig.

La nuova normativa introdotta con il Decreto su indicato ne modifica in modo sostanziale la disciplina per quanto attiene il termine di presentazione della domanda, la durata della prestazione, i termini per rimborso o conguaglio da parte dei datori di lavoro e le causali che ne giustificano il ricorso.

Principalmente si differenzia dal passato in quanto è stata ampliata la platea dei beneficiari delle prestazioni dei Fondi di solidarietà, obbligatori per tutti i settori che non rientrano nell’ambito di applicazione della Cigo o della Cigs, in relazione a datori di lavoro che occupano mediamente più di 5 dipendenti.

Un’altra novità riguarda la durata dell’assegno, che l’attuale sistema lega alle singole causali. Mentre prima la durata della prestazione era ricalcata sulla normativa della cassa integrazione guadagni ordinaria e pertanto non potevano essere autorizzate sospensioni eccedenti i 12 mesi, oggi la durata complessiva può raggiungere, nel caso della causale contratto di solidarietà, i 36 mesi.

Domanda di assegno di sostegno al reddito e disciplina transitoria

Le nuove regole sull’assegno di sostegno al reddito si applicano a partire dalle domande presentate a partire dal 24 settembre 2015.

  • Se la domanda è presentata dopo il 24 settembre ma riguarda interruzioni dell’attività lavorative che si sono verificate, anche solo in parte, prima di questa data, si applicano le nuove regole solo al periodo successivo al 24 settembre.
  • Per le domande presentate prima del 24 settembre che autorizzano la prestazione per un periodo in parte successivo al 24 settembre si applicano le nuove regole solo al periodo successivo al 24 settembre.

La domanda va presentata non prima di 30 giorni dall’inizio della sospensione o riduzione dell’attività lavorativa eventualmente programmata e non oltre 15 giorni dall’inizio effettivo della stessa.

Nella circolare, che trovate allegata a fondo articolo, vengono analizzati i seguenti argomenti:

  • Campo di applicazione oggettivo e soggettivo
  • Entrata in vigore
  • Causali
  • Misura della prestazione
  • Durata massima della prestazione
  • Durata massima complessiva della prestazione
  • Contribuzione correlata
  • Contributo addizionale
  • Presentazione della domanda
  • Assegno ordinario e attività di lavoro
  • Assegno ordinario e altre prestazioni
  • Flusso amministrativo
  • Pagamento delle prestazioni
  • Gestione della domanda durante il periodo transitorio
  Circolare INPS numero 201 del 16-12-2015 (540,4 KiB, 797 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti